Innovazione Sociale

8 modi per cambiare il modo in cui mangiamo

mangiamo
0

Traduzione dell’articolo di Michael Hamm per il World Economic Forum

Ci sono serie sfide per l’approvvigionamento alimentare globale ovunque guardiamo. L’uso intensivo di fertilizzanti nel Midwest degli Stati Uniti sta facendo sì che i nutrienti scendano nei fiumi e nei torrenti, degradando la qualità dell’acqua e causando una zona morta del Connecticut nel Golfo del Messico. La produzione di cioccolato sarà presto sfidata in Africa occidentale, sede di oltre la metà della produzione mondiale. Una varietà di impatti nutrizionali è prevista a causa dell’aumento del biossido di carbonio nell’atmosfera – inclusa una diminuzione del contenuto proteico nel cibo, che ha un potenziale di aggravamento della malnutrizione. E questo è solo un piccolo campione dei rischi per la filiera alimentare che sono previsti.

Il futuro del cibo, quindi, può sembrare piuttosto cupo. Ma questo non deve essere il caso. Il sistema alimentare potrebbe diventare parte della soluzione per le sfide ambientali, se apportiamo alcune modifiche ad esso. Potrebbe anche essere uno strumento per la salute umana, il benessere, la dignità e il sostentamento, piuttosto che il contrario.

Ma questo non accadrà senza un ripensamento radicale dei nostri sistemi alimentari e modelli di consumo in tutto il mondo – in particolare nel contesto delle nostre città. Il 75% della popolazione del nord del mondo è urbanizzata e il sud si sta muovendo rapidamente in questa direzione. Le strategie per il modo in cui queste regioni possono essere alimentate utilizzando più risorse locali sono fondamentali.

immagine: Our World in Data

Coloro che abitano nelle aree urbane del nord del mondo sono molto agiati perché hanno il cibo che vogliono disponibile in qualsiasi momento dell’anno. Questo ha un costo elevato. Gli alimenti trasportati per via aerea provocano quasi quattro volte la CO₂ rilasciata rispetto al camion e 38 volte quella di una quantità comparabile trasportata per ferrovia. La biodiversità e la perdita dell’ecosistema minacciano la produzione di cibo – e nel frattempo l’agricoltura è un fattore chiave di questa perdita. Inoltre, l’uso eccessivo di acqua per l’agricoltura di esportazione nelle aree soggette a stress idrico può avere un impatto negativo sul cibo e sui mezzi di sostentamento locali, ad esempio per garantire grandi quantità di avocado per i mercati globali del nord.

Se vogliamo evitare alcune di queste crisi, dobbiamo re-immaginare da dove proviene il nostro cibo e muoverci, almeno in parte, verso diete più stagionali con un minore uso di terra e una seria riduzione del commercio globale – specialmente per i frutti, verdure e proteine.

Possiamo fare tutto ciò affrontando otto fattori che hanno esacerbato e rafforzato i disastri ambientali nei nostri sistemi alimentari.

1. Modelli dietetici

È particolarmente importante ridurre il consumo di carne e le calorie in eccesso nei paesi con alti livelli di consumo di carne e obesità. Consumare molto meno carne fornisce la maggiore capacità di nutrire più persone con meno terra negli Stati Uniti, ad esempio, dove il consumo di carne è particolarmente elevato. Ogni studio globale su dieta e gas a effetto serra indica che il consumo ridotto di carne è il principale fattore di riduzione della produzione di gas serra attraverso il cambiamento della dieta. Circa 1,1 milioni di ettari di produzione di mais in eccesso sono necessari per produrre le calorie in eccesso consumate ogni anno dagli americani.

2. Pratiche di produzione

Maggiori strategie organiche e agro-ecologiche dovrebbero essere prioritarie rispetto alle pratiche agricole altamente industrializzate. Queste forme di allevamento usano molto meno fertilizzanti – il che non è solo negativo per la biodiversità, ma produce anche alte emissioni. Nel 2011, l’agricoltura nel mio stato di origine del Michigan ha acquistato collettivamente circa 200.000 tonnellate di fertilizzante azotato a un costo di CO₂ di 1,34 milioni di tonnellate (l’equivalente di quello prodotto da 291.000 auto americane in un anno). Nel frattempo, la produzione di pane biologico nel Regno Unito sembra utilizzare meno energia per tonnellata rispetto alla produzione convenzionale, con una quantità molto ridotta di produzione e utilizzo di fertilizzanti azotati.

