Le aree giochi verdi potrebbero rafforzare il sistema immunitario dei bambini.

Traduzione dell’articolo di Victoria Masterson per il World Economic Forum

Un nuovo studio suggerisce che rendere le aree giochi all’aperto più verdi e più ricche di biodiversità potrebbe migliorare il sistema immunitario dei bambini in un mese.

Scienziati in Finlandia hanno ricoperto i campi da gioco delle scuole materne cittadine con sottobosco, manto erboso e fioriere.

Dopo 28 giorni, lo studio sperimentale ha rilevato che i bambini (di età compresa tra i tre ei cinque anni) nei parchi giochi modificati sembravano avere una maggiore diversità di microbi sulla pelle e nelle viscere rispetto ai bambini nei parchi giochi con pavimentazione, piastrelle e ghiaia. Lo studio dimostra che questo potrebbe migliorare la regolazione del loro sistema immunitario.

Sebbene l’esperimento finlandese fosse di piccole dimensioni, coinvolgendo solo 75 bambini in 10 sedi, Aki Sinkkonen, ricercatore presso il Natural Resources Institute Finland, che ha guidato il lavoro, afferma che i risultati sono convincenti e che sono in corso ulteriori studi.

“Le aree del cortile di tutti gli asili nido dovrebbero essere trasformate in aree verdi”, afferma Sinkkonen, “perché ciò migliorerà la regolazione del sistema immunitario dei bambini in solo un mese”.

L’ipotesi della biodiversità

Quando siamo in contatto con la natura, ci esponiamo a un’ampia gamma di microbi, attivando diverse parti del nostro sistema difensivo, spiega lo studio. Il ridotto contatto con gli ambienti naturali e la biodiversità, tuttavia, può influire negativamente sul sistema immunitario – questa è nota come ” ipotesi della biodiversità “.

I ricercatori finlandesi affermano che le loro scoperte supportano l’idea che una bassa biodiversità negli ambienti di vita moderni potrebbe portare a sistemi immunitari “non istruiti” e una maggiore prevalenza di malattie immuno-mediate.

Studi precedenti hanno scoperto che i bambini che vivono nelle zone rurali e che sono a contatto con la natura hanno una minore probabilità di contrarre una malattia derivante da disturbi del sistema immunitario, afferma Sinkkonen.

Il numero di malattie autoimmuni, in cui il sistema immunitario attacca il corpo, è in aumento nelle nazioni sviluppate. Le condizioni includono diabete di tipo 1, sclerosi multipla, artrite reumatoide, lupus e celiachia.

Sebbene la causa alla base della malattia autoimmune sia ancora sconosciuta, la teoria più comune, secondo la Harvard Medical School, è che una particolare formazione genetica renda alcune persone inclini a “malfunzionamenti” del sistema immunitario. Quindi, quando incontrano un fattore scatenante ambientale, come un’infezione o una tossina, questo scatena una malattia autoimmune.

I benefici per la salute dell’essere nella natura sono stati a lungo promossi in tutto il mondo. Ad esempio, il “bagno nella foresta” – essenzialmente, essere in presenza di alberi – fa parte del programma di salute pubblica in Giappone dagli anni ’80.

Trascorrere almeno 120 minuti a settimana nella natura è associato a buona salute e benessere, secondo una ricerca condotta dal Centro europeo per l’ambiente e la salute umana nel Regno Unito.

Sulla rivista Nature, gli autori del rapporto affermano: “Un numero crescente di prove epidemiologiche indica che una maggiore esposizione o contatto con ambienti naturali (come parchi, boschi e spiagge) è associata a una migliore salute e benessere, almeno tra le popolazioni in società ad alto reddito, in gran parte urbanizzate.

Negli adulti, vivere in aree urbane più verdi è associato a minori probabilità di malattie cardiovascolari, obesità, diabete, ospedalizzazione per asma, disagio mentale e, in definitiva, mortalità, afferma il rapporto. Nei bambini, i risultati associati sono minori rischi di obesità e miopia.


Fonte originale dell’articolo

Immagine: Photo by Robert Collins on Unsplash

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.