Innovazione Sociale

I frigoriferi “comunitari” mirano a congelare gli sprechi alimentari

frigorifero
0

Traduzione dall’articolo di Shannon Larson per il World Economic Forum

Per combattere lo spreco di cibo – e contribuire ad assicurare a più persone l’accesso a cibo nutriente – un’associazione di beneficenza ambientale britannica si sta guardando ad una innovativa tecnologia: i frigoriferi di comunità.

Installati in spazi pubblici, compresi i centri di comunità e una chiesa, i frigoriferi consentono a ristoranti, supermercati, cuochi casalinghi e altri con cibo in eccesso di donarlo, contribuendo a garantire che rimanga fresco.

Chi ha bisogno del cibo può ritirarlo gratuitamente.

“Lo spreco alimentare è un problema importante nel Regno Unito – circa 13 miliardi di sterline di cibo vengono sprecati ogni anno”, ha detto Stine Wilhelmsen, che lavora con Hubbub, l’organizzazione benefica che sta installando i frigoriferi.

La Fondazione, che finora ha installato 50 frigoriferi comunitari, mira a mettere in atto altri 50 in tutta la Gran Bretagna entro la fine del 2020, ha detto.

frigoriferi
La chef Natalie Coleman e Manaza Nasa, volontarie presso il Food Community Community Fridge nell’East Ham Leisure Centre, preparano una tortilla spagnola con prodotti del frigorifero della comunità a Londra, Regno Unito, il 6 marzo 2019.
Image: Thomson Reuters Foundation/Morgane Mounier

L’iniziativa fa parte del Community Fridge Network, un’organizzazione benefica avviata nel 2017 per affrontare lo spreco alimentare sostenendo gruppi che tentano di redistribuire il cibo inutilizzato, ha detto Wilhelmsen alla Thomson Reuters Foundation.

“Al momento non ci sono molte soluzioni per ridistribuire alimenti deperibili, come pane, frutta e verdura, che sono anche gli alimenti sprecati più comunemente”, ha detto.

“I frigoriferi comunitari offrono davvero una soluzione interessante a questo problema.”

Gli utenti di uno dei frigoriferi presso la Food Academy a Londra, che mira a migliorare la salute attraverso laboratori di cucina e di esercizio, hanno detto che ha aiutato le persone che lottano con problemi di salute come il diabete e l’obesità ad accedere a cibi sani.

“Ha riunito tutta la comunità – c’è più consapevolezza nel mangiare sano, perché il cibo e la verdura che ci vengono donate sono molto salutari”, ha detto Manaza Nasa, volontaria del sito.

Le persone “stanno cercando di provare nuovi frutti e verdure che non hanno mai provato prima, perché frutta e verdura sono più costose del cibo spazzatura”, ha detto.

Ha detto che è stata coinvolta nella Food Academy a causa delle sue stesse lotte con il peso, e il desiderio di educare meglio i suoi figli a sane abitudini.

In media, ogni luogo con un frigorifero della comunità è visitato da oltre 200 persone al mese – anche se quel numero può salire a circa 1.000 visitatori per località più frequentate, ha detto Wilhelmsen.

Al momento, la rete del frigorifero sta aiutando a ridistribuire 25 tonnellate di cibo al mese – o circa 50.000 pasti, ha detto.

Nel corso dei tre mesi, Nasa si è offerta volontaria presso la Food Academy e ha detto di aver visto un notevole aumento del numero di residenti che utilizzano il frigorifero, che è diventato un luogo di ritrovo della comunità.

“Sta diventando sempre più popolare”, ha detto. “Riunisce le persone insieme. Vengono qui per incontrare altre persone e con questo spirito diventano partecipi della condivisione”.

“Ci scambiamo le ricette, come cucinare in modo sano – è una bella atmosfera.”

Fonte originale dell’articolo

You may also like
partecipazione
Partecipazione, comunità e consapevolezza
città
Sviluppare le città del futuro

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.