Innovazione Sociale

L’ innovazione sociale diventa maggiorenne

innovazione
0

L’idea che le società abbiano bisogno di innovazione sta diventando sempre più mainstream, ma c’è ancora molta strada da fare.

Traduzione dell’articolo di Geoff Mulgan per Nesta

Il neoeletto Justin Trudeau sta impegnando quasi 1 miliardo di dollari nell’innovazione sociale in Canada; nessuna delle regioni del Regno Unito ha qualcosa di paragonabile. Ma in tutto il mondo – dalla Francia e dalla Corea alla Malesia e alla Nuova Zelanda – l’innovazione sociale sta iniziando a diventare mainstream.

L’innovazione sociale è molto più visibile di un decennio fa. Ci sono fondi, centri di ricerca universitari, uffici governativi, eventi di ogni genere. L’idea che le società abbiano bisogno di innovazione tanto quanto medicina o scienza sta diventando sempre più mainstream. Ma è ancora molto lontano dall’essere incorporato. In alcune parti del mondo, il clima è diventato marcatamente ostile: l’ultima cosa che i governi autoritari come la Russia, la Turchia o il Brasile vogliono è alimentare la creatività sociale. Ma anche le società liberali più benigne sono molto più a loro agio nel supportare le innovazioni nell’hardware piuttosto che nella società.

Le elezioni nel Regno Unito sono un esempio evidente. Le grandi parti sono in competizione con grandi promesse di investire in cose fisiche: strade, ferrovie, ponti. Ma non hanno politiche o idee sull’innovazione sociale e poche idee su come risolvere i problemi sociali acuti se non gettando loro denaro.

Il contrasto con la scienza è molto sorprendente. Alla fine del XIX e XX secolo la scienza ha attraversato una transizione straordinaria. Prima era stata principalmente la provincia di dilettanti entusiasti – come Charles Darwin o Michael Faraday e inventori dimenticati da tempo che sognavano nuove idee nei loro capannoni.

Ma poi è diventato molto più di un sistema. I governi hanno investito ingenti somme in laboratori di ricerca e università. Grandi aziende come Du Pont e General Electric hanno istituito laboratori di ricerca e sviluppo. Le quote del PIL dedicate alla ricerca e sviluppo sono aumentate di circa il 2% in paesi come il Regno Unito e più vicine al 4% in altri come Corea e Finlandia. Il risultato è stato l’ondata di nuove tecnologie che ha cambiato ogni aspetto della nostra vita.

Ma una rapida innovazione nell’hardware non è mai stata accompagnata da un’innovazione altrettanto irrequieta nella società e lo squilibrio è continuato. Grandi somme di denaro vanno al progresso dell’aerospaziale o dei prodotti farmaceutici, ma molto meno all’innovazione nel settore dei senzatetto o dell’isolamento.

Nel corso del XX secolo la società è stata sempre più lasciata alle spalle dalla tecnologia e una ragione importante era che non disponeva di un sistema comparabile per l’innovazione, con significative risorse finanziarie e umane dedicate all’incubazione di idee, al loro miglioramento e poi al loro ampliamento (nonostante alcuni sforzi pionieristici per promuovere la R&S sociale da parte di grandi fondazioni negli anni ’50 e ’60).

Nel Regno Unito, ad esempio, la grande agenzia di finanziamento – UKRI – non ha risorse dedicate per l’innovazione sociale o R&S sociale. Lo stesso vale per gli Stati Uniti. Francia e Canada stanno iniziando a cambiare – e il governo rieletto di Trudeau ha recentemente annunciato $ 1 miliardo di dollari per l’innovazione sociale. Ma rimangono le eccezioni.

Internet è un buon esempio di ciò che va storto a causa di questo squilibrio. È, ovviamente, una tecnologia straordinaria, il prodotto della ricerca e sviluppo pubblico (alla DARPA e poi al CERN) seguita da una furiosa innovazione commerciale. Ma gli anni che sono diventati centrali nella vita quotidiana sono stati anche gli anni in cui la percentuale della popolazione americana che poteva contare su chiunque potesse sostenerli in una crisi è calata bruscamente (dal 92% al 75%) e quando sono sorte una serie di nuove patologie , dalla diffusione accelerata di notizie false al comportamento compulsivo. Sono stati spesi pochissimi soldi per innovazioni volte a risolvere queste patologie, principalmente perché non era compito di nessuno farlo.

Troppe patologie dei nostri tempi – dall’alienazione politica alla disuguaglianza – sono il risultato di questo profondo squilibrio tra quei settori che investono fortemente in innovazione e quelli che non lo fanno. I primi includono le forze armate, la sorveglianza e gran parte degli affari, incluso il click attraverso la pubblicità che domina l’economia della piattaforma. Quest’ultimo include quasi tutto a che fare con la società.

Il rapporto World Happiness all’inizio di quest’anno ha mostrato perché questo è importante. Concluse che le relazioni spiegavano più delle differenze nel benessere tra le nazioni di ogni altra cosa. Le risposte della gente alla domanda: “Se eri nei guai, hai parenti o amici su cui puoi contare per aiutarti quando ne hai bisogno o no?” – ha spiegato il 34% del punteggio di benessere, più del reddito (26%) o dell’aspettativa di vita sana (21%). Ma i sistemi che governano la R&S hanno appena iniziato a riflettere questi schemi.

Per me, l’innovazione sociale è l’obiettivo attraverso il quale possiamo pensare a come correggere questo squilibrio. Il problema non è la mancanza di buone idee, di persone creative o di progetti stimolanti. Il problema – come per la scienza alla fine del XIX secolo – è la mancanza di un sistema che può aiutare le idee promettenti a evolversi, svilupparsi e poi diffondersi.

Nel mio libro ho esposto alcune delle caratteristiche e delle caratteristiche di tale sistema, mostrando: come attinge alle energie dei movimenti sociali e degli imprenditori sociali; come sperimenta e incuba; come genera capitale per sviluppare e ridimensionare le idee; come si collega al potere del governo; e il ruolo che può svolgere in grandi sfide come la transizione verso un’economia a zero emissioni di carbonio.

Il contesto odierno rende ancora più urgente che queste idee diventino buonsenso. Una quarta rivoluzione industriale sta guidando il cambiamento a rotta di collo, minacciando milioni di posti di lavoro; raccolta di dati senza consenso; e lasciare che le persone si sentano osservatori con scarso potere.

Esiste un chiaro parallelo con la storia della prima rivoluzione industriale. Nella prima metà del XIX secolo le tecnologie industriali e il primo capitalismo si svilupparono a rotta di collo, ma con conseguenze sociali e ambientali spesso disastrose. Milioni di persone si sono trasferite in città devastate da povertà, cattiva salute, criminalità e inquinamento. In città come Manchester, ad esempio, i tassi di mortalità per malattie come il vaiolo e il morbillo erano quattro volte più alti che nelle campagne.

Poi, nella seconda metà del secolo, l’innovazione sociale prese lentamente piede. Servizi igienici pubblici e acqua; educazione universale; un suffragio più ampio; sindacati; microcredito; l’educazione degli adulti e molti altri hanno ridotto i danni e diffuso i benefici. Anche adesso, l’innovazione sociale può aiutarci a plasmare un’altra rivoluzione industriale in modi che ci danno più vantaggi e meno danni.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
Economia circolare. Di cosa si tratta e le best practices italiane
I dilemmi dell’innovazione

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.