Innovazione Sociale

Nessun futuro per il lavoro senza innovazione sociale

innovazione
0

Traduzione dall’articolo di Colin Mackay su The Parliament Magazine

Il mercato del lavoro ha subito cambiamenti significativi negli ultimi 10 anni, guidato da una serie di cambi strutturali: il modello di business tradizionale è stato sfidato da un nuovo ambiente economico e dall’economia on-demand emergente; le nostre catene di approvvigionamento sono ora globali, il che si traduce in maggiore outsourcing e quindi lavoro basato su progetti e online. Il crescente individualismo ha cambiato l’attitudine delle persone al lavoro, e le nuove tecnologie stanno sollecitando la necessità di nuove competenze e apprendimento permanente. Nel frattempo, grazie alla marcia in avanti della digitalizzazione le persone possono letteralmente lavorare da qualsiasi luogo, smontando la cultura convenzionale del lavoro in ufficio dalle 9 alle 5.

Il pacchetto di equità sociale della Commissione rappresenta un passo incoraggiante per estendere l’innovazione sociale ai mercati del lavoro europei. Propone un ambiente lavorativo che abbraccia le tendenze emergenti e cerca di creare un ambiente di lavoro europeo adatto alle realtà del XXI secolo.

Il pacchetto sull’equità sociale, con attenzione sui diritti trasferibili e la proposta di una raccomandazione dal Consiglio sull’accesso alla protezione sociale, compie un passo importante nella giusta direzione. Riconosce la necessità di modernizzare i regimi di protezione sociale per riflettere nuovi modelli di lavoro.

I benefici sociali, tra cui salute, pensione, assenze per malattia e ferie retribuite dovrebbero essere trasferibili e collegate alle persone, non al loro lavoro. La sicurezza del mercato del lavoro deve essere favorita rispetto alla sicurezza di un lavoro con i costi del lavoro e contributi collettivi tra le diverse forme di lavoro su un piano di parità, al fine di conciliare flessibilità e sicurezza nel mercato del lavoro. Suggerirei che in futuro dovremo anche riconsiderare il modo in cui finanziamo la protezione sociale per fornire questi titoli.

Il vice del gruppo italiano S&D Brando Benifei dice: “Il pacchetto sull’equità sociale cerca di garantire che le politiche sociali europee siano efficaci. Una nuova autorità del lavoro dovrebbe rafforzare la cooperazione tra autorità nazionali e sindacati, per combattere gli abusi e le frodi di ogni tipo, in particolare sulla sicurezza sociale, sulle condizioni di lavoro dei lavoratori mobili e per fermare il lavoro non dichiarato o dichiarato falsamente.”

“La proposta di raccomandazione del Consiglio sull’accesso alla protezione sociale dei lavoratori e dei lavoratori autonomi deve estendersi ai lavoratori del nuovo millennio, in particolare quelli del settore digitale in rapida espansione, spesso assunti tramite accordi di lavoro precari o atipici. L’importanza di questa sfida richiede il coinvolgimento legislativo del Parlamento europeo, solo raccomandando azioni ai governi nazionali “.

Come sottolinea Benifei, un’autorità europea del lavoro è una proposta promettente, che servirebbe a rafforzare la cooperazione tra i mercati del lavoro e contribuire a migliorare il funzionamento del mercato del lavoro interno.

Potrebbe sostenere una migliore applicazione della normativa UE e rafforzare la cooperazione e lo scambio tra le autorità nazionali di controllo degli Stati membri.

Allo stesso tempo, l’autorità europea del lavoro dovrebbe rispettare pienamente il principio di sussidiarietà e la competenza degli Stati membri dell’UE nell’attuazione e nell’applicazione della legislazione europea.

L’europarlamentare francese Elisabeth Morin-Chartier è d’accordo; “Questo è un passo necessario verso un’Europa sociale che le fornisce le risorse per soddisfare le sue ambizioni. Questa autorità europea del lavoro dovrebbe essere la via per il rispetto delle regole relative alla mobilità dei lavoratori “.

Sottolinea che “Non possiamo permetterci di economizzare su questo tema: l’autorità non può essere semplicemente una piattaforma di scambio per esperti nazionali”.

Potrebbe sostenere una migliore applicazione della normativa UE e rafforzare la cooperazione e lo scambio tra le autorità nazionali di controllo degli Stati membri.

L’UE aveva già iniziato a elaborare molte di queste azioni nel suo pilastro europeo dei diritti sociali – approvate all’unanimità dal Consiglio per l’occupazione dell’UE nel 2017 e proclamate dal Parlamento europeo, nonché dal Consiglio e dalla Commissione.

I 20 principi chiave del rapporto conclusivo di Göteborg sono strutturati attorno alle tre categorie; pari opportunità e accesso al mercato del lavoro, condizioni di lavoro eque e protezione sociale e inclusione.

Mercati del lavoro ben funzionanti necessitano di politiche progettate per soddisfare le esigenze delle imprese e dell’industria, pur mantenendo i diritti e le tutele dei lavoratori.

Per le aziende, l’innovazione sociale è essenziale in quanto consente loro di rimanere agili e prosperare, sicuri della consapevolezza di poter attrarre e mantenere una forza lavoro con le relative competenze.

Per i lavoratori si intendono i diritti trasferibili, i nuovi tipi di rappresentanza collettiva, l’accesso all’alloggio e al credito, nonché le pensioni e le assenze per malattia per tutta la vita. Pertanto, l’Europa deve ampliare l’innovazione sociale nel mondo del lavoro se vuole creare mercati del lavoro efficienti e resilienti necessari per stimolare la crescita e la competitività.

L’industria del lavoro tocca molte di queste ambizioni nel suo manifesto, “Nessun futuro per il lavoro senza innovazione sociale”, spiega Denis Pennel, amministratore delegato della Confederazione mondiale per l’occupazione – Europa.

“Stiamo proponendo di rivedere la struttura sociale su cui si basa il modo in cui organizziamo, classifichiamo, supportiamo e regoliamo il lavoro. Facciamo anche cinque raccomandazioni politiche: parità di accesso al mercato del lavoro attraverso una varietà di contratti di lavoro; un lavoro equo per tutti; un nuovo accordo sociale con i sistemi di protezione sociale modernizzati; formazione professionale; e l’intermediazione responsabile del mercato del lavoro per aiutare l’efficiente corrispondenza tra l’offerta e la domanda nei nostri mercati del lavoro “.

Poiché il lavoro diventa sempre più diversificato, è necessario rivedere alcune delle premesse fondamentali su cui sono basati i nostri sistemi di protezione sociale. Le forme di lavoro emergenti devono essere classificate: i lavoratori sono lavoratori dipendenti o autonomi?

In ogni caso, questi lavoratori dispersi e online devono essere organizzati, rappresentati e assicurati in condizioni di lavoro dignitose e sicure. Allo stesso tempo, dobbiamo sostenere i lavoratori nella gestione dei rischi, quali periodi di inattività, malattia e pensioni, proteggendo al contempo i lavoratori più vulnerabili nella nostra società, compresi i giovani, i lavoratori anziani e le minoranze etniche ed evitando la concorrenza sleale e il dumping sociale.

Il nuovo pacchetto di equità sociale deve sostenere un mercato del lavoro a prova di futuro che celebri la sua diversità, salvaguardando al tempo stesso un ambiente di lavoro europeo aperto, abilitante, inclusivo e sostenibile.

 

Fonte originale dell’articolo

You may also like
digitale
Comunicazione e digitale nei servizi di front-office
sharing
Sharing economy. La mattinata formativa

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage