Cooperazione e Comunità

WelfaRES: un manifestino

0

AgenziaRES come esperto di politiche e interventi sociali. Ci occupiamo di politiche sociali innovative da quasi trenta anni e abbiamo visto lo scenario mutare più volte. In questa fase siamo immersi nel pieno di una transizione che si stenta a comprendere. Nel frattempo sta variando il quadro dei bisogni e gli scenari divengono sempre più complessi, richiedendo soluzioni sempre più articolate. All’interno di tale paesaggio AgenziaRES lascia guidare la propria azione da alcune parole chiave: quelle che ci sembrano più adatte alla particolarità del momento.

Ricerca. Non crediamo nelle soluzioni standard e nelle ricette già pronte. Lavoro sociale significa immergersi con tutto il corpo in un contesto e individuare gli itinerari più opportuni e propri a quel contesto. Solo un attento lavoro di comprensione, di analisi e di ricostruzione delle giuste soluzioni può essere una efficace modalità di fronteggiamento, assegnandole i tempi necessari.

Cooperazione. Apparteniamo al mondo della cooperazione e crediamo che questo valore sia l’elemento decisivo nella attuale contingenza. Per noi cooperazione è quel termine che ci consente di declinare la centralità dello sviluppo comunitario all’interno di una forte enfasi sull’agire insieme (co-operare appunto). In questa fase appare sempre più evidente che mentre l’azione pubblica di tutela del benessere e di inclusione sociale sta perdendo di rilevanza ogni giorno, essa viene sostituita dalla capacità di tenuta del quadro sociale, che si produce in maniera endogena dentro le comunità territoriali. Pensiamo che il legame che nutre le comunità sia proprio la capacità di attivare cooperazione; di co-generare valore sociale.

Analisi dei significati. Crediamo sia indispensabile che qualunque operazione di costruzione di valore sociale, prenda piede da una condivisione dei significati dell’azione comunitaria; occorre lavorare su nuove esplicitazioni e su una ritrovata comprensione delle dimensioni di valore e di benessere sulle quali vogliamo attestare le nostre comunità. Troppe volte l’azione sociale si concentra sul fare, sul costruire servizi ed interventi, sull’individuare risorse e determinare costi; occorre preventivamente creare accordo sulle visioni e sui sistemi di valore che si stanno ricercando e che si intende garantire.

Ibridazione. Nella società dell’internet 2.0 ha senso ragionare di politiche sociali e di interventi immaginando risposte complesse e ibride. Risposte fatte di meticciamenti tra differenti soggetti e di azioni che acquistano un senso solo nella misura in cui si mescolano con altre azioni. Non si tratta più di operazioni da ingegneri sociali, capaci di individuare un buon meccanismo di risposta al bisogno, ma occorre recuperare i saperi alchemici che consentono di mescolare saperi e bisogni e sensibilità e esperienze e tempi e far emergere risultati imprevedibili. Occorre immergersi nel corpo sociale e provare a individuare cooper-azioni insospettate.

Empowerment. Un termine che qualcuno definirebbe desueto. Noi crediamo che sia ancora il centro di un appropriato intervento sociale e lo usiamo per definire ci sembra sicuramente ben restituire la nostra idea di azione nella comunità. La nostra azione di promozione sociale e comunitaria è sempre un’azione di promozione anche individuale, di “capacitazione” del singolo, di apprendimento condiviso con la finalità di costruire un potere diffuso di soluzione dei problemi e di costruzione dal basso del benessere comunitario.

Valutazione. Siamo persuasi che troppo spesso si è fatto intervento sociale senza “guardarci dentro”. Troppo spesso si costruiscono ancora tutt’oggi servizi che sono risposte standardizzate a bisogni che non ci si sforza di capire davvero. Troppo spesso non si verifica quanto l’impegno di risorse profuso, corrisponda ad un effettivo impatto sui destinatari. Ecco: per tutto questo la valutazione assume nella nostra visione un valore fondamentale. Sia nell’utilizzare i dati che essa fornisce con il fine di riprogettare l’intervento di servizio, sia per utilizzare dispositivi di valutazione che siano anch’essi momenti di apprendimento comunitario, che producono un valore sociale in quanto tali.

You may also like
partecipazione
Partecipazione, comunità e consapevolezza
Cooperazione e sviluppo. Quale ruolo per il cambiamento sociale

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage