Lavoro che cambia

Educatori psichiatrici: il corso di formazione

formazione
0

Esiste un fenomeno diffuso in Italia rispetto alla malattia psichiatrica e al più generale disagio psichico che è in costante ed allarmante aumento. La diffusione di diagnosi per depressione, di comportamenti compulsivi e di dinamiche border line, di situazioni di dipendenza e di più banali disturbi dell’apprendimento avanza costantemente e coinvolge tutte le età. Ma all’interno di un fenomeno complessivamente preoccupante, è l’enorme aumento di tale condizione da parte dei minori con una difficoltà sempre più evidente del sistema dei servizi assistenziali e sanitari a farvi fronte.

Una situazione, quella dei minori con manifestazioni di disagio psichico, che trova una generale impreparazione del sistema dei servizi, a gestirla in maniera adeguata. Il minore con depressione comporta una richiesta di intervento riabilitativo molto complessa, perché deve gestire l’equilibrio di impattare tale condizione mantenendo però l’attenzione verso una personalità che in fase di costruzione. Spesso diviene davvero molto difficile capire dove sia il confine tra una sorta di naturale disagio della condizione adolescenziale e una “innaturale” manifestazione psicotica dovuta a fattori diversi. E se è difficile osservare e comprendere la situazione psicotica, diviene ancora più complesso intervenire su di essa in termini di riabilitazione.

Stanno così sorgendo in questi anni in Italia molte strutture che si specializzano su questa tipologia di interventi e che necessitano quindi di una specifica competenza e metodologia di lavoro. Strutture che in alcuni casi sono anche all’interno di un guado normativo non sempre ben definito. Pensiamo ad esempio alla regione Marche dove siamo in attesa di vedere uscire i regolamenti della legge 21/2016 sull’autorizzazione e accreditamento delle strutture socio-sanitarie, che andrà probabilmente a regolamentare anche strutture per minori che abbiamo questa peculiare missione. Che si occupino cioè di differenti livelli di disagio mentale e di manifestazioni psicotiche.

Per realizzare questo tipo di interventi, uno degli elementi decisivi e maggiormente delicati, è quello che riguarda la preparazione del personale che lavora in servizi di questo tipo. Si tratta di professionalità che spesso costruiscono la loro formazione sul campo in quanto è ancora piuttosto debole la formazione superiore dedicata a tali professioni di cura. In generale i corsi per educatori professionali – gli educatori formati nelle facoltà di medicina – hanno da alcuni anni un focus maggiormente attento a questa specifica tipologia di pubblico, ma senz’altro c’è ancora molta strada da fare. Anzitutto perché quando si interviene su un minore con manifestazioni psicotiche si stanno facendo contemporaneamente due mestieri complessi: quello di occuparsi della formazione di un minore che si prepara ad affrontare efficacemente la vita adulta; quello di accompagnare la riabilitazione di una persona in ambito psichiatrico. Ed è proprio questo incrocio complesso e delicato ad essere poco presidiato dal sistema formativo e quindi a vedere la necessità di una azione che permetta di adeguare le professionalità socio-sanitarie alla portata dei problemi.

È per questo che AgenziaRES ha deciso di occuparsi di questa necessità, proponendo un corso per educatori in ambito psichiatrico con specifica destinazione a strutture per minori. Si tratta di un corso sperimentale con il quale si vuole garantire un’offerta alle nuove strutture che stanno sorgendo nella regione, ma anche in quelle vicine. Che vuole anche offrire un aggiornamento ad operatori già occupati, ma per i quali si pone la necessità di rielaborare la pratica quotidiana per dare un senso e – verrebbe da dire – un’epistemologia alla loro azione. È proprio quest’ultimo fattore che troppo spesso è assente nel lavoro di cura, ancora a volte malato di una curatela non poggiata su solide basi scientifiche e di teoria di intervento.

Ci proviamo quindi con questa proposta formativa costruita insieme ad alcune strutture del territorio che potranno ospitare gli stage degli allievi e mettere alla prova i loro apprendimenti. Tendiamo a pensare che di questi corsi e di queste figure – purtroppo – vene sarà un grande bisogno nel prossimo futuro.

You may also like
Il futuro del lavoro
Uno spazio per tutti

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.