Innovazione Sociale

Sempre più governi si convertono ai social impact bonds, ma producono dei risultai?

social
0

Traduzione dall’articolo di Ben Shiller per Fast Company.

Mentre la prima ondata di questi contratti pay-for-success giunge a buon fine, cosa possiamo imparare sulla combinazione dei servizi governativi e delle innovazioni del settore privato?

Il Connecticut ha un social impact bond (SIB) per aiutare i figli dei genitori dipendenti da oppioidi. Il Massachusetts usa lo stesso meccanismo finanziario per aiutare gli immigrati ed assimilare la forza lavoro degli Stati Uniti. Nel Rajasthan, in India, una coalizione di banche e fondazioni sta finanziando il primo “impact bond sullo sviluppo sanitario” al mondo, sperando di ridurre la mortalità infantile.

I social impact bonds (obbligazioni a impatto sociale) non sono obbligazioni nel senso tradizionale, come, ad esempio, obbligazioni del debito pubblico negoziate in borsa. Sono, in realtà, contratti di tipo pay-per-performance (o pay-for-success). Normalmente sono guidati da governi che vedono l’opportunità di raccogliere nuovi capitali e tagliare i costi lavorando con fornitori di servizi esterni per ottenere un determinato risultato. Ad esempio, uno stato potrebbe cercare di ridurre i costi di erogazione di formazione ai rifugiati o il costo di affidamento. Si contrae con finanziatori esterni, come una banca, per raccogliere capitali per pagare il servizio. Se il fornitore di servizi raggiunge i propri obiettivi nel tempo, l’investitore riceve un rendimento, forse il 5%, sul proprio investimento iniziale in cinque anni dallo stato. In teoria, i SIB sono win-win: migliori risultati sociali fanno risparmiare denaro ai governi pagando gli investitori per il loro capitale. Inoltre, incoraggiano tutte le parti a perseguire gli interventi che sono provati e probabilmente funzionanti, al contrario degli interventi che qualcuno spera funzionerà.

Il modello del social impact bond, che ora ha otto anni, si sta diffondendo. Le cifre pubblicate di recente da Social Finance, un’organizzazione senza scopo di lucro che organizza SIB, dice che ce ne sono attualmente 108 in tutto il mondo. Trentatré sono stati lanciati solo nel 2017, coprendo aree sociali come i senzatetto, il benessere dei bambini e della famiglia, l’istruzione, lo sviluppo della forza lavoro e la recidiva, compresi i tre sopra citati.

Alcuni risultati sono ora disponibili. Social Finance dice che 27 SIB sono giunti alla fine del loro mandato, con 10 risultati sugli obiettivi per il miglioramento del loro mandato. Degli altri 17, 16 non hanno riportato risultati. Solo uno, il SIB per ridurre la recidiva tra i detenuti a Rikers Island Prison, a New York, non ha raggiunto i suoi obiettivi. I suoi finanziatori Bloomberg Philanthropies e Goldman Sachs hanno perso soldi sull’accordo.

Il primo SIB è stato promulgato nella prigione di Peterborough, nel Regno Unito, nel 2010, e ha dimostrato di avere esiti positivi. Sette fornitori di servizi hanno aiutato gli ex detenuti con abuso di sostanze e problemi di salute mentale, contribuendo a ridurre i tassi di recidiva del 9%, superando un obiettivo del 7,5%. Il SIB ha quindi consegnato un ritorno finanziario del 3% sul capitale alle fondazioni che hanno finanziato l’iniziativa, il braccio del Regno Unito delle finanze sociali lo ha annunciato l’estate scorsa.

Questo dimostra che i SIB funzionano nel complesso? Non proprio. La verità è che non lo sappiamo, perché molti SIB sono in corso. E, cosa importante, non sappiamo quali potrebbero essere le conseguenze sociali più ampie dei SIB. I SIB hanno un sostegno diffuso tra i filantropi e hanno un impatto sugli investitori, tra fornitori di servizi e creatori di servizi come il Social Finance. Ma la giuria è ancora fuori dall’efficacia e dalle conseguenze non intenzionali (in effetti, la giuria potrebbe essere tornata a casa per alcuni anni perché la maggior parte dei SIB è ancora a medio termine e i risultati non sono ancora disponibili). Diversi accademici che hanno studiato i SIB indicano il potenziale di incentivi distorti e procedure di contrattazione costose e complicate. Si preoccupano dell’entusiasmo mal riposto per un modello che rimane in gran parte non provato.

Il caso positivo per i SIB è che aiutano a raccogliere capitali per servizi sociali vitali. I 108 progetti hanno raccolto circa $ 400 milioni in totale, secondo la finanza sociale, con circa la metà che va verso i progetti degli Stati Uniti. Sono soldi che potrebbero non essere stati spesi per aiutare i bambini e gli ex-prigionieri a non essere avviati. I sostenitori indicano il potenziale per l’innovazione governativa senza rischi (gli stati e le città possono provare gli interventi con denaro esterno). E i SIB hanno il potenziale per fornire una maggiore responsabilità: i progetti sono finanziati sulla base di risultati comprovati (piuttosto che di speranza e ideologia) e governati da metriche osservabili.

