Laboratorio di apprendimento

La pandemia è stata dura per i giovani

giovani

Motivo per cui le vacanze estive sono così importanti per la salute mentale dei giovani.

Quest’anno è stato duro per tutti, ma soprattutto per i bambini e i giovani. Questo è il motivo per cui è importante che consideriamo questa estate come un momento per riposarsi e riconnettersi, specialmente tre le pubblicità delle scuole estive per aiutare i bambini a recuperare il ritardo educativo.

Dare ai bambini e ai giovani del tempo lontano dalla scuola – tempo per essere attivi e creativi – sarà importante per la loro salute mentale. Pertanto, qualsiasi programma estivo per bambini quest’anno dovrebbe concentrarsi sul benessere, non sul recupero del lavoro scolastico.

C’è un chiaro legame tra stress prolungato e avversità nell’infanzia con malattie mentali e scarso rendimento scolastico. Mentre un basso livello di stress può migliorare le prestazioni cognitive, essere in grado di apprendere capacità di risoluzione dei problemi o sviluppare pensieri complessi è possibile solo quando il cervello e il corpo sono calmi. Inoltre, non è possibile apprendere quando si è in uno stato di stress e ansia acuti.

Nel tempo, l’esposizione ripetuta allo stress, in particolare durante l’infanzia, quando la neuroplasticità (la capacità del cervello di adattarsi e sviluppare nuove connessioni) è al suo apice, può modificare i percorsi di risposta allo stress del corpo. Nei bambini, questo può portare ad ansia cronica. Questo stato non solo rende difficile l’apprendimento, ma può anche aumentare la probabilità che un bambino sviluppi problemi comportamentali e malattie mentali.

Un numero crescente di prove ora mostra che la salute mentale ed emotiva di bambini e giovani è stata influenzata negativamente dalle restrizioni pandemiche e di chiusura. Ad esempio, un rapporto ha rilevato che durante la terza ondata di pandemia nel Regno Unito – dove le scuole sono state chiuse per un lungo periodo di tempo – sono aumentate le difficoltà comportamentali, emotive e di attenzione, in particolare nei bambini in età scolare. Un terzo dei ragazzi in età scolare alla scuola primaria e circa il 23% delle ragazze ha avuto problemi di iperattività o disattenzione.

Nel frattempo, un sondaggio del Prince’s Trust su persone di età compresa tra 16 e 25 anni mostra che quasi la metà ha riportato un aumento dei livelli di ansia durante la pandemia. Quasi un terzo ha riferito di sentirsi ogni giorno sopraffatto da sentimenti di panico e ansia.

Nel gennaio 2021, circa il 30% delle ragazze in età scolare ha segnalato problemi emotivi, simili ai dati visti all’inizio della pandemia nel marzo 2020. Molte di queste difficoltà comportamentali derivano da una deregolazione emotiva (in cui una persona è meno risposte, di solito a causa dello stress) e può portare a una salute mentale peggiore.

Lo stress e la depressione dei genitori sono aumentati anche durante i blocchi quando le scuole erano chiuse. Genitori single, famiglie a basso reddito e genitori di bambini con bisogni educativi speciali avevano un rischio particolarmente elevato di cattiva salute mentale, ansia e depressione.

I bambini fanno affidamento sui genitori e su chi si prende cura di loro per avere indizi sulla regolazione delle proprie emozioni e sul mantenimento di una buona salute mentale. Lo stress genitoriale è anche predittivo del benessere di un bambino ed è correlato alle avversità infantili come l’abuso, l’abbandono, la violenza e l’uso di sostanze. Lo stress dei genitori può anche aumentare il rischio che i bambini soffrano di una salute mentale peggiore.

Pausa estiva

Con la richiesta di aumentare le scuole estive per aiutare gli alunni a recuperare il ritardo, è importante sapere che tipo di impatto potrebbe avere su di loro, soprattutto dopo un anno così difficile.

La ricerca condotta prima della pandemia ha rivelato che le esperienze negative durante le vacanze scolastiche (come la solitudine, la mancanza di attività fisica e la fame) hanno esacerbato le disuguaglianze socioeconomiche e influenzato la salute mentale. In quanto tali, i programmi delle vacanze scolastiche avrebbero un impatto positivo e ridurrebbero potenzialmente le disuguaglianze socioeconomiche in materia di salute mentale e benessere.

I programmi che promuovono l’attività fisica, le connessioni sociali e attività significative – come l’arte, il teatro o il tempo all’aria aperta – avrebbero un impatto positivo sulla regolazione emotiva e sul sonno, che sono alla base del buon benessere e sono necessari per un apprendimento efficace. Fornire pasti e spuntini sani durante l’estate promuoverebbe anche una buona salute fisica, in particolare per i bambini che sono colpiti da povertà e privazioni.

Quest’anno, il periodo estivo offre un’opportunità particolarmente importante per aiutare ad affrontare l’impatto emotivo della pandemia su bambini e giovani. È importante che questa opportunità non venga sprecata.

Con il lancio del programma di vaccinazione, speriamo che il contatto faccia a faccia nelle scuole possa essere possibile, anche se con adeguate misure di sicurezza in atto. Ma molti psicologi hanno criticato le discussioni sull’utilizzo del periodo estivo per il lavoro scolastico. Le alternative alla scuola estiva dovrebbero invece enfatizzare il benessere, le connessioni sociali e le attività significative per prevenire ulteriori pressioni, ansia e disuguaglianza.

Ora è il momento di pianificare di fornire programmi strutturati per promuovere il benessere. Tali programmi dovrebbero essere incentrati su ciò che le comunità sono già attrezzate per fornire. E, in linea con l’enfasi sul miglioramento del benessere, dovrebbero anche incentrarsi sull’attività fisica (come la danza o lo sport), su progetti creativi (tra cui musica, teatro o artigianato) e dovrebbero fornire pasti e spuntini sani. I programmi estivi possono anche includere celebrazioni comunitarie per promuovere l’autostima e la speranza nei bambini e nei giovani, dove le restrizioni lo consentono.

In definitiva, i programmi di benessere estivi universali comunicherebbero che apprezziamo i nostri bambini e giovani e riconosciamo i sacrifici che hanno anche fatto durante la pandemia. Ciò contribuirebbe in qualche modo a contrastare la pressione degli eventi dell’ultimo anno e la disperazione che ne è derivata.


Traduzione dell’articolo di Siobhan O’Neill per The Conversation

Fonte originale dell’articolo

Immagine: Persone foto creata da prostooleh – it.freepik.com

You may also like
co-living
Il Co-living è una risposta a prezzi accessibili alla crisi abitativa?
hub
Intrecci educativi, le scuole diventano hub.

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.