Laboratorio di apprendimento

La tirannia della categorizzazione

categorizzazione
0

Perché dobbiamo ridefinire le nostre relazioni attraverso dei confini

Traduzione dell’articolo di Domini Hofstetter per Medium

Gli esseri umani hanno una ossessione per la categorizzazione. Questo, in ogni caso, è ciò che osservo dal mio punto di vista professionale. Mentre la categorizzazione è un meccanismo naturale e necessario per far fronte alla complessità del nostro mondo, inibisce pericolosamente la nostra capacità di affrontare i problemi più urgenti e tangibili del nostro tempo.

Lavoro per un’organizzazione con il goffo nome EIT Climate-KIC. È una bestia piuttosto insolita – in parte agenzia di concessione, in parte organizzatore di comunità, in parte esperimento di politica pubblica – con l’ampia missione di affrontare il cambiamento climatico attraverso l’innovazione dei sistemi. Quando provo a spiegare alle persone cosa facciamo spesso sento del disagio nei miei ascoltatori. Questo perché la missione della mia organizzazione non è facilmente comprensibile. Comprenderlo richiede un attento ascolto, una contestualizzazione deliberata e l’impegno a impegnarsi in un dialogo. In breve, richiede alle persone di fare uno sforzo.

Una reazione che ricevo spesso in tali conversazioni è la richiesta di una breve dichiarazione di missione. “Devi avere un pitch dell’ascensore!”, O almeno così insistono. Non sono d’accordo. Non perché alcune cause nobili non possano essere definite in modo succinto. Ma poiché le strategie riduzioniste che rendono facile una conversazione sono probabilmente inadeguate per affrontare la sfida più complessa che l’umanità abbia mai affrontato.

La forza psicologica in gioco qui è un bisogno di classificare – per adattare le cose in scatole ben definite, chiaramente etichettate. In tempi di crescente complessità, tale categorizzazione può essere estremamente utile, creando ordine in un mondo che è fondamentalmente disordinato e stabilendo strutture in modo da poter organizzare, analizzare e gestire meglio.

Il problema sorge quando la categorizzazione limita la nostra capacità di comprendere e rispondere a problemi che richiedono un pensiero sistemico, un’analisi interdisciplinare e un’azione collaborativa. Il cambiamento climatico, come altre grandi sfide del nostro tempo, è un problema complesso che sfida la categorizzazione. Eppure spesso ci avviciniamo con mentalità e pratiche che sono intrise di rigida classificazione.

Mentre entriamo nel ” decennio decisivo ” del 21 ° secolo, è giunto il momento di ridefinire il nostro rapporto con le categorie.

Perché categorizziamo

Il mondo che ci circonda è infinitamente complesso, quindi categorizziamo per semplificare. Nell’evoluzione biologica, la distinzione tra predatore e preda è la chiave per la sopravvivenza. L’analogo moderno è il supermercato ben organizzato, in cui tutti i prodotti sono raggruppati per classi e varianti in modo che i clienti possano trovare facilmente gli articoli nelle loro liste della spesa.

I supermercati sono maestri della categorizzazione. Ma cosa succede a quell’ordine quando arriva un ibrido, come un lime o un Pluot ? (Foto di nrd su Unsplash )

La creazione di un ordine ci consente di sviluppare scorciatoie, evitandoci di dover selezionare una vasta serie di strategie per risolvere i problemi del mondo reale. Quando elaboriamo un piano per l’attraversamento di una strada trafficata, ad esempio, raggruppiamo tutti i veicoli in un’unica classe di “oggetti in movimento pericolosi”, indipendentemente dal colore o dalla marca. Il vantaggio di tale euristica è che riducono il nostro carico cognitivo, facendo spazio ad altri compiti – come sorseggiare una tazza di caffè e ascoltare il tuo podcast preferito – mentre attraversano (in modo sicuro) la strada.

La categorizzazione serve anche come fonte di identità. Basta considerare l’orgoglio tribale portato da medici, banchieri, vigili del fuoco, assistenti sociali e altri membri di illustri professioni. Questo perché tali gruppi operano sotto una serie di paradigmi, visioni del mondo, valori e metodi che li discernono dagli altri, creando un sentimento di comunità e appartenenza.

Infine, la categorizzazione facilita la specializzazione. Adam Smith, il padre dell’economia moderna, vide la divisione del lavoro come una chiave per la prosperità economica. Oggi, la categorizzazione è onnipresente nella vita economica e troviamo una serie vertiginosa di classificazioni – ed esperti autoproclamati – in discipline aziendali come legge, fiscalità, finanza, audit e marketing.

“Allora, qual è il problema?”, Potresti chiedere.