3. Catene di fornitura

Grandi quantità di cibo sono necessarie per qualsiasi regione della città: una regione di città americana di un milione di persone richiederà circa 900 milioni di kg di cibo all’anno. Sebbene le ” miglia alimentari ” siano problematiche come discriminatori per il rilascio di gas a effetto serra, catene di approvvigionamento più corte sono probabilmente più suscettibili al trasporto di veicoli elettrici rispetto al trasporto a lunga distanza – e quindi, in ultima analisi, all’utilizzo di energia rinnovabile. Pertanto, le città dovrebbero mirare a rifornirsi di cibo dalla regione circostante anziché a livello globale. Da città regioni dovrebbe anche essere possibile utilizzare il riciclaggio dei rifiuti più robusta, creando cicli del carbonio e cicli biogeochimici per i nutrienti delle piante come il fosforo e l’azoto. Poiché il fosforo è essenziale e non rinnovabile, mentre la produzione di fertilizzanti azotati richiede un grande apporto di energia, è molto utile.

4. Rifiuti alimentari

Sebbene il cibo sia perso lungo tutta la catena di approvvigionamento, si stima che le maggiori perdite si verificano a livello di consumatori nel nord globale. Inoltre, una grande quantità di prodotti viene sprecata per non soddisfare gli standard cosmetici al dettaglio. Anche tutta l’energia verso la produzione, il trasporto e la lavorazione di questo cibo viene sprecata. Questa moderna cultura dei rifiuti deve essere affrontata.

5. Produzione concentrata

Alcune colture sono coltivate in modo intensamente concentrato, il che le rende vulnerabili ai cambiamenti climatici e ai parassiti. Ad esempio, oltre la metà degli Stati Uniti prodotti freschi e noci sono coltivati ​​in California, e un certo numero di queste colture avrà un impatto negativo in questo secolo. Mentre è in corso una ricerca per sviluppare più varietà di pescaggio e tolleranti al calore in una vasta gamma di colture, sembra anche preveggente distribuire la produzione in modo più ampio. Variazioni nei modelli meteorologici possono rendere questa una sfida. Ma strutture come i poli tunnel possono espandere notevolmente la stagione – a 12 mesi per la lattuga e altri due o tre mesi per i pomodori. E un certo numero di colture, ad esempio le mele, può essere conservato fresco per diversi mesi con stoccaggio in atmosfera controllata.

6. Strutture di ricompensa

Rendere trasparenti gli effetti (o costi) di produzione (come la perdita di suolo) in modo che tutti i costi siano contabilizzati e premiare gli agricoltori per cose come il sequestro del carbonio nel suolo, input esterni ridotti al minimo e basso consumo energetico invece della sola produzione totale aiutare a ridurre questi impatti.

7. Fonti di proteine ​​future

L’idea di coltivare insetti e meduse sono solo alcuni esempi dei suggerimenti innovativi che sono stati fatti per diversificare le fonti proteiche oltre la carne e, ad esempio, la soia. Ciò consentirebbe di ridurre i livelli di proteine ​​animali nel nord globale e di aumentare i livelli in gran parte del sud globale.

8. Politica pubblica

Molto poco dell’enorme budget della politica agricola del nord globale viene speso in politiche come la conservazione, la ricerca agroecologica e la produzione biologica. Le politiche che stimolano lo sviluppo di nuovi agricoltori, il mercato regionale e lo sviluppo della supply chain (come gli hub alimentari), prioritizzano lo sviluppo tecnologico appropriato su scale più piccole e punti di prezzo (inclusa la robotica), produzione di energia sostenibile e ricerca per ridurre al minimo gli input esterni pur mantenendo un’elevata produttività sono necessari per aiutare a spingere il loro sviluppo.

Tutto sommato, occorre prestare molta più attenzione alla sostenibilità dei sistemi alimentari urbani del pianeta. Se la situazione continua invariata, le nostre catene di approvvigionamento alimentare saranno presto in guai seri.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
nuove idee
Nuove Idee di Abitare: un convegno AgenziaRES
Il gruppo: risorsa o dannazione? Principi di team building

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.