Lavoro che cambia

L’ascesa e la caduta del lavoro da casa

casa
0
Traduzione dall’articolo di Rebecca Greenfield, Bloomberg.

Il lavoro da casa si estinguerà.

Lo scorso anno, Richard Laermer decise di lasciare regolarmente lavorare da casa i suoi dipendenti. “Assumiamo adulti, non dovrebbero essere legati all’ufficio cinque giorni a settimana” dice Laermer, che è il proprietario di una Società di pubbliche relazioni a New York. “Ho sempre sostenuto che puoi fare il tuo lavoro dappertutto, basta che tu lo svolga davvero”.

Viene fuori che aveva torto.

I dipendenti approfittarono del vantaggio, dice Laermer. Uno rimase irraggiungibile per ore. Un altro non aveva comunicato con i suoi colleghi per tutto il giorno, il che risultava sospetto. L’ultima goccia, dice, fu quando qualcuno si rifiutò di venire ad una riunione perché aveva già programmato di andare dagli Hamptons. “Questa fu la cosa più incredibilmente irritante che abbia sentito negli anni”.

In dieci mesi Laermer ha rottamato i benefici e ora richiede a tutti i suoi dipendenti di venire in ufficio ogni giorno.

Mentre il telelavoro, il termine racchiude ogni lavoro che si svolge fuori dal tradizionale ufficio, ha avuto un boom negli ultimi 20 anni, alcuni uffici stanno ripensando le politiche troppo permissive. Il lavoro flessibile rimane popolare in molte organizzazioni, ma la maggior parte delle aziende vogliono i loro lavoratori in ufficio per almeno alcune, se non la maggioranza, delle ore di lavoro. Più del 60 percento delle organizzazioni intervistate quest’anno dalla Human Resource Management dicono di permettere alcuni tipi di telelavoro. Ma questo termine ha diverse declinazioni, e il 77 percento delle organizzazioni non permettono alle persone di lavorare da casa full-time. Molti datori di lavoro concedono il lavoro da casa ad-hoc per coloro che necessitano di rimanere a casa per l’idraulico o per aspettare un pacco.

Le tecnologie come le chat o i programmi di collaborazione hanno reso possibile il lavoro da casa per molti colletti bianchi negli ultimi 20 anni. Gli impiegati adorano la flessibilità, valutandoli positivamente tra i benefici di un’azienda. I genitori in particolare dicono che è “estremamente importante”. I ricercatori hanno dibattuto sul fatto che il lavoro non convenzionale potrebbe persino aiutare diminuire il divario nella paga.

Nel tentativo di attrarre e mantenere gli impiegati (e tagliare i costi degli affitti) le aziende hanno permesso più lavoro da casa, e gli impiegati ne hanno approfittato. Allo stesso tempo, il lavoro è diventato più collaborativo. Una ricerca del 2006 della Deloitte ha scoperto che solo il 38 percento delle aziende sono oggi funzionalmente organizzate con lavoratori raggruppati per tipo di lavoro. La maggior parte includono gruppi di collaborazione che cambiano a seconda del lavoro. Deloitte ha scoperto che una organizzazione Californiana era costituita da più di 30.000 team che cambiavano costantemente. “Ecco perché stiamo assistendo al tramonto del lavoro remoto” dice Erica Volini, direttrice delle risorse umane alla Deloitte. “Per poter lavorare in gruppo abbiamo bisogno di un livello di collaborazione più alto.”

Alcune organizzazioni hanno scoperto che le politiche più permissive sul lavoro da casa tenevano i lavoratori troppo isolati per il tipo di lavoro che svolgevano. “Queste aziende avevano esagerato con il lavoro virtuale” aggiunge Volini.

L’IBM è una di queste aziende. Nei primi mesi di quest’anno il gigante tecnologico ha informato 2.000 lavoratori americani che non potevano più lavorare da casa e altrettanti lavoratori che dovevano presentarsi in ufficio più spesso. Di fronte a 20 uffici consecutivi con un calo nei ricavi, l’IBM spera che riportare insieme le persone porterà a lavoratori più veloci, più produttivi e più creativi.

“La strategia dell’IBM è quella di adottare i migliori metodi di lavoro affinché il lavoro sia svolto” dice un rappresentante dell’IBM. “Per esempio piccoli team multidisciplinari di ingegneri, coders, project manager e designer lavorano in prossimità, spesso direttamente con i clienti o gli utilizzatori finali, generando e rifinendo costantemente le idee”.

Una delle sfide del terminare il lavoro remoto è quella di mantenere i lavoratori felici. “Richiederà organizzazione per pensare a come dare flessibilità alla forza lavoro” dice Volini di Deloitte. IBM, per esempio, è stata attenta a non eliminare tutti gli accorgimenti del lavoro flessibile. L’azienda offre ancora forme di lavoro da casa ad-hoc per venire incontro agli appuntamenti e al prendersi cura dei figli.

Avere tutti in ufficio ha avuto “un impatto abbastanza positivo” sul lavoro, dice Learmer. Le riunioni sono più proficue, e il morale degli impiegati è migliorato, dice. Laermer afferma che agli impiegati “non importa” perdere la loro libertà. “I più giovani hanno bisogno di una struttura”, dice, aggiungendo che hanno dei piccoli appartamenti e potrebbero non essere dei luoghi adatti a lavorare. Continua ad offrire orari flessibili e permette ai lavoratori di andarsene alle 15:00 il venerdì.

“Credo che le persone abbiano bisogno di fiducia” dice Laermer. “Ma il lavoro da casa deve essere ad personam, e non può essere usato troppo spesso. Semplicemente non funziona.”

 

Fonte originale dell’articolo.

You may also like
team
Il tuo team non lavora per te. Tu lavori per loro.
Migranti richiedenti asilo e l’inserimento lavorativo

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage