Innovazione Sociale

I dilemmi dell’innovazione

0

Lo chiamano il dilemma del retrobottega – luogo tradizionalmente appartato e un po’ misterioso per il suo assembramento di soluzioni e risposte – e come sa ogni vero giocatore del proprio e altrui destino il fascino e la sapienza del dilemma sta sopratutto nella domanda e non nella risposta, nel processo e non nella soluzione.

Diventano così stimolanti le riflessioni aperte di Flaviano Zandonai, ricercatore Iris Network, e Paolo Venturi, ceo di Aiccon, nel loro articolo Open innovation: il dilemma del retrobottega, dove il luogo in questione è quello delle funzioni di staff, di back office e di supporto ai servizi (tipo progettazione, ricerca e sviluppo) con specifico riferimento al mondo delle organizzazioni no profit, appunto un retrobottega di procedure, ruoli e standard operativi  cresciuto a logica e sequenzialità, budgeting e controllo, e che “ancora oggi è accessibile solo agli addetti ai lavori e quindi risulta poco trasparente rispetto alle modalità d’uso.” Un cantiere, in breve, molto programmato e nient’affatto innovativo, specie nella gestione delle risorse umane.

Per il povero retrobottega poi “è un periodaccio”, ci dicono gli autori, e c’è un vero e proprio spiazzamento del mondo no profit – da cui il dilemma – di fronte alla necessità di cambiamento organizzativo per rimettere mano ai conti e mirare all’efficienza da una parte e dall’altra per ripensare al senso delle funzioni stesse; infatti “dopo anni passati a infrastrutturare le linee produttive con obiettivi di produttività, efficacia e – diciamocelo – controllo, ci si è progressivamente resi conto dell’eccessivo irrigidimento del sistema, a fronte di una crescente domanda (da parte delle risorse umane) di personalizzazione, coinvolgimento, creatività.” E il tutto accelerato dall’avvento delle nuove tecnologie.

Senza troppi giri di parole è uno dei volti del vero problema per il no profit: innovazione e cambiamento organizzativo. Rimani nel retrobottega? In prigione e senza passare dal via! avrebbero detto i vecchi Monopolisti. Come rendere mobile e fertile questa necessità di cambiamento? Appunto come innovare?

Per i principi generali dell’open innovation (“innovazione aperta”) la strada è abbastanza tracciata: in epoca di globalizzazione per competere non ci si può più basare su risorse interne ma occorre attingere al patrimonio di strumenti e competenze soprattutto tecnologiche che arrivano dall’esterno.

Ma i dilemmi, come si diceva, ci rendono più arguti, ci mettono davvero in gioco e così ci rendono – almeno potenzialmente – più fertili al cambiamento individuale e organizzativo. E una delle vie è certo nel monito dei due analisti: È necessario spostare funzioni oggi confinate nel backoffice al “fronte strada”, rendendole visibili e accessibili al più vasto complesso di soggetti da coinvolgere in iniziative di co-produzione. E’ rimettere in gioco il valore delle proprie risorse umane per costruire nuovi setting di lavoro, per risignificare relazioni e metodi lavorando gomito a gomito, per allestire punti di accoglienza e realizzare filosofie nuove, come il social design o design dei servizi, divenendo uno spazio di protagonismo collettivo. Non un sogno ma appunto un dilemma…dell’innovazione.

You may also like
innovazione
Nessun futuro per il lavoro senza innovazione sociale
Economia circolare. Di cosa si tratta e le best practices italiane

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.