Cooperazione e Comunità

La comunità che vive in città

vive
0

Bologna sta sperimentando una nuova forma del vivere collaborativo: il co-housing pubblico

Traduzione dell’articolo di Alex Godson per EuroCities

Il movimento cooperativo italiano, che ha visto le persone raggrupparsi per avere più voce in capitolo su questioni economiche e sociali, può essere fatto risalire alla metà del diciannovesimo secolo.

Bologna fu la patria di molte di queste cooperative e nel 1884, quando i lavoratori di un’azienda di tabacco si unirono, diede alla luce uno dei primi dedicati esclusivamente alle abitazioni.

Sebbene questo modello di organizzazione comunitaria sia stato bloccato durante l’era fascista, il dopoguerra ha visto fiorire nuovamente cooperative.

“Con il modello cooperativo, stiamo ancora vivendo questa idea di Bologna”, afferma Silvia Calastri, che è impiegata nell’ufficio delle politiche di edilizia popolare per la città. “Ora vorremmo che questo fosse più diffuso, come era prima.”

Un futuro che assomigli al passato

I portici di Bologna, o passerelle coperte, sono una caratteristica centrale dell’architettura e dell’identità della città e, in passato, hanno fornito aree comuni in tutta la città per le persone di riunirsi, parlare e mangiare. Questa mentalità della vita comune filtra in altri aspetti del modo in cui la città è organizzata oggi.

Ad esempio, mentre gli italiani in generale preferiscono possedere le loro case, a Bologna lo stock di alloggi sociali è di circa il 33%, che è molto al di sopra della mediana in Italia.

E il comune è molto coinvolto nella loro gestione – metà di questi, ad esempio, sono offerti dalla città a tariffe ridotte per aiutare le persone a mantenere un tetto sopra la testa.

“Bologna considera la questione degli alloggi a prezzi accessibili una questione di cittadinanza”

Con i costi di affitto che sono aumentati drasticamente di quasi il dieci percento a Bologna l’anno scorso, l’edilizia abitativa è un problema più all’ordine del giorno che mai, e persino il sindaco della città ha riconosciuto l’urgenza dell’attuale crisi immobiliare. In parte, ciò è ancora dovuto agli effetti a più lungo termine della crisi economica, in parte ha a che fare con altre influenze come Airbnb – che riduce lo stock disponibile di alloggi per affitti a lungo termine.

Come afferma il sindaco Virginio Merola, “Bologna considera la questione degli alloggi a prezzi accessibili una questione di cittadinanza e si impegna a diversificare le azioni pianificate per garantire l’accesso a alloggi adeguati”.

A seguito della crisi economica, la città ha firmato il protocollo di sfratto, che riconosce che la perdita di un lavoro a causa della crisi economica e finanziaria è una ragione legittima per non essere in grado di effettuare pagamenti di affitto. Basandosi sulla legislazione a livello nazionale, la città è ora impegnata a sostenere le famiglie che ricevono notifiche di sfratto.

Secondo Calastri, da quando “è iniziato nel 2017, è stato un aiuto molto importante per le famiglie, riducendo il numero di sfratti registrati a 365 l’anno scorso, rispetto a oltre 1.100 solo quattro anni fa.”

Un altro aspetto importante della politica abitativa della città è l’obiettivo di aumentare le scorte di alloggi pubblici di 1.000 unità entro il 2021. Anche se l’edilizia sociale costituisce uno dei principi del pilastro europeo dei diritti sociali, non sono stati presi provvedimenti concreti o impegni finanziari a Livello europeo a sostegno di questo. Bologna è una delle tante città che sta mettendo in luce questa urgente necessità impegnandosi in azioni tangibili e impegnandosi attraverso la campagna “città inclusive 4” di EUROCITIES.

Nel suo piano di 1.000 case, la città prevede di spendere circa 60 milioni di euro per ammodernare 600 vecchi appartamenti pubblici e costruire 400 nuove unità abitative pubbliche in siti dismessi, evitando così di aumentare il consumo di terra.

Co-housing

Altre 3.000 unità abitative sono dedicate esclusivamente alle cooperative, che mirano a mantenere i livelli di affitto al di sotto del mercato.

Nel 2017, la città ha iniziato un nuovo esperimento per la vita collaborativa: il co-housing pubblico.

“Questo spazio non è solo nostro, pensiamo che potrebbe essere reso disponibile a tutti”

“Porto 15” è la prima casa pubblica in Italia dedicata alle persone di età inferiore ai 35 anni. Dato che in Italia circa il 67% di questa fascia d’età vive con i genitori, ciò rappresenta una vera innovazione sociale.

