Cooperazione e Comunità

Rispondere alla rabbia

rabbia

Traduzione dell’articolo di Klaus Schwab per il World Economic Forum

La rabbia generata dall’uccisione di George Floyd ha portato alla luce ancora una volta le richieste per i diritti civili e la fine del razzismo che spaventa le società, non solo negli Stati Uniti, ma anche in tutto il mondo.

Nell’affrontare giustamente la causa di quell’indignazione e rabbia – la piaga del razzismo – è anche necessario affrontare le disuguaglianze fondamentale amplificate dalla pandemia.

La pandemia di COVID-19 ha ingigantito le sfide dell’ingiustizia sociale mettendo in evidenza le scioccanti disparità nel grado di rischio a cui sono esposte le diverse classi sociali. È necessario un “great reset” per plasmare l’era post COVID-19, dando la priorità alla necessità di ridefinire il nostro contratto sociale. Ma, come dimostrano chiaramente le proteste contro il razzismo sistemico, questo Great Reset richiede non solo una dimensione sociale o economica. Deve includere una dimensione morale.

Negli Stati Uniti, il COVID-19 ha avuto un effetto sproporzionato sulle comunità afro-americane, persone a basso reddito e popolazioni vulnerabili come i senzatetto. A Los Angeles, il tasso di mortalità per i cittadini neri è quasi tre volte quello dei suoi residenti più ricchi. Il fatto che la pandemia abbia colpito la comunità nera così sproporzionatamente è un riflesso non solo del razzismo storico ma anche della loro continuazione nelle disparità sistemiche esistenti. In America, come in molti altri paesi, le persone che affrontano discriminazioni razziali ed emarginazione hanno maggiori probabilità di essere disoccupate o sottoccupate e di avere condizioni abitative sfavorevoli. Di conseguenza, il loro accesso alle cure sanitarie è più limitato e soffrono maggiormente delle condizioni di salute preesistenti che rendono COVID-19 particolarmente letale.

La grande sfida per tutti coloro che si trovano in posizioni di potere e responsabilità è di rispondere alla crisi in modo da integrare le speranze per il futuro e sopprimere la crescente rabbia. Pensando alle caratteristiche che un futuro contratto sociale dovrebbe avere, le opinioni delle generazioni più giovani devono essere integrate, poiché sono loro a cui verrà chiesto di conviverci – la stessa generazione che è ora così impegnata nella lotta contro il razzismo. Hanno preso a cuore le parole dell’arcivescovo Desmond Tutu: “Se sei neutrale in situazioni di ingiustizia, hai scelto la parte dell’oppressore”.

Il loro coinvolgimento è decisivo e quindi per capire cosa vogliono è necessario che siano ascoltati. Ciò è reso ancora più significativo dal fatto che è probabile che le nuove generazioni siano più radicali di quelle più anziane nel ridefinire il contratto sociale.

La pandemia ha tragicamente messo fine a molte vite ma le ha anche sconvolte. Un’intera generazione in tutto il mondo sarà definita dall’insicurezza economica e spesso sociale e dalla rabbia , con milioni che dovrebbero entrare nella forza lavoro nel mezzo di una profonda recessione. Anche per i più avvantaggiati, iniziare in deficit – molti studenti hanno debiti educativi – probabilmente avrà effetti a lungo termine. Già i millennial (almeno nel mondo occidentale) stanno peggio dei loro genitori in termini di guadagni, risorse e ricchezza. Hanno meno probabilità di possedere una casa o di avere figli rispetto ai loro genitori.

Ora, un’altra generazione (Gen Z) sta entrando in un sistema che ritiene fallimentare e che sarà assillato da problemi di vecchia data esacerbati dalla pandemia. Un giovane studente ha dichiarato al New York Times: “I giovani hanno un profondo desiderio di un cambiamento radicale perché vediamo il percorso rotto da percorrere”.

La peggiore risposta che il mondo può avere in questo momento è una polarizzazione maggiore, un pensiero ottuso e la ricerca di soluzioni semplicistiche – un terreno fertile alla diffusione di fake news, disinformazione e odio. La pandemia COVID-19 ha inequivocabilmente dimostrato che il mondo è profondamente interconnesso e tuttavia ampiamente privo di solidarietà tra le nazioni, e spesso anche all’interno delle nazioni. Durante i periodi di confinamento, ci sono stati notevoli esempi di altruismo e solidarietà, ma anche contro-esempi di comportamento egoistico. A livello globale, anche la virtù dell’aiuto reciproco è stata assente.

Questo, nonostante l’evidenza antropologica che ciò che ci distingue come umani è la capacità di cooperare tra noi e formare nel processo qualcosa di più grande di noi stessi. Lo vediamo manifestarsi con forza nelle proteste contro il razzismo e l’ingiustizia e nel riconoscimento che le vite nere contano. Il COVID-19 risveglierà il nostro innato senso di empatia e collaborazione, incoraggiandoci verso una maggiore solidarietà? Gli esempi di precedenti pandemie non sono incoraggianti, ma questa volta c’è una differenza fondamentale: siamo tutti collettivamente consapevoli che senza una maggiore collaborazione, non saremo in grado di affrontare le sfide globali che affrontiamo collettivamente.

In breve, se c’è qualche speranza di migliorare lo stato del mondo, deriva dal riconoscimento morale che alcune cose nella nostra società sono profondamente sbagliate. La risposta deve venire da una risistemazione fondamentale dei nostri sistemi politici, economici e sociali, resa possibile da un dialogo aperto che rispetti la dignità e la diversità dell’umanità.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
sharing
Sharing economy. La mattinata formativa
dragare
Tendenza a dragare: riflessioni dal Servizio Civile

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.