senzatetto

Cinque lezioni dalla pandemia su come porre fine definitivamente al problema dei senzatetto.

Traduzione dell’articolo di Jeremy Williams per The Conversation

Cinque lezioni dalla pandemia su come porre fine definitivamente al problema dei senzatetto.

Un sorprendente lato positivo della pandemia è stato il numero di paesi e città che sono stati in grado di ridurre significativamente il problema dei senzatetto. I lockdown hanno consentito ai governi di trattare la loro condizione come un’emergenza di salute pubblica e di agire rapidamente per accogliere e supportare le persone senza fissa dimora.

C’erano due grandi paure che riguardavano i senzatetto e la pandemia. La prima, chi non poteva stare a casa rischiava di diffondere il virus. La seconda, coloro che non avevano una fissa dimora rischiavano di essere stigmatizzati come vettori della malattia, e allo stesso tempo sarebbero stati tagliati fuori dall’accesso a cibo, sostegno e riparo. Fornire alloggi di emergenza, per la maggior parte in stanze private, e adottare misure per prevenire nuovi senzatetto ha contribuito ad alleviare queste paure.

Il nuovo rapporto del Center for Homeless Impact e IPPO Cities, parte dell’International Public Policy Observatory (di cui The Conversation è un partner), illustra in dettaglio le lezioni che possiamo imparare dal COVID su come porre fine al problema dei senzatetto a lungo termine.

  1. Porre fine ai senzatetto è un obiettivo politico realistico.

La combinazione della giusta volontà politica e dei finanziamenti ci mostra che i senzatetto possono essere quasi totalmente tolti dalla strada molto rapidamente. Ciò è accaduto per un periodo nel Regno Unito, dove tra marzo 2020 e novembre 2021 40.000 persone si sono trasferite da un alloggio di emergenza a un alloggio a lungo termine.

La necessità del Ministero della Salute Pubblica di trovare un alloggio a coloro che stavano vivendo senza una fissa dimora, ha creato un imperativo politico per un’azione radicale. Molti governi hanno fornito finanziamenti dedicati nella fase iniziale della pandemia, aumentando notevolmente le risorse disponibili per affrontare il problema.

Sebbene non tutte le migliorie siano state permanenti, il fatto che ciò sia avvenuto mostra che l’obiettivo di porre fine permanente al problema è realistico.

2. La sospensione dei criteri di ammissibilità aiuta.

Ridurre i senzatetto significa anche rimuovere le barriere che impediscono alle persone di ottenere aiuto. I governi spesso distribuiscono risorse come il sostegno abitativo in base a criteri prestabiliti, ad esempio se si sta sostenendo una famiglia. Ma la pandemia ci mostra che un approccio più universale – offrire alloggio a tutti indipendentemente dalle circostanze specifiche – funziona molto meglio.

Prima del COVID, il Regno Unito escludeva alcune persone dall’accesso a alloggi finanziati con fondi pubblici in base allo stato di immigrazione o per altri motivi di “nessun ricorso a fondi pubblici”. Ciò significava che alcuni senzatetto, molti dei quali dormivano all’aperto o nei rifugi, avevano poche prospettive di risoluzione. La rimozione di questa restrizione all’ammissibilità ha consentito a coloro che in precedenza esistevano sotto il radar delle autorità locali di accedere ai servizi ed essere ospitati e conteggiati per la prima volta.

3. La collaborazione è fondamentale

La risoluzione del problema dei senzatetto non può essere fatta dal solo governo: richiede la collaborazione con i settori del volontariato e privato che hanno le competenze specialistiche, il know-how sul campo e le risorse necessarie per un’azione efficace.

La diffusa chiusura dell’industria del turismo ha portato a una maggiore disponibilità di camere d’albergo del settore privato che sono state poi utilizzate per ospitare le persone. Questa cooperazione pubblico-privato ha consentito di ospitare le persone nelle proprie stanze, cosa importante anche per prevenire la trasmissione del COVID.

C’è stato anche il coordinamento tra i diversi servizi che in precedenza non erano direttamente coinvolti nell’alloggio e nei senzatetto. A Londra, gli operatori sanitari hanno fornito screening sanitari iniziali, mentre i professionisti della salute mentale hanno fornito sostegno ai senzatetto negli alloggi.

Rendere permanente questo tipo di collaborazione, oltre ad allontanarsi dall’uso dei rifugi e degli ostelli comunali verso le stanze singole, è necessario per porre fine definitivamente ai senzatetto. La fornitura di un alloggio autonomo durante la pandemia ha aumentato il senso di dignità e autostima delle persone oltre a prevenire la trasmissione di COVID.

4. I divieti di sfratto funzionano

Molti paesi si sono anche attivati per aiutare coloro che rischiano di diventare senzatetto introducendo divieti di sfratto, che proteggono gli inquilini dall’essere costretti a lasciare le loro case.

A Houston, negli Stati Uniti, un programma per sostenere le persone in punto di sfratto ha indirizzato 2.895 persone lontano dal rischio di diventare senzatetto verso alloggi alternativi. Un programma separato di sostegno per l’affitto ha sostenuto altre decine di migliaia di inquilini a rischi. Insieme, queste misure hanno anche consentito di indirizzare le risorse esistenti a coloro che attualmente erano senza casa.

Sebbene forse non sia possibile rendere permanente un divieto di sfratto completo, la pandemia mostra che è uno strumento utile per prevenire nuovi senzatetto.

5. È necessario un mandato chiaro

Il COVID ci ha mostrato che porre fine al problema è possibile con la giusta volontà politica e il finanziamento corrispondente. Designarla come una crisi di salute pubblica ha fornito un mandato necessario e chiaro che ha sbloccato gli strumenti per intraprendere un’azione decisiva.

Tuttavia, molti dei passi avanti fatti durante i lockdown non sono durati. I senzatetto in Inghilterra nel periodo luglio-settembre 2021 erano tornati sostanzialmente ai livelli pre-pandemia.

Affinché il tipo di azione concertata che ha funzionato durante la pandemia diventi più permanente, molti paesi richiederanno un cambiamento di approccio, compreso un ruolo più ampio per lo stato.


Fonte originale dell’articolo

Immagine: Persone foto creata da jcomp – it.freepik.com

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.