campagna

Questi paesi stanno pagando le persone per trasferirsi in campagna

Nel 2020, un paesino della campagna italiana con appena 115 residenti ha offerto più di 44.000 euro (47.000 dollari) in finanziamenti per il trasferimento.

Portogallo, Irlanda e Australia sono alcuni dei paesi che offrono incentivi per la ricollocazione rurale.

Il COVID-19 e il lavoro a distanza hanno reso il trasferimento nelle zone rurali e di campagna più possibile – e desiderabile – per alcuni.

La campagna ha bisogno di te e molti comuni rurali ti pagheranno per trasferirti lì. Per alcuni, la pandemia e la possibilità di lavorare da remoto lo hanno reso possibile. Ecco alcuni esempi di sovvenzioni retribuite per il trasferimento nelle aree rurali.

Trasferimento nel Portogallo rurale

Nel 2020, il Portogallo ha lanciato un programma di sovvenzioni rurali chiamato Emprego Interior MAIS (Inland Employment PLUS).

I lavoratori che si trasferiscono nelle zone rurali e di campagna possono richiedere finanziamenti fino a 4.827 euro. Nella maggior parte dei villaggi portoghesi, questo sarebbe sufficiente per coprire l’affitto annuale di una piccola casa, afferma il Financial Times. I candidati devono rimanere per almeno un anno.

Gli incentivi alla ricollocazione dell’Irlanda

In Irlanda, lo scorso anno il governo ha presentato un piano per attirare i lavoratori nelle città e nei villaggi rurali nell’ambito della sua politica sul futuro rurale. Comprende sovvenzioni per il trasferimento e incentivi fiscali per i lavoratori che si spostano nelle zone rurali.

Attraverso un fondo di rigenerazione rurale da 1 miliardo di euro, il governo irlandese finanzia anche la creazione di 400 centri di lavoro a distanza nelle aree rurali con accesso a Internet ad alta velocità. Questi saranno creati convertendo edifici come municipi, teatri e cinema.

L’appello dell’Italia per i nuovi residenti rurali

Nel sud Italia, il Comune di Santo Stefano di Sessanio, borgo medievale di 115 abitanti, ha avviato nel 2020 un piano di ricollocazione che prevede sovvenzioni fino a 8.000 euro l’anno per tre anni.

L’offerta prevedeva una casa per un “affitto simbolico” e un contributo a fondo perduto fino a 20.000 euro per una start up imprenditoriale.

Il comune voleva combattere lo “spopolamento e la desertificazione” delle aree rurali, ha affermato. Dei 115 abitanti di Santo Stefano di Sessanio, 41 avevano più di 65 anni e solo 13 avevano meno di 20 anni, ha aggiunto il comune.

Fatti pagare per trasferirti negli Stati Uniti o in Australia

Il Vermont, uno stato nel nord-est degli Stati Uniti, offre fino a 7.500 dollari per coprire le spese di trasferimento dei lavoratori che vi si trasferiscono.

I suoi schemi includono la New Remote Worker Grant, per i lavoratori che lavorano a distanza per un datore di lavoro da un ufficio a casa o da uno spazio di co-working nel Vermont.

L’Australia offre anche assistenza per il trasferimento, incluso fino a AUS $ 6.000 se ti trasferisci in un’area regionale.

Altri luoghi che hanno offerto incentivi in ​​denaro per trasferirsi lì includono Spagna, Grecia, Svizzera e Croazia.

campagna
La pandemia ha alimentato una spinta in America a trasferirsi dalle città alle aree rurali. Immagine: Gallup

I lavoratori a distanza possono trasferirsi

Le aree rurali sono da tempo in competizione con paesi e città per posti di lavoro, talenti e investimenti.

Ma dal COVID-19, le nuove modalità di lavoro a distanza consentono alle persone di lavorare da qualsiasi luogo.

I sondaggi hanno mostrato un crescente interesse a trasferirsi nelle zone rurali. Un sondaggio di Gallup nel 2020 ha rilevato che quasi la metà di tutti gli adulti negli Stati Uniti ha affermato che preferirebbe vivere in una piccola città o in una zona rurale.

In un recente sondaggio Microsoft condotto su 31.000 persone in 31 paesi, il Work Trend Index 2022, il 52% dei lavoratori della Generazione Z, quelli nati tra la metà degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2010, afferma che sta valutando la possibilità di trasferirsi in una nuova sede perché è in grado di per lavorare a distanza.

Per aiutare a colmare il divario digitale e consentire l’accesso globale a servizi e opportunità online essenziali, World Economic ha lanciato The EDISON Alliance a Davos nel 2021. Composto da leader del settore pubblico e privato che stanno dando la priorità all’inclusione digitale come fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo della sostenibilità delle Nazioni Unite, sta lavorando per: “Migliorare un miliardo di vite a livello globale attraverso soluzioni digitali accessibili e accessibili, almeno, salute, finanza e istruzione entro il 2025”.


Traduzione dell’articolo di Victoria Masterson per il World Economic Forum

Fonte originale dell’Articolo

Immagine: Estate foto creata da wirestock – it.freepik.com

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.