Innovazione Sociale

Gli americani, in particolare i millennial, stanno abbracciando i prodotti di carne a base vegetale

carne
0

Traduzione dall’articolo di Sheril Kirschenbaum, Douglas Buhler per “The conversation”

Entro il 2050, molti scienziati stimano che l’offerta mondiale di cibo dovrà aumentare drasticamente rispetto ai livelli odierni per soddisfare la domanda anticipata da una popolazione globale di 9-10 miliardi di persone. Nel frattempo, i prossimi decenni dovrebbero portare temperature più alte e più variabili, siccità, inondazioni e tempeste sempre più gravi e condizioni che renderanno il raggiungimento della sicurezza alimentare più complicato e incerto che mai.

Le biotecnologie emergenti stanno aprendo nuove nicchie nel panorama alimentare che possono aiutare a nutrire la popolazione in crescita del mondo con meno risorse in ambienti più estremi e imprevedibili. Con il dibattito sugli impatti della produzione di carne che si intensifica, abbiamo seguito gli atteggiamenti degli Stati Uniti relativi alle alternative di origine vegetale attraverso il sondaggio di alfabetizzazione alimentare e coinvolgimento della Michigan State University. I risultati rivelano un crescente appetito per la carne a base vegetale tra i consumatori, in particolare i millennial e la generazione Z.

Una nazione amante della carne

Molti scienziati e sostenitori raccomandano di mangiare meno carne come modo per rendere gli stili di vita moderni più sani e più sostenibili. Più di recente, il rapporto EAT-Lancet ampiamente pubblicizzato, prodotto da un team internazionale di esperti in salute, agricoltura e sostenibilità, ha raccomandato di consumare meno di mezza oncia di carne rossa al giorno.

Gli americani sono tra i principali consumatori di carne al mondo. Il World Economic Forum stima che nel 2016 gli americani abbiano mangiato in media 214 chili di carne a persona. Al contrario, gli argentini erano in media 190 sterline e gli europei in media 152,5 sterline a persona.

La crescente preoccupazione per i cambiamenti climatici ha stimolato una raffica di startup biotecnologiche della Silicon Valley focalizzate su carni alternative a base vegetale. Anche se hamburger vegetali e “carni” vegetariane sono spesso costituiti da soia, fagioli e lenticchie, esistono da decenni, questa nuova generazione di prodotti ha i benefici di sostenibilità di essere interamente fatta di verdure, ma ha un sapore sempre più convincente come la carne.

Nel 2018 la Food and Drug Administration americana ha approvato “Impossible Burger “, a base vegetale, che si basa su un ingrediente di lievito geneticamente modificato per incorporare “eme”, una molecola contenente ferro nel prodotto, permettendo alle sue carni di “sanguinare”. In una sorta di approvazione, la giornalista vegetariana della CNET Joan E. Solsman trovò che fosse così vicino alla vera carne di manzo che la ” disgustò “.

La catena di fast food “Impossible Slider” di White Castle ha vinto numerosi premi al Consumer Electronics Show del 2019 a Las Vegas. Nel 2019 Burger King ha introdotto “Impossible Whopper” per recensioni entusiastiche, e il 20 settembre Impossible Burger è diventato disponibile per l’acquisto nei negozi di alimentari della California, in competizione con Beyond Burgers e altre offerte a base vegetale di Beyond Meat.

Consumatori curiosi

Con questi prodotti che ottengono un’ampia copertura mediatica, non sorprende che gli ultimi risultati del nostro sondaggio semestrale rappresentativo a livello nazionale di oltre 2.100 persone suggeriscano che le prospettive sulle alternative alla carne stiano cambiando rapidamente. Nel febbraio 2018, il 48% degli intervistati ha affermato che è improbabile che “acquistino alimenti che abbiano un aspetto e un sapore identici alla carne, ma che siano basati su ingredienti prodotti artificialmente”. A settembre 2019 quel numero era sceso al 40%.

Il nostro sondaggio ha rilevato che nei 12 mesi precedenti il ​​35% degli intervistati aveva consumato alternative a base di carne di origine vegetale. Di quel gruppo, il 90% ha dichiarato che lo farebbe di nuovo. Tra coloro che non avevano ancora mangiato alternative a base di carne a base vegetale, il 42% era disposto a provarle, mentre il 30% di quel gruppo è rimasto riluttante.

Abbiamo anche identificato differenze generazionali molto significative negli atteggiamenti. Quasi la metà (48%) degli intervistati di età inferiore ai 40 anni stava già mangiando carne di origine vegetale, mentre solo il 27% di quelli di età pari o superiore a 40 anni aveva provato questi prodotti.

Questi risultati sono strettamente paralleli a un sondaggio del 2019 commissionato da Impossible Foods, che ha rilevato che oltre la metà dei millenari e gli intervistati della Generazione Z consumavano carne di origine vegetale almeno una volta al mese, rispetto a solo un quinto degli adulti statunitensi dai 55 anni in su.

Altre aziende stanno introducendo alternative di carne in tutto il paese. I giganti del cibo Kellogg e Hormel lanceranno presto le loro nuove linee di prodotti a base vegetale, chiamate rispettivamente ” Incogmeato ” e ” Happy Little Plants “.

La nuova generazione di carni di origine vegetale non intende sostituire altri prodotti vegetariani già sul mercato o rivolgersi a un insieme specifico di consumatori attenti alla salute. Sono stati progettati per ridurre l’impatto globale della carne bovina mentre fanno appello a tutti.

Con i millennial che dovrebbero diventare la più grande generazione di adulti viventi d’America, la loro disponibilità ad abbracciare le carni di origine vegetale suggerisce un successo continuo per questa emergente biotecnologia. Ha anche implicazioni per l’agricoltura, l’industria alimentare, la sicurezza alimentare e la sostenibilità ambientale in tutto il mondo.

fonte originale dell’articolo

You may also like
meccanismo
Il meccanismo dei bandi: alcune riflessioni
Nuova zelanda
La Nuova Zelanda ha svelato il suo primo budget “Well-being”

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.