Lavoro che cambia

Benvenuti nella YOLO Economy

YOLO Economy

Esausti e pieni di risparmi, alcuni lavoratori negli Stati Uniti stanno lasciando un lavoro stabile in cerca di un’avventura post-pandemia. Nasce la YOLO Economy

Qualcosa di strano sta accadendo agli esausti lavoratori millennials americani. Dopo un anno passato curvi sui loro MacBook, sopportando le consecutive riunioni zoom, tra pani a lievitazione naturale pedalate in Peloton, stanno capovolgendo le loro vite accuratamente pianificate e decidendo di rischiare tutto.

Alcuni stanno abbandonando lavori comodi e stabili per avviare una nuova attività, trasformare i lavori secondari e passioni in un lavoro a tempo pieno o per lavorare, finalmente, su quella sceneggiatura. Altri si fanno beffe dell’obbligo di ritorno in ufficio imposto dai loro capi e minacciano di dimettersi, a meno che non possano lavorare dove e quando vogliono.

Sono incoraggiati dall’aumento delle percentuali delle vaccinazioni e da un mercato del lavoro in ripresa. I loro conti bancari, ingrassati da un anno di risparmi dovuti dallo stare a casa e dall’aumento dei prezzi delle attività, la loro propensione al rischio è salita. E mentre alcuni di loro stanno semplicemente cambiando lavoro, altri stanno abbandonando del tutto la carriera.

Se questo movimento ha un grido di battaglia, è sicuramente “YOLO”- (You Only Live Once) “si vive solo una volta”, un acronimo reso popolare dal rapper Drake dieci anni fa e utilizzato da allora dagli allegri amanti del rischio. Il termine è un meme tra gli operatori di borsa su Reddit. Più in generale, l’acronimo ha caratterizzato l’atteggiamento di un certo tipo di impiegato annoiato negli ultimi mesi.

Per essere chiari: la pandemia non è finita e milioni di americani sono ancora in lutto per la perdita di posti di lavoro e persone care. Non tutti possono permettersi di gettare al vento la cautela. Ma per un numero crescente di persone con ammortizzatori finanziari e le loro competenze sempre più richieste, il terrore e l’ansia dell’anno passato stanno lasciando il posto a un nuovo tipo di coraggio professionale.

Progetti rischiosi

Ho iniziato a sentire queste storie quest’anno quando diversi conoscenti hanno annunciato che stavano lasciando lavori prestigiosi e ben pagati per perseguire rischiosi progetti del cuore. Da allora, un rivolo di aggiornamenti di LinkedIn si è trasformato in un torrente. Ho twittato a questo riguardo e dozzine di storie si sono riversate nelle mie caselle di posta, tutte variazioni sullo stesso tema: “La pandemia ha cambiato le mie priorità e ho capito che non dovevo vivere così”, Brett Williams, 33 anni, avvocato a Orlando, in Florida, ha avuto la sua epifania YOLO durante una mediazione Zoom a febbraio.

“Mi sono reso conto che stavo seduto al bancone della mia cucina 10 ore al giorno sentendomi infelice”, ha detto. “Ho solo pensato: ‘Cosa ho da perdere? Potremmo morire tutti domani'”. Così si è licenziato, lasciandosi dietro una posizione da socio e uno stipendio da grande azienda per lavorare in una piccola azienda gestita dal vicino di casa e per passare più tempo con la moglie e il cane.

“Sono ancora un avvocato”, ha aggiunto, “ma non ero così entusiasta di andare a lavorare da molto tempo”.

Se “languire” è l’emozione dominante del 2021, fare YOLO potrebbe essere la tendenza della forza lavoro che definisce l’anno. Un recente sondaggio Microsoft ha rilevato che oltre il 40% dei lavoratori a livello globale stava pensando di lasciare il proprio lavoro quest’anno.

Blind, un social network anonimo popolare tra i lavoratori del settore tecnologico, ha recentemente scoperto che il 49% dei suoi utenti ha pianificato di ottenere un nuovo lavoro quest’anno.

“Abbiamo tutti avuto un anno per valutare se la vita che stiamo vivendo è quella che vogliamo vivere”, ha detto Christina Wallace, docente senior presso la Harvard Business School. “Soprattutto i giovani a cui è stato detto: lavora duro, ripaga i prestiti da studente e un giorno potrai goderti la vita; molti di loro stanno mettendo in discussione questa equazione. E se volessero essere felici in questo momento? “

Temendo un esodo, i datori di lavoro stanno cercando di sollevare il morale e prevenire il burnout. LinkedIn ha recentemente concesso alla maggior parte dei suoi dipendenti una settimana di ferie retribuita, mentre ai dipendenti di Twitter è stato concesso un giorno libero in più al mese per ricaricarsi nell’ambito di un programma chiamato #DayofRest. Suisse ha dato ai suoi banchieri junior US $ 20.000 “indennità per lo stile di vita”, mentre Houlihan Lokey, un’altra azienda di Wall Street, ha concesso a molti dei suoi dipendenti vacanze completamente pagate.

Aumenti e permessi possono convincere alcuni dipendenti a rimanere fermi, ma per altri il problema è la stasi e l’unica soluzione è un cambiamento radicale.

