Cooperazione e Comunità

Cosa ci rende davvero resilienti?

resilienza

Uno studio su 25.000 persone in 25 paesi fa luce su cosa sia la resilienza e su come i leader possono coltivarla.

Undici anni fa alla mia amica Sally fu diagnosticata la SLA, nota anche come malattia di Lou Gehrig, la malattia degenerativa dei motoneuroni che gradualmente ti rende incapace di muoverti, mangiare, parlare e alla fine respirare. Aveva appena compiuto 40 anni, due figli, felicemente sposata con un principe di un ragazzo, così tanto da aspettarsi, per tutti loro. E poi questa orribile sofferenza. Questo “incidente d’auto molto lento” era la descrizione di suo marito e non riesco a togliermi quell’immagine dalla testa. I rottami, le rotture, l’inevitabilità del dolore e niente che chiunque può farci se non guardare impotente. “Penso di scomparire”, mi disse Sally allora. “Cosa farò quando nessuno mi vedrà più?”

Oggi, contro ogni previsione, è ancora viva. Sì, non può muoversi, né parlare, né mangiare, né respirare da sola, ma non è scomparsa. Invece, con l’aiuto della sua macchina parlante alimentata dagli occhi, è esuberante, amorevole e saggia come sempre. Sally può trasmettere più significato in uno sguardo di quanto la maggior parte di noi possa in uno sproloquio di 20 minuti. “Come si fa?” Le ho chiesto. “Come fai a rimanere così forte per tuo marito, per i tuoi figli?”

“Ci sono così tante cose che non posso fare, Marcus”, ha risposto. “Ma perché preoccuparsi di guardarli? Invece passo tutto il mio tempo concentrato su quelle poche cose che posso fare. Posso ancora amare mio marito. Posso ancora amare i miei figli. Sono ancora qui.”

Lei è molto presente. E in questi giorni, le persone come Sally possono insegnarci davvero molto sulla resilienza. Per più di dieci anni si è chiusa in casa, praticando la distanza sociale da coloro che potrebbero infettarla, incapace di uscire e muoversi, eppure ha conservato la sua verve e il suo spirito. Se tutti potessimo attingere a tali riserve di forza e pazienza. Vorremmo che tutti vacillino di fronte alle terribili sfide della vita e si rialzino più forti di quanto siamo mai stati. A cosa aveva accesso Sally? Era semplicemente una parte del suo corredo genetico che le permetteva di non cedere, o era qualcosa che faceva consapevolmente? Cos’è questa cosa chiamata resilienza e come può ognuno di noi coltivarla nella propria vita?

Per iniziare a rispondere a queste domande, il mio team dell’ADP Research Institute ha intrapreso due studi sul campo. Il primo si è concentrato sull’identificazione delle fonti di resilienza, individuando le migliori domande per misurarla, e poi mettendo in atto le prescrizioni specifiche per aumentare la resilienza in te stesso e nelle persone a cui tieni di testa. Puoi trovare la serie completa dei risultati qui.

Il secondo è stato uno studio globale sulla resilienza in tutto il mondo. Abbiamo posto a 25.000 adulti che lavorano in 25 paesi 10 domande chiave sulla resilienza. In ogni paese abbiamo prima costruito un campione stratificato per riflettere la composizione demografica della forza lavoro di quel paese, e poi nel luglio 2020 abbiamo posto queste 10 domande per determinare la percentuale di lavoratori in ogni paese che erano altamente resilienti.

La mia tesi in corso era che quei paesi che avevano risposto in modo più efficace all’epidemia di Covid-19 – misurata in base al numero di morti e casi per milione – avrebbero mostrato la forza lavoro più resiliente. Mi aspettavo che paesi come Taiwan, Singapore e Corea del Sud avrebbero mostrato livelli di resilienza molto elevati, mentre paesi come Brasile, India e Stati Uniti avrebbero avuto livelli di resilienza relativamente più bassi. Gli Stati Uniti, ad esempio, hanno solo il 4% della popolazione mondiale, ma più del 20% dei casi Covid nel mondo. Sicuramente questo numero fuori misura di casi avrebbe avuto un effetto negativo sui livelli di resilienza.

Mi sbagliavo. La mia tesi non ha retto. Invece è emerso un modello molto diverso, che ha rivelato non solo come puoi costruire la resilienza nella tua vita, ma anche perché così tanti dei nostri dirigenti senior stanno seguendo la strada sbagliata nei loro tentativi di aumentare la resilienza in coloro che guidano.

Le nostre scoperte

Per iniziare, eliminiamo alcuni fattori su cui potresti avere dei dubbi.

I livelli di resilienza non sono collegati al genere: uomini e donne in tutto il mondo hanno quasi esattamente gli stessi livelli di resilienza. Né l’età sembra essere un fattore significativo. Né c’erano forti correlazioni tra resilienza ed etnia o nazionalità.

