Cooperazione e Comunità

Il tuo “Terzo luogo”, dove ti connetti con la tua comunità

luogo
0

Traduzione dall’articolo di John Harris su The Guardian

La chiusura dei pub e i tagli ai servizi pubblici stanno a significare che gli spazi sociali condivisi stanno diminuendo. Vogliamo sapere dove ti piace andare.

Potrebbe essere il pub del tuo quartiere, la tua palestra, il caffè a te più vicino. Una specifica panchina pubblica dove vai a leggere o a pensare, o la libreria di quartiere.

Il “terzo luogo” è un luogo pubblico e sociale dove passi il tempo che non sia casa o lavoro.  Che sia gestito pubblicamente, come una biblioteca, o un’impresa commerciale, è, soprattutto, condiviso – un sito di costruzione della comunità e di interazione con gli altri.

Il concetto è stato portato alla ribalta dal sociologo statunitense Ray Oldenburg nel suo libro del 1989 “The Great Good Place”, in cui ha esplorato il contributo positivo del terzo luogo alla democrazia, alle comunità di quartiere e al benessere dei residenti.

Ed era proprio questo tipo di interazione organica che Eugene Quinn stava cercando di replicare con i suoi incontri mensili Coffeehouse Conversations in Vienna. “Se entri in un pub a Dublino o in una tavola calda in America, sarai in grado di incontrare gente del posto abbastanza velocemente, in una coffeehouse in Vienna non è così” dice. “Le persone non vanno alla deriva nei mondi degli altri”.

Ma sempre più spesso abbiamo meno opzioni.

John Harris ha denunciato la perdita di spazi condivisi in Gran Bretagna, sottolineando il declino dell’affiliazione religiosa, la chiusura di pub e locali musicali, e tagli ai servizi pubblici come “lasciandoci una nazione di cricche”. Con gli abitanti delle città in particolare che operano all’interno di silos, scrive Harris, “il mantenimento della vita di comunità è una lotta continua”.

Le scoperte della scorsa settimana hanno mostrato che i parchi di Londra, apparentemente spazi pubblici, erano più off-limits che mai da quando i municipi li avevano affittati per ospitare festival musicali. Alex Clark ha scritto sulle implicazioni:

“Nessuno può dire cosa rappresenta un parco per tutti i suoi fruitori. Nessuno sa quali conversazioni sono ispirate durante una passeggiata, quali agonie placate o problemi pensati e ripensati. […] Questi spazi in via di esaurimento sono preziosi e dovrebbero essere protetti dalla mercificazione e dalla moderna malattia di un divertimento costante e organizzato.”

Ora vogliamo sapere la tua opinione.

Ripensa alle tue esperienze

Dove è il tuo terzo luogo, o il luogo condiviso preferito e più frequentato? Dove ti ritrovi a conversare con estranei e avere – come scrive Harris – “il miglior tipo di esperienze caotiche e inaspettate”?

Inoltre: hai notato la perdita di spazi condivisi nella tua casa e ti preoccupa? Come potrebbe la chiusura del tuo terzo posto influenzare la tua vita? Condividere le vostre esperienze con noi utilizzando il modulo sottostante.

 

Fonte originale dell’articolo

You may also like
Il fenomeno delle migrazioni forzate – prima parte
nuove idee
Nuove Idee di Abitare: un convegno AgenziaRES

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.