Lavoro che cambia

La tua motivazione è ancora in vacanza?

vacanza

La vacanza è una parte importante del tuo anno lavorativo. Prendersi del tempo per rilassarsi, riflettere e ricaricarsi ha diversi vantaggi. Eppure, esiste quel momento in cui la tua vacanza finisce, ma la tua motivazione per tuffarti di nuovo nel lavoro non arriva. Se lavori da remoto, potrebbe essere particolarmente difficile rientrare nella tua routine, perché non sei vicino ai colleghi che hanno lavorato costantemente mentre eri via.

Ci sono molte ragioni per cui potresti avere difficoltà a portare a termine il lavoro dopo le vacanze. Prima di prendere provvedimenti per ritrovare l’energia, devi capire meglio il motivo per cui hai problemi a iniziare. Ecco tre motivi comuni per cui sei lento a tornare in gioco e cosa fare al riguardo.

La montagna sembra troppo alta da scalare

La vacanza ti tiene fuori dall’ufficio e questo crea una distanza fisica e mentale dal tuo lavoro. Molte ricerche suggeriscono che più sei distante da qualcosa, più pensi ad esso in maniera astratta.

Quando si tratta del lavoro, la distanza è un’arma a doppia lama. Può aiutarti a pensare alle tue priorità, ma può anche far sembrare insormontabile il volume del lavoro da fare. Se hai un grande progetto da completare, potresti avere difficoltà ad immaginare come realizzarlo effettivamente. La sensazione che un progetto non possa essere realizzato è paralizzante, perché gli studi dimostrano che la tua motivazione a completarlo è aumentata sia dall’importanza del lavoro che stai facendo sia dalla probabilità che sarai effettivamente in grado di completarlo. In altre parole, se non pensi di poter portare a termine un determinato compito, è improbabile che tu possa raccogliere le energie per lavorarci.

Ciò significa che devi trasformare l’attività astratta in passaggi specifici che puoi completare. Torna alla tua lista di cose da fare e dedica tempi specifici per affrontare particolari componenti del progetto. Chiedi consiglio ad altri che hanno avuto successo in progetti simili se hai bisogno di aiuto per determinare i prossimi passi da compiere. Inoltre, contatta i colleghi di cui avrai bisogno per scoprire quando possono essere disponibili a fare la loro parte. Usa la loro disponibilità per aiutarti a fissare le scadenze per il completamento di particolari aspetti del lavoro.

Niente sembra importante

Una seconda cosa che fa la vacanza è cambiare la tua prospettiva sulla tua vita quotidiana. Il tuo impegno con le attività dipende dall’energia motivazionale che metti dietro di esse. Quando entri nella routine di andare al lavoro e fare la prossima cosa che deve essere fatta – partecipi alle riunioni del tuo calendario, spunti le voci sulla tua lista di cose da fare e ti occupi delle richieste che fanno i colleghi e i clienti — la giornata lavorativa probabilmente passa in fretta. Poi viene il tempo a casa che può anche essere una confusione di responsabilità familiari, faccende domestiche e un po’ di tempo per rilassarsi. Non hai molto tempo ogni giorno per concentrarti sull’impatto complessivo del lavoro che stai facendo o per pensare agli altri modi in cui potresti trascorrere il tuo tempo.

Quando vai in vacanza, riallinei le tue priorità. È probabile che trascorri del tempo con la famiglia o gli amici e ti riconnetti con altre passioni come i viaggi, l’esercizio fisico o semplicemente sdraiati con un buon libro.

Quando torni al posto di lavoro, potresti dover convincerti che le attività che stai svolgendo valgono lo sforzo. Prenditi il tempo necessario per guardare il lavoro che hai svolto negli ultimi mesi e catalogare ciò che si è aggiunto. Quali sono le cose più importanti che hai realizzato? In che modo hai influenzato la vita delle altre persone?

Il vero senso del tuo lavoro deriva dalla voglia di vedere come i compiti che svolgi sono collegati combinata a una serie più significativa di risultati (anche se fai solo parte di una squadra molto più grande). E molte ricerche sulla felicità sul posto di lavoro suggeriscono che quando senti che il tuo lavoro serve a uno scopo più ampio che ti connette ad altre persone, provi anche una maggiore soddisfazione per i compiti che svolgi. Il ritorno dalle vacanze può aiutarti a concentrarti sui modi in cui il tuo lavoro non è solo un lavoro, ma anche una vocazione.

Essere ad un punto morto.

Anche se credi profondamente nella missione che sta dietro al lavoro che stai facendo, potresti comunque avere problemi a riprendere il tuo lavoro dopo aver preso una pausa. Può darsi che tu sia solo annoiato dall’insieme di attività che stai eseguendo.

Le persone sono più coinvolte nel loro lavoro quando lavorano proprio al limite di ciò che sono in grado di fare (quello spazio tra un compito troppo facile e un compito troppo difficile) e dove ogni azione ha successo e porta naturalmente alla successiva. Se non provi questo senso di impegno quotidiano, il lavoro in cui ti trovi potrebbe non essere più una sfida per te. Andare avanti nella tua carriera (sia con l’azienda in cui ti trovi ora o con una nuova) richiede due passaggi chiave.

Innanzitutto, identifica un ruolo che ti fornisca la sfida che desideri. Potrebbe essere utile lavorare con un mentore per aiutarti a trovare nuove opportunità che potrebbero essere interessanti. In secondo luogo, pensa alle competenze aggiuntive di cui hai bisogno per essere adatto a quei ruoli. Durante la pandemia, molte persone hanno rimandato la formazione e l’istruzione aggiuntive che potrebbero migliorare le proprie capacità. Tuttavia, molti ottimi corsi di formazione e altri corsi di università e altri enti formativi si sono trasferiti online. C’è anche una vasta gamma di corsi di laurea e opzioni non creditizie su misura per le persone che cercano di avanzare nella propria carriera. Nuove conoscenze e abilità possono aiutarti a ricaricare le energie quando hai difficoltà a essere motivato.

L’obiettivo è affrontare i fattori a breve e lungo termine che indeboliscono il tuo procedere. Avere dei passaggi consequenziali concreti collegati a una missione chiave, massimizza la tua motivazione per portare a termine il lavoro. Pensando alla prossima generazione di competenze che devi acquisire, aiuti anche a mantenere a lungo termine quella motivazione.


Traduzione dell’articolo di Art Markman per Harvard Business Rewiew

Fonte originale dell’articolo

Immagine: Photo by Memories on 35mm on Unsplash

You may also like
Le startup in Italia
competenze
Immaginare il futuro delle competenze: cosa ne pensano i giovani?

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.