Invece, abbiamo scoperto che c’erano due fattori primari della resilienza che, presi insieme, portano a una ricetta interessante e controintuitiva:

1. La resilienza è uno stato mentale reattivo creato dall’esposizione alla sofferenza.

Nel nostro studio abbiamo chiesto alle persone se avessero avuto il Covid, se qualcuno nella loro famiglia avesse il Covid, se qualcuno nel loro team di lavoro lo avesse e se qualcuno nella loro cerchia più ampia lo avesse. Quelle persone che hanno risposto affermativamente a ciascuna di queste domande avevano 3,9 volte più probabilità di essere altamente resilienti.

Non importava quanto fosse stato efficace o inefficace il tuo paese nel rispondere alla pandemia. Ciò che ha guidato il tuo livello di resilienza era una funzione di quanto tu, te stesso, fossi stato intimamente esposto: più eri esposto, più alti erano i tuoi livelli di resilienza.

Questo suggerisce fortemente che scopriamo la nostra resilienza solo quando siamo costretti ad affrontare in pieno la sofferenza inevitabile. È quando affrontiamo quella realtà, e vediamo noi stessi e come rispondiamo ad essa, che troviamo le basi per la resilienza. Il reale è quasi sempre meno spaventoso di quanto immaginato e la realtà della malattia ti aiuta a sapere di cosa sei capace, il che si sta rafforzando.

2. Più tangibile è la minaccia, più resilienti diventiamo.

Nel nostro sondaggio abbiamo chiesto alle persone se avessero sperimentato cambiamenti nelle loro condizioni di lavoro a seguito di Covid: protezione sul posto, cambiamento dell’orario di lavoro, licenziamenti o permessi, maggiore uso della tecnologia, ecc. Abbiamo fornito alle persone un elenco di 11 possibili i cambiamenti.

Il novantasei per cento delle persone in tutto il mondo ha riferito di aver sperimentato almeno uno di questi cambiamenti. Nessuna sorpresa lì. Ma la cosa sorprendente è che alcune persone avevano sperimentato più di cinque di questi cambiamenti. Quelli che lo hanno fatto non solo erano più convinti che questi cambiamenti sarebbero stati permanenti, ma avevano anche 13 volte più probabilità di essere altamente resilienti. In altre parole, se fossi stato costretto ad assorbire cambiamenti significativi nel tuo lavoro, avresti aumentato i livelli di resilienza. In effetti, più cambiamenti dovevi assorbire, più resiliente eri.

Combina i risultati uno e due e ti rendi conto che noi esseri umani non funzioniamo bene quando i nostri leader sorvolano sulla realtà. Non abbiamo bisogno che ci addolciscano la pillola per farci sentire meglio. Non lo farà. È molto più spaventoso e dannoso per la psiche minimizzare realtà dure o oscure o fingere che non esistano, perché allora permettiamo alla nostra immaginazione di scatenarsi e chissà che tipo di demoni possiamo evocare nella nostra mente.

Invece di sminuire la realtà, raccontacela in maniera diretta. Non affrettarci a tornare alla normalità nel tentativo di alleviare la nostra paura e ansia. Invece, descrivi in dettaglio qual è effettivamente la minaccia. Mostraci da vicino e personalmente quali cambiamenti nel mondo reale dovremo apportare nelle nostre vite e dicci la verità su come questi cambiamenti sono progettati per proteggerci. Mostraci in pratica qual è la nostra “nuova normalità” e perché, e poi fidati di noi per figurare come vivere in modo felice e sano all’interno di questa nuova normalità.

Molti dei nostri leader non ci danno abbastanza credito. Lo psicologo Viktor Frankl ci disse già negli anni ’30: la nostra risposta alla sofferenza inevitabile è una delle fonti primarie nella nostra vita di significato, scopo e autoefficacia. La sofferenza e le difficoltà non devono mai esserci nascoste. Invece, mostracele in modo onesto e chiaro e riveleremo – a noi stessi e a te – la nostra più grande forza.

Le più grandi paure di Sally erano precedenti ai peggiori sintomi della SLA. Era l’attesa che la terrorizzava. Una volta che i sintomi sono arrivati, era ancora orribile e difficile, ma almeno poteva prendere delle misure, capire come sarebbero stati questi sintomi e avrebbe potuto iniziare a capire praticamente e realmente come vivere – con forza, grazia e resilienza.

La nostra ricerca suggerisce che lo stesso vale per te e me. È l’ignoto che ci spaventa. Mostraci la verità sulle nostre minacce e riveleremo le vere riserve del nostro potere.


Traduzione dell’articolo di Marcus Buckingham per l’Harvard Business Review

Fonte originale dell’articolo

Immagine: Foto di nonmisvegliate da Pixabay

You may also like
Perché è importante l’animazione di comunità
rifugiati
L’ integrazione dei rifugiati in Europa: buone prassi e sfide

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.