sociale

Housing sociale a confronto tra paesi di tutto il mondo

Traduzione dell’articolo di Niall Patrick Walsh per Archdaily

La sicurezza e la dignità di una casa di buona qualità è una delle qualità più importanti e liberatorie della società. Per le persone che subiscono pressioni finanziarie o sociali, molti paesi offrono una qualche forma di sistema di edilizia residenziale pubblica o sociale. Sebbene non esista una definizione fissa di alloggi sociali, spesso implica la progettazione, la costruzione e l’assegnazione di alloggi da parte delle autorità governative o di organizzazioni senza scopo di lucro.

Belgio

Nel sistema belga, l’edilizia sociale è prevista per le persone a basso reddito, siano esse individui o famiglie. Per 40 anni, il sistema di edilizia sociale è stato decentrato nelle tre regioni del Paese: la Regione di Bruxelles, la Regione fiamminga e la Regione Vallone. Gli alloggi sociali possono essere forniti da comuni, aziende pubbliche, cooperative o organizzazioni senza scopo di lucro.

Il Belgio ha organizzato il suo stock di alloggi sociali in due categorie. L’alloggio “sociale” si rivolge a persone in difficoltà sociali o finanziarie e viene assegnato in base a una combinazione di livelli di reddito e gruppi di priorità. Nel frattempo, gli alloggi “intermedi” vengono assegnati a persone in situazioni meno precarie, ma che necessitano comunque di assistenza pubblica. Circa il 6,5% del mercato immobiliare belga è costituito da alloggi sociali, per un totale di oltre 280.000 unità.

Cile

Negli ultimi 30 anni, il Cile ha fatto passi da gigante nel dare l’accesso ad alloggi a prezzi accessibili. L’OCSE sottolinea che la percentuale di famiglie e individui che non hanno un alloggio, o alloggi al di sotto degli standard, è scesa dal 23% nel 1992 al 10% nel 2011. Tuttavia, la scarsa qualità e il sovraffollamento degli alloggi rimangono un problema rispetto agli standard internazionali, poiché fa la segregazione residenziale nelle aree urbane.

Le disposizioni per alloggi a prezzi accessibili e sociali in Cile includono sussidi alle famiglie a basso e medio reddito, schemi di affitto ad acquisto e sussidi per l’affitto. Programmi come il Subsidios para Acondicionamiento Termico de la Vivienda offrono anche sussidi per la rigenerazione abitativa per le famiglie nei primi tre quintili della distribuzione del reddito, compresa la riparazione di tetti e pareti e il miglioramento dell’efficienza energetica.

Paesi Bassi

Nei Paesi Bassi, l’alloggio sociale, noto come “sociale huurwoningen”, viene offerto ai cittadini a una tariffa agevolata. Chi vive in case sovvenzionate non paga più di 710,68 euro al mese, con il contributo del governo per il resto. I controlli sugli affitti significano che i prezzi non possono aumentare di oltre il 4,3% all’anno. L’amministrazione dell’alloggio avviene tramite un sistema a punti, che determina il valore dell’immobile in cui vivrà il richiedente, e quindi il suo canone. La supervisione del sistema è svolta dal Centraal Fonds Volkshuisvesting (fondo centrale per l’edilizia abitativa).

Le associazioni edilizie, note come “toegelaten instellingen”, gestiscono l’edilizia sociale nei Paesi Bassi, così come il quartiere circostante, monitorando i graffiti, prevenendo la criminalità e mantenendo le strutture pubbliche dai parchi giochi ai parcheggi. Gestiscono oltre 2,4 milioni di unità a livello nazionale.

Messico

In Messico, l’alloggio per i gruppi a basso reddito è fornito da alloggi di auto-aiuto, dove le famiglie svolgono un ruolo importante nella costruzione delle proprie case, o alloggi sociali. Negli ultimi dieci anni sono stati introdotti diversi programmi per aiutare l’edilizia sociale oa prezzi accessibili. I programmi “Tu Casa” e “Vivienda Rural” forniscono sovvenzioni per la costruzione di nuove case, l’acquisto di case esistenti e la ristrutturazione di case.

Nel 2007 è stato introdotto il programma “Esta es tu Casa” per aiutare le famiglie il cui reddito era inferiore a cinque volte il salario minimo per l’acquisto, la costruzione o il miglioramento di una casa. I fondi vengono rilasciati attraverso organi esecutivi come banche, istituti di edilizia abitativa. La produzione di alloggi sociali sta ora incorporando priorità come la sostenibilità e la ridensificazione nel centro città.

Spagna

La Costituzione spagnola garantisce il diritto all’alloggio ai cittadini spagnoli. Poiché il paese sta affrontando una crisi abitativa, gli aumenti degli affitti sono consentiti solo ogni cinque anni e sono legati al tasso di inflazione.

A differenza di molti paesi europei, il patrimonio immobiliare spagnolo è quasi interamente dei privati proprietari, con il 95% delle unità in affitto di proprietà di privati, piuttosto che di istituzioni. Ciò è filtrato nel sistema dell’edilizia sociale, dove un numero elevato di case sociali viene concesso a condizioni di proprietà, piuttosto che a schemi di affitto sovvenzionati.

Stati Uniti

L’edilizia sociale negli Stati Uniti assume spesso la forma di “alloggi sovvenzionati” amministrati da agenzie federali, statali e locali. Gli alloggi pubblici hanno un prezzo inferiore alle tariffe di mercato, con i programmi federali che spesso offrono tariffe mensili al 30% del reddito della famiglia. Più di 1,2 milioni di famiglie classificate come case popolari in tutto il paese, gestite da 3300 associazioni di case popolari.

L’idoneità all’edilizia residenziale pubblica negli Stati Uniti si basa sul reddito lordo annuo, sulla cittadinanza o sullo stato di immigrazione o sulle indennità per gli anziani, le persone con disabilità o le famiglie. Mentre le associazioni locali per l’edilizia abitativa amministrano l’edilizia sociale, la responsabilità ultima spetta al Dipartimento per l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (HUD).


Fonte originale dell’articolo

Immagine: Photo by Claude Hein on Unsplash

Gallery

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.