Varie

COP26: Una guida di 4 minuti di uno scienziato del clima

COP26

La COP26, che si sta svolgendo a Glasgow, è l’ultimo di una serie di incontri attraverso i quali i governi del mondo tentano di affrontare il cambiamento climatico.

COP sta per “Conference of the Parties”: questi 197 partiti sono i paesi membri delle Nazioni Unite, più alcuni piccoli paesi non membri delle Nazioni Unite e l’Unione Europea, che sostengono la Convenzione quadro sui cambiamenti climatici. Questo è stato istituito nel 1992 per organizzare una risposta globale a quello che la maggior parte delle persone allora chiamava “effetto serra”. È la COP26 semplicemente perché questo è il 26° incontro.

Il luogo delle riunioni della COP cambia ogni volta. L’ultimo incontro è stato a Madrid nel 2019. Non c’è stato COP nel 2020 a causa del COVID-19. Il COP più importante finora è stato l’incontro del 2015 a Parigi, che ha concordato di “limitare il riscaldamento globale ben al di sotto di 2℃, preferibilmente a 1,5℃, rispetto ai livelli preindustriali”.

È possibile porsi un obiettivo del genere perché la ricerca scientifica ha riconosciuto una stretta relazione tra la quantità di anidride carbonica nell’atmosfera globale e la sua temperatura media.

Al fine di raggiungere l’obiettivo di “ben al di sotto di 2, preferibilmente 1,5 “, l’accordo di Parigi si è impegnato a “raggiungere il picco globale delle emissioni di gas serra il prima possibile per raggiungere un mondo climaticamente neutro entro la metà del secolo”.

Il compito principale della COP26 è quello di mantenere questo impegno e produrre piani realistici per ridurre le emissioni globali di carbonio a livelli che mantengano il riscaldamento globale del 21° secolo il più vicino possibile a 1,5.

Come si può immaginare, riuscire a far accettare a 197 paesi diversi, tutti con le proprie circostanze e interessi, tali piani non è esattamente semplice: dopotutto, ci sono voluti 23 anni per arrivare all’accordo di Parigi. Il più famoso, Donald Trump, ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo di Parigi quando era presidente, anche se è tornato dopo l’elezione di Joe Biden. Quindi c’è qualche incertezza sul successo della COP26.

Il problema principale che deve affrontare la COP26 è che gli NDC combinati di tutte le parti non sono sufficienti per raggiungere l’obiettivo di 1,5℃ dell’accordo di Parigi. Se si combinano tutti i piani attuali e le promesse contenute nelle NDC, che porterebbero ad un aumento della temperatura globale di 2,4 ℃ entro l’anno 2100 e se si guarda a emissioni effettive ora, porterebbero ad un aumento della temperatura globale di 2,9 ℃ da 2100.

COP26
Fonte:  Climate Action Tracker

Quindi c’è bisogno di NDC molto migliorati, oltre a modi efficaci per garantire che i paesi riducano effettivamente tutte le emissioni a cui si sono impegnati. Uno dei modi più importanti per i paesi ricchi è fornire sostegno finanziario per consentire ai paesi meno ricchi di ridurre le emissioni, che era una parte importante dell’accordo di Parigi ma non è stato ancora pienamente attuato.

Perché questo è importante?

La COP26 è importante perché la finestra si sta rapidamente chiudendo sull’obiettivo di 1,5℃ dell’accordo di Parigi: se le emissioni non diminuiscono molto rapidamente, molto presto, sarà stato aggiunto troppo carbonio all’atmosfera per evitare che la temperatura aumenti. Le emissioni attuali devono essere dimezzate entro il 2030 per avere circa 50:50 di possibilità di mantenersi a 1,5℃. Più a lungo il mondo ritarda prima di tagliare le emissioni, più severi dovranno essere i tagli per raggiungere l’obiettivo, o l’obiettivo verrà mancato del tutto.

L’Accordo di Parigi è importante perché un mondo a 1,5℃ è più sicuro di un mondo a 2℃. Ad esempio, la proporzione della popolazione mondiale esposta a un forte caldo almeno una volta ogni cinque anni è quasi tre volte superiore a 2℃ rispetto a 1,5℃. La riduzione dei raccolti di mais nelle regioni tropicali è oltre il doppio di 2℃ e le barriere coralline verrebbero in gran parte eliminate.

Se la COP26 non ha successo, non significa che siamo condannati. Ma renderebbe più difficile evitare gli effetti peggiori dei cambiamenti climatici, come siccità, ondate di caldo, inondazioni e innalzamento dei mari. Forse è meglio vedere la COP26 come parte del progetto a lungo termine per mantenere la Terra il più sicura e abitabile possibile per tutta la sua gente, e più avrà successo, più sarà facile.


Traduzione dell’articolo di Richard Hodgkins per The Conversation

Fonte originale dell’articolo

Immagine: Foto di Blue Ox Studio da Pexels

You may also like
social media
La risposta dei social media alle rivolte statunitensi solleva nuove domande per le regole tecnologiche dell’UE

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.