Ad esempio, il SIB del Connecticut cerca di aiutare i bambini che vivono con i genitori che soffrono di dipendenza da oppioidi. Fino al 50% dei bambini che rientrano nel sistema di assistenza ai minori dello stato provengono da case colpite da oppioidi a un costo compreso tra $ 40.000 e $ 60.000 per volta. Il SIB, del valore di $ 11,5 milioni in cinque anni, finanzia i visitatori della sanità per andare nelle case e aiutare i tossicodipendenti a recuperare. Si basa su una comprovata ricerca di “recupero familiare” da parte dello Yale Child Study Center.

Una metrica di successo è se l’intervento riduce il numero di genitori che usano droghe. Oltre a fornire consulenza, gli operatori sanitari effettuano test delle urine. “Uno screen di tossicologia pulito è una buona metrica. Un cattivo screen di tossicologia non è una buona metrica “, afferma Tracy Palandjian, CEO di Social Finance, in un’intervista. “Gli investitori vengono pagati in base a tali risultati e se i figli rimangono con le loro famiglie e vi è una riduzione dei bambini che rientrano nel sistema di affidamento”

Questo tipo di intervento sembra logico: il denaro privato (il finanziamento è stato guidato dalla banca BNP Paribas) utilizzato per finanziare un intervento basato sull’evidenza. Il potenziale per risparmiare denaro pubblico è considerevole. Il problema è che i contratti tra fornitori di servizi, finanziatori e governo sono notoriamente complessi e richiedono molto tempo per essere installati. Palandjian dice che il tipico periodo di tempo è uno o due anni. Ciò aumenta i costi per tutte le parti.

Palandjian sostiene che i governi non sono abituati ad avviare SIB e spesso non hanno i dati necessari per tracciare delle linee di base rispetto alle quali i risultati possono essere giudicati. “Passiamo mesi a cercare il terreno, solo a capire lo stato attuale di un problema”, dice. “La causa di questa complessità è il SIB stesso? Oppure, i nostri partner governativi stanno ancora implementando i loro sistemi per pensare ai risultati che stanno ottenendo per l’attuale quantità di denaro che stanno spendendo? “

I SIB sono visti come un modo per guidare un governo verso un metodo più metrico-centrico. Palandjian non è necessariamente favorevole a portare capitali esterni per il proprio interesse. “Dico spesso che i social impact bond sono la seconda soluzione migliore. Il governo dovrebbe misurare i loro programmi e ritenersi responsabili e rimanere concentrati su come stanno spostando le aree politiche “, dice. “Non hanno bisogno di capitale privato per creare una serie di incentivi per farlo. Ma sappiamo che il movimento di responsabilità del governo sta andando avanti da un po ‘di tempo e se il capitale privato può rinvigorire quella conversazione tra amministrazioni, questa è una buona cosa. “

Palandjian vede il potenziale per futuri SIB in aree come la prevenzione della gravidanza da adolescenti, in cui interventi come contraccettivi reversibili a lunga durata d’azione hanno ridotto il numero di bambini indesiderati, aiutando i ragazzi a costruire vite ed essere economicamente attivi. Altre aree includono l’istruzione K-12, in cui la finanza sociale sta attualmente esaminando le idee usando una sovvenzione del Dipartimento di Educazione degli Stati Uniti (era di Obama).

Ma gli accademici che hanno studiato SIB indicano rischi come indebite interferenze da parte degli investitori privati ​​con i loro programmi. “Sono stati promossi ai governi come un modo per ridurre i rischi per il governo nelle loro scelte di finanziamento”, dice Cameron Graham, professore di contabilità presso la Schulich School of Business della York University, che ha studiato un SIB britannico volto a ridurre i senzatetto. “I ricchi investitori con una coscienza hanno un’influenza indebita sull’attuazione delle politiche governative, perché possono scegliere i programmi che finanziano”.

I SIB, aggiunge, sono intrinsecamente riduttivi. Sono utili per concentrarsi su problemi discreti e misurabili, ad esempio quanti genitori sono dipendenti dagli oppioidi. Possono essere meno bravi nell’attaccare complessi problemi sociali con molte cause ed effetti. “È difficile garantire che le misurazioni siano sempre interpretate in un contesto qualitativo ricco, in cui vi è una possibilità di combattere che venga riconosciuta la complessità del campo”, afferma Graham.

 

Fonte originale dell’articolo

You may also like
innovazione
Nessun futuro per il lavoro senza innovazione sociale
Gioco libero: giocare è una cosa seria

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.