Innovazione Sociale

In questa città italiana ti premiano se non guidi la tua macchina

città
0

Traduzione dell’articolo di Johnny Wood per il World Economic Forum

Nella città italiana di Bologna, le persone sono premiate perché vanno in bicicletta, camminano o prendono i trasporti pubblici.

“Bella Mossa” nasce da un’idea dell’urbanista Marco Amadori. Lo schema antinquinamento mira a ridurre i viaggi in auto e ad incentivare i viaggi “verdi” con incentivi come biglietti per birra, gelati o cinema per i partecipanti che completano passeggiate e passeggiate eco-compatibili.

Gli abitanti di Bologna possono scaricare una app che usa il tracciamento GPS per registrare i propri viaggi. Ogni passeggiata o viaggio in bicicletta o autobus fa guadagnare punti, che possono essere accumulati e scambiati con beni e servizi presso gli esercizi commerciali del luogo che hanno aderito al progetto.

“Il sistema dell’accumulare punti non si basa sulla distanza che percorri in ogni singolo viaggio, perché è importante che anche i piccoli spostamenti di 1 km vengano fatti in modo sostenibile”, ha detto Marco Amadori alla BBC.

Bella Mossa si è dimostrata popolare e si parla di prolungare il periodo operativo di quattro mesi dell’iniziativa. L’app consente di registrare un massimo di quattro viaggi ogni giorno, per incoraggiare le persone a utilizzare lo schema nel tempo e contribuire a rendere più sostenibile il viaggio in città.

Frenare l’inquinamento atmosferico

Le emissioni dei veicoli sono dannose per l’ambiente e la nostra salute. Secondo lo stato annuale del Global Air Report, pubblicato dall’Health Effects Institute, oltre il 95% della popolazione mondiale sta respirando aria sporca, causando problemi di salute tra cui malattie polmonari, cancro e infarto.

città

L’inquinamento atmosferico è la quarta più grande causa di morti premature a livello globale, e il mondo in via di sviluppo è il più colpito.

Il numero più alto di morti totali legate all’inquinamento atmosferico è in Cina (1,58 milioni) e in India (1,61 milioni), in parte dovuto alle loro grandi popolazioni. Ma quando si misurano i tassi di mortalità per 100.000 abitanti, l’Afghanistan, dove l’inquinamento atmosferico è causato dalla combustione di combustibili solidi per cucinare e riscaldarsi, i fumi dei generatori e le emissioni dei veicoli dalle strade intasate dal traffico, viene meno.

Controlli sulle emissioni più severi hanno frenato i livelli di inquinamento in alcuni paesi sviluppati. La Cina ha anche imposto regole più severe sull’inquinamento atmosferico negli ultimi anni.

Le cifre delle Nazioni Unite mostrano che le città rappresentano solo il 3% della superficie terrestre, ma consumano il 60-80% dell’energia mondiale e generano il 75% di tutte le emissioni di carbonio.

Nell’ambito del suo programma sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, l’ONU intende ridurre l’impatto ambientale negativo delle città, compreso l’inquinamento atmosferico, entro il 2030.

Cambiare comportamento

Oltre a imporre regolamenti più severi agli inquinatori, gli urbanisti e i responsabili delle politiche si stanno rivolgendo a iniziative “spintoni” per incoraggiare le persone a comportarsi in modi più rispettosi dell’ambiente.

città

In molte città sono comparsi schemi di condivisione di biciclette per incoraggiare gli automobilisti a lasciare le loro macchine a casa. Nel 2018, c’erano circa 18,2 milioni di biciclette disponibili per uso pubblico in tutto il mondo.

Oltre agli investimenti in nuove piste ciclabili e infrastrutture, tali schemi riducono le emissioni e la congestione del traffico, migliorando allo stesso tempo la salute delle persone.

Città e urbanizzazione

Se l’adozione di un comportamento più rispettoso dell’ambiente è importante, il cambiamento deve essere supportato dalle politiche di pianificazione e infrastruttura.

La ricerca del World Economic Forum sulle Città e Urbanizzazione sottolinea la necessità per le città di migliorare la gestione delle risorse e la protezione dell’ambiente.

 

Fonte originale dell’articolo

You may also like
innovazione
Nessun futuro per il lavoro senza innovazione sociale
nuove idee
Nuove Idee di Abitare: un convegno AgenziaRES

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.