quiet quitting

Quiet quitting: perché fare il minimo indispensabile sul lavoro è diventato globale.

L’insensatezza del lavoro moderno – e la pandemia – ha portato molti a mettere in discussione il loro approccio al lavoro.

Bartleby è tornato, anche se senza dubbio preferirebbe di no. Questa volta, il riluttante scrivano di Wall Street di Herman Melville è tornato sotto forma di TikTokers che hanno abbracciato il “quiet quitting” [NDT: letteralmente “l’abbandono silenzioso”].

Invece di lavorare fino a tardi il venerdì sera, organizzare il viaggio annuale di team building a Slough o fare volontariato per supervisionare l’esperienza lavorativa del figlio adolescente del capo, i rinunciatari silenziosi stanno evitando ben altro, e cioè la mentalità della cultura frenetica, o ciò che gli psicologi chiamano “Occupational citizenship behavior”, [NDT: cioè quei comportamenti lavorativi che non sono dei requisiti del ruolo o mansione lavorativa, ma che vengono adottati volontariamente e che il dipendente non è obbligato a mettere in campo].

Invece, fanno quel tanto che basta in ufficio per tenere il passo, quindi lasciano il lavoro in orario e silenziano Slack. Poi lo pubblicano sui social media.

Maria Kordowicz, professoressa associata di comportamento organizzativo presso l’Università di Nottingham e direttrice del suo centro per l’istruzione e l’apprendimento interprofessionale, ha affermato che l’aumento del quiet quitting è legato a un notevole calo della soddisfazione sul lavoro.

Il rapporto globale sul posto di lavoro di Gallup per il 2022 ha mostrato che solo il 9% dei lavoratori nel Regno Unito è coinvolto o entusiasta del proprio lavoro, classificandosi al 33° posto su 38 paesi europei. L’indagine sul personale del SSN, condotta nell’autunno del 2021, ha mostrato che il morale è sceso da 6,1 su 10 a 5,8 e il coinvolgimento del personale è sceso da 7,0 a 6,8.

“Dalla pandemia, il rapporto delle persone con il lavoro è stato studiato in molti modi e le analisi generalmente sostengono che sì, il modo in cui le persone si relazionano al proprio lavoro è cambiato, in tutte le professioni “, ha affermato Kordowicz.

I post di TikTok sul quiet quitting potrebbero essere stati ispirati dai social media cinesi: #TangPing , o letteralmente lo sdraiato, è un hashtag ora censurato apparentemente nato dalla ridotta forza lavorativa cinese e dalla cultura dell’orario di lavoro prolungato.

Kordowicz ha aggiunto: “La ricerca del significato è diventata molto più evidente. C’era un senso della nostra mortalità durante la pandemia, qualcosa di abbastanza esistenziale intorno alle persone che pensavano ‘Cosa dovrebbe significare per me il lavoro? Come posso svolgere un ruolo più allineato ai miei valori?’

“Penso che questo abbia un legame forse con gli elementi più negativi dello smettere di fumare: uscire mentalmente da un lavoro, essere sfiniti dal volume di lavoro e dalla mancanza di equilibrio tra lavoro e vita privata che hanno colpito molti di noi durante la pandemia.”

“Ma penso che possa portare a meno soddisfazioni sul lavoro, mancanza di entusiasmo, meno impegno. Quindi potremmo giustapporre il quite quitting con la Great Resignation. Rimaniamo fermi al nostro posto ma spegniamo? O ci muoviamo verso qualcos’alto?”

Il termine “grandi dimissioni” è stato coniato nel maggio 2021 da Anthony Klotz, professore associato di management presso l’University College di Londra, quando prevedeva un esodo dei lavoratori americani dal loro lavoro, spinto dal burnout, e dal gusto della libertà lavorando da casa.

Ranjay Gulati della Harvard Business School lo ha invece caratterizzato come un “grande ripensamento”, in cui le persone valutano la propria vita e le proprie opzioni: persone come Natalie Ormond. “Ho lasciato i miei 14 anni di carriera nel sociale lo scorso settembre”, ha detto. “Non ero spinta a fare carriera e sentivo che stavo procedendo per inerzia, non facendo il minimo indispensabile, ma facevo il mio lavoro e non andavo oltre”.

Ormond ha deciso di avviare un’attività in proprio, Smallkind, vendendo giocattoli e vestiti ecologici per bambini, e ha mantenuto il suo lavoro per accumulare risparmi. “Verso la fine, ho sentito di essermi ritirata mentalmente, il che è arrivato con un certo senso di colpa”. Era preoccupata per le persone che sosteneva come assistente sociale; quindi, se n’è andata prima del previsto.

Altri hanno raggiunto la loro ambizione e si sono resi conto che non era quello che stavano cercando.

Amie Jones ha iniziato la sua carriera nel marketing ed è diventata capo delle comunicazioni di un’organizzazione no-profit nel 2017. “Era il lavoro dei miei sogni”, ha detto. “Sembra strano dirlo adesso. Ma volevo quella posizione, lo status, lo stipendio. Ero pronta a provarci davvero”. Ha continuato a ricevere telefonate nei fine settimana, in vacanza, alle 22:30 di notte, alzandosi presto e uscendo tardi per stare al passo con i colleghi.

“È stato tutto voluto da me”, ha detto, fino a quando la sua migliore amica dell’università le ha detto che sarebbe scesa a tre giorni alla settimana. “È terribile, ma ero un po’ critica al riguardo”, ha detto Jones. “Dovevamo fare carriera insieme nell’azienda. Ma lei ha detto: “La mia attività non equivale al mio valore”. E mi sbalordì”. Entro 18 mesi, Jones aveva smesso per avviare la sua attività del Kind Kids Book Club.

Forse è da un po’ che si sta preparando il quiet quitting – dopo tutto, Melville inventò Bartleby nel 1853 e persino la Bibbia dice che Dio ha avuto bisogno di una pausa il settimo giorno. Più recentemente, le aziende tecnologiche hanno sfruttato la reazione contro la cultura del lungo orario di lavoro ispirata a Gordon Gekko degli anni ’80 creando ambienti di lavoro più casual con uffici dai colori vivaci, cibo e bevande gratuiti e gadget aziendali, avvolti nella retorica di missione e scopo.

Eppure, questo può nascondere altri problemi. Dan Lyons, un ex giornalista tecnologico, ha deriso il suo breve periodo di lavoro per HubSpot, che si definisce una società di marketing inbound che crea contenuti di valore, ma che Lyons ha descritto come una “fabbrica digitale” nel suo libro Disrupted.

“Se sei impegnato nella tua carriera e senti un legame emotivo con l’organizzazione o la carriera, e accade un evento che viola il contratto psicologico, le aspettative non scritte, allora questo abusa del nostro senso di fiducia nell’organizzazione”, ha affermato Dr Ashley Weinberg, psicologa del lavoro presso l’Università di Salford.

Le aziende più illuminate stanno progettando posti di lavoro che diano ai dipendenti il ​​controllo, l’orgoglio del proprio lavoro e un salario equo, ma questi sforzi sono minati dalla crisi del costo della vita e i lavoratori finiscono per sentirsi a corto. “Le persone parlano di soldi, e questo è importante”, ha detto Weinberg, “ma, oltre a ciò, vogliono essere rispettati per quello che fanno e in qualche modo apprezzati”.


Traduzione dell’articolo di James Tapper per The Guardian

Fonte originale dell’articolo

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.