In totale, 18 appartamenti (circa 45 posti letto) sono stati rinnovati in un edificio appartenente al consiglio comunale e situato nel centro storico della città. Ogni piano dell’edificio modernizzato contiene ora servizi e spazi condivisi, come un soggiorno / cucina in comune e una lavanderia.

Lavorando con i giovani, che pagano un affitto inferiore alla media, attraverso la creazione di una “carta dei valori”, che stabilisce un accordo su ciò che ci si aspetta, sia il comune che i benefici della comunità locale.

“Normalmente come pubblica amministrazione stiamo guidando il processo”, afferma Calastri. “Tuttavia, in questo caso l’intenzione è presa dai futuri residenti di decidere quale tipo di valori condividere, quali attività fare e come creare il rapporto tra loro e la città.”

Dare voce ai residenti è uno dei grandi bonus di questo nuovo modello di vita collaborativa.

Massimo Gioacchino, uno dei residenti di Porto 15, afferma “Ci siamo dati i nostri doveri. Cerchiamo di incontrarci una volta alla settimana, per capire semplicemente come arredare lo spazio o quale lavatrice comprare insieme”.

“Una delle prime discussioni tra le famiglie è stata la babysitter”, afferma Federico Palmas, un altro residente, “intendendo condividere il” carico familiare “. Perché avere bambini in città in questo momento, senza una stretta rete di supporto, diventa un peso che speriamo di alleviare con l’esperienza di convivenza. “

“Alcune domeniche organizziamo cene o pranzi insieme”, afferma Rana Kazan, un altro residente. “Tutti cucinano qualcosa e poi scendiamo le scale e mangiamo tutti insieme. Sembra una sola famiglia. “

Questo senso di comunità, che si rifà alle idee all’interno della recente storia culturale della città, è qualcosa che ha suscitato l’interesse degli altri bolognesi. Segna un chiaro “punto di svolta” nella percezione delle persone di alloggi cooperativi, secondo Calastri, e ha ispirato il comune a fare appello a iniziative private o dei cittadini per rimontare gli edifici inutilizzati di proprietà della città proprio per questo scopo

Tuttavia, un altro aspetto popolare di questo modello collaborativo, che porta benefici extra alla comunità circostante, è che l’accordo fatto dai residenti di Porto 15 prevede l’impegno a restituire qualcosa alla comunità locale, organizzando attività. Ad esempio, gli inquilini potrebbero creare un club per i compiti o fare qualcosa di ecologico come la cura dei giardini pubblici.

“Alcune domeniche organizziamo cene o pranzi insieme”

In effetti, Bologna è ora il primo posto in Italia a stabilire una definizione di cosa significhi effettivamente l’edilizia abitativa cooperativa, e questo include un accordo tra coloro che ricevono alloggi per organizzare attività che restituiscono alla comunità.

In questo modo, il nuovo movimento delle cooperative si collega a uno degli obiettivi più ampi e continui della città: riqualificare le sue aree pubbliche. Essendo guidato dai cittadini, con i residenti delle cooperative di edilizia abitativa che scelgono le aree su cui lavorare, Calastri afferma che “è interessante vedere come le persone vengono coinvolte in questi progetti guidati dalle cooperative e vedere come dal nulla nasce una comunità di residenti”.

E il sentimento è reciproco, Gioacchino, uno dei giovani residenti, commenta: “questo spazio non è solo nostro, pensiamo che potrebbe essere reso disponibile a tutti”.

Un modello di cooperazione

Il prossimo round di Bologna di progetti di co-housing pubblico non includerà criteri di età specifici, ma sarà piuttosto aperto a tutti i residenti, al fine di incoraggiare un maggiore mix sociale.

Tuttavia, la città vuole condividere le sue idee con altre città e ha già avviato una proficua collaborazione con Barcellona per sviluppare un modello condiviso sull’edilizia cooperativa.

“Parlare con diverse città in Europa ci ha aiutato a capire che non siamo soli, ma che lavoriamo in parallelo”, afferma Calastri. “Alla fine stavamo lavorando sullo stesso modello, ma con un focus diverso. Ora, vogliamo dialogare tra diverse città in Europa e imparare gli uni dagli altri. “

E le due città sperano di finalizzare e condividere questo nuovo modello nei prossimi mesi.

Un futuro, basato sul passato e costruito sulla collaborazione e sulla proprietà condivisa, sta guadagnando terreno a Bologna. Chissà, l’idea potrebbe presto arrivare anche in una città vicino a te.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
etnopsichiatria
Etnopsichiatria: il migrante non più vittima ma protagonista.
bando
Un bando per le imprese sociali colpite dal terremoto

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.