“Sembra che le nostre carriere si siano bloccate negli ultimi dieci anni, e questa è la nostra opportunità per cambiare”, ha detto Nate Moseley, 29 anni, un acquirente di un importante rivenditore di abbigliamento. Il signor Moseley ha recentemente deciso di lasciare il suo lavoro negli Stati Uniti da 130.000 dollari l’anno prima del 1 giugno, la data in cui la sua azienda chiedeva ai lavoratori di tornare in ufficio.

Ha creato un foglio Excel chiamato “Late 20s Crisis”, che ha riempito con potenziali opzioni per la sua prossima mossa: seguire un corso di programmazione, iniziare a estrarre Ethereum, partecipare a una campagna politica del 2022, trasferirsi nei Caraibi e aprire un’attività turistica. Lo guarda regolarmente, ha detto, aggiungendo nuovi pro e contro per ogni opzione. “L’idea di tornare subito all’assetto pre-Covid suona così poco attraente dopo l’ultimo anno”, ha osservato. “Se non ora, quando mai lo farò?”

I lavoratori disillusi con soldi da spendere sono sempre andati alla ricerca di sé stessi. Ed è possibile che alcuni di questi YOLO ritrovino un lavoro stabile quando avranno speso i loro risparmi, o se le loro nuove imprese falliscono, ma uno spirito temerario sembra infettare anche i tipi di persone avverse al rischio che di solito si aggrappano alla carriera.

In parte, ciò è dovuto al fatto che sempre più persone possono permettersi di correre rischi in questi giorni. Maggiori sussidi di disoccupazione e un boom del mercato azionario hanno dato a molti lavoratori maggiori reti di sicurezza. Molti settori ora affrontano gravi carenze di manodopera, il che significa che i lavoratori in quei i campi possono facilmente trovare nuovi posti di lavoro se ne hanno bisogno. Le aperture di lavoro negli Stati Uniti sono aumentate a un massimo di due anni a febbraio ed economisti e imprenditori si aspettano un maggiore fatturato nei mesi a venire, poiché i lavoratori che sono rimasti fermi durante la pandemia iniziano a uscire dai loro bunker.

“Molte cose sono rimaste in sospeso durante la pandemia”, ha affermato Jed Kolko, capo economista di Indeed.com. “In una certa misura, stiamo assistendo ad un anno di grandi cambiamenti di vita che iniziano ad accelerare ora”.

Molte più opzioni

Oltre al saltare da un lavoro all’altro che ti aspetteresti durante i periodi di boom, la pandemia ha creato molti più posti di lavoro remoti e ha ampliato il numero di aziende disposte ad assumere al di fuori delle grandi città costiere. Ciò ha dato ai lavoratori dei settori a distanza, come la tecnologia e la finanza, più leva per chiedere ciò che vogliono.

“I dipendenti avranno una capacità di negoziazione assolutamente senza precedenti nei prossimi 18-48 mesi”, ha affermato Johnathan Nightingale, autore e co-fondatore di Raw Signal Group, una società di formazione manageriale. “Se io, come individuo, sono insoddisfatto dello stato attuale del mio lavoro, ho molte più opzioni di quelle che avevo in passato.”

Le decisioni individuali degli YOLO possono essere attribuite a molti fattori: claustrofobia, bassi tassi di interesse, l’emergere di nuovi schemi per arricchirsi rapidamente come NFT (token non fungibili) e meme stocks. Ma molti sembrano legati a una disillusione generazionale più profonda e alla sensazione che l’economia stia cambiando in modi che premiano i pazzi e puniscano i prudenti.

Diverse persone tra i 20 e i 30 anni, per lo più quelli che hanno frequentato buone scuole, lavorano in industrie di alto prestigio e non sono mai stati classificati come “lavoratori essenziali”, mi hanno detto che la pandemia aveva distrutto la loro fiducia nei tradizionali colletti bianchi e nei loro percorsi di carriera. Avevano visto i loro coetanei dalla mentalità indipendente arricchirsi, unendosi a startup o giocando d’azzardo sulle criptovalute. Nel frattempo, i loro capi li affogavano in lavori banali o cercavano di automatizzare i loro lavori, e generalmente non riuscivano a sostenerli durante uno degli anni più difficili della loro vita.

“L’anno passato ha dimostrato come le aziende apprezzino davvero la loro forza lavoro”, ha affermato Latesha Byrd, un career coach a Charlotte, nella Carolina del Nord. “È diventato difficile continuare a lavorare per aziende che operano come al solito, senza tenere conto di come le nostre vite sono cambiate da un giorno all’altro”.

Per coloro che possono permetterselo, l’avventura è nell’aria. Un dirigente di una grande azienda tecnologica, che ha parlato in condizione di anonimato, ha affermato che lei e suo marito avevano discusso di lasciare il lavoro nelle ultime settimane. La pandemia, ha detto, aveva insegnato loro che stavano giocando troppo sul sicuro con le loro scelte di vita e perdendo tempo prezioso in famiglia. Il dirigente mi ha quindi inviato una citazione del Buddha sull’impermanenza e sul valore di rendersi conto che nulla dura per sempre. O, per dirla in termini leggermente più terreni: YOLO YOLO.


Traduzione dell’articolo di Kevin Roose per il New York Times

Fonte originale dell’articolo

Immagine: Illustrazione del NYTIMES

You may also like
lavoro
La pandemia sta accelerando l’automazione del lavoro
consapevolezza
Rimanere consapevoli quando si lavora da remoto

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.