Il problema con la categorizzazione compulsiva

La categorizzazione diventa pericolosa se porta a una comprensione incompleta del problema. Gli analisti intrisi di mentalità specializzate inquadreranno un problema da prospettive strette e incomplete. Il cambiamento climatico, sebbene da tempo riconosciuto come un ” problema malvagio “, è ancora spesso definito come una questione tecnologica, economica o politica a seconda che l’analista sia un ingegnere, un politico o un economista.

Le conseguenze si materializzano in strategie di risposta inefficaci. Il World Economic Forum sostiene che ci concentriamo sulle tecnologie, la Stern Review propone un motivo per ancorare il dibattito sui tassi di sconto, la rivista Foreign Policy suggerisce che sistemiamo il nostro sistema politico, la Stanford Social Review invoca l’idea di una guerra culturale e Mark Carney vede la causa principale del nostro problema nel breve termine del capitalismo attuale. Collettivamente, queste spiegazioni formano un insieme coerente. Da soli, tuttavia, ognuno dipinge un’immagine incompleta.

Nel mio lavoro, provo gli effetti limitanti della categorizzazione su base giornaliera – osservando i partecipanti a una conferenza della Banca mondiale si aggrappa a una rigida distinzione tra il settore pubblico e il settore privato; ascoltando i funzionari pubblici di Amsterdam come la struttura dipartimentale della città crea pensieri e azioni insensati; quando le persone mi chiedono perché l’EIT Climate-KIC si preoccupa anche della biodiversità e della parità di genere, dato che l’azione per il clima è incentrata sull’obiettivo di sviluppo sostenibile n. 13; quando parliamo con banche multilaterali di sviluppo di portafogli strategici e ci viene detto che sono interessati solo a opportunità di investimento con attività singole; e quando cerco di dare un senso alla nuova tassonomia dell’UE in materia di finanza sostenibile, che si basa sulle 996 categorie del Sistema di classificazione industriale della NACE .

Il modo in cui inquadriamo un problema è importante perché determina quali discipline facciamo appello, quali persone invitiamo, quale vocabolario utilizziamo, quali metodi riteniamo validi e quali norme riteniamo accettabili.

Qui sta quindi la tirannia della categorizzazione: i confini che disegniamo per noi stessi creano una prigione di pensiero e collaborazione, inibendo il movimento, la connettività e l’apprendimento.

Cosa guadagneremmo dal lasciare andare la categorizzazione

Dissolvere i confini ci farà vedere relazioni, interdipendenze e circuiti di feedback. Aprirà le porte al viaggio tra mondi intellettuali e culturali, permettendoci di prendere le prospettive delle altre persone e imparare a parlare la loro lingua. Ci incoraggerà a immaginare nuove combinazioni di attori e transazioni, rinnovando il nostro apprezzamento per la meravigliosa multidimensionalità del nostro mondo. Ci ispirerà a ridefinire le nozioni di valore e virtù. E, soprattutto, ci porterà a sollevare il locus di interesse dalla singola categoria al sistema nel suo insieme, fornendo nuove prospettive su priorità e risposte.

Tutti possiamo contribuire. Le scuole potrebbero insegnare i fondamenti del pensiero dei sistemi e progettare i loro curricula in modo da evidenziare le relazioni di attualità e incoraggiare l’interdisciplinarietà, come ha recentemente fatto l’Università di Harvard. I manager potrebbero ripensare i sistemi di incentivazione per promuovere la collaborazione e adattare le loro pratiche di reclutamento per dare più valore alle competenze interdisciplinari e generaliste, come sostiene David Epstein nel suo libro Range. I giornalisti potrebbero de-enfatizzare il meme dell'”eroe” e dell'”esperto” e concentrarsi invece maggiormente sui risultati (e sui segreti) di squadre, organizzazioni e movimenti.

Tuttavia, probabilmente l’azione più potente che tutti possiamo intraprendere è quella di sensibilizzare su quando potremmo cadere vittima della tirannia della categorizzazione. Quindi la prossima volta che guardi un problema, chiediti: in quale altro modo potresti inquadrarlo? Quali altre prospettive potresti prendere? Quali intuizioni otterresti dal vederlo come un problema multi-categorico? Quale combinazione di attori offrirebbe la promessa di risoluzione? Quali strategie di risposta multipla potrebbero esserci?

Siamo tutti seduti in scatole, sempre. Per affrontare le sfide più urgenti del 21° secolo, dobbiamo crescere quanto basta per sbirciare oltre il muro, arrampicarci sull’altro lato e iniziare a esplorare.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
intelligenza emozionale
Perché hai bisogno di più intelligenza emozionale
digitale
Comunicazione e digitale nei servizi di front-office

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.