Comunicazione Sociale

Tasso di fertilità: crollo globale “sbalorditivo” nei bambini che nascono

fertilità

Il mondo è mal preparato per il crollo globale dei bambini che nascono, che è destinato ad avere un impatto “sbalorditivo” sulle società, affermano i ricercatori.

Il calo del tasso di fertilità significa che quasi tutti i paesi potrebbero avere una diminuzione della popolazione entro la fine del secolo.

E si prevede che 23 nazioni, tra cui Spagna e Giappone, vedranno la loro popolazione dimezzarsi entro il 2100.

Anche i paesi invecchieranno drammaticamente, con tante persone che compiranno 80 anni quanti sono i nati.

Cosa sta succedendo?

Il tasso di fertilità – il numero medio di figli partoriti da una donna – sta diminuendo.

Se il numero scende al di sotto di circa 2,1, la dimensione della popolazione inizia a diminuire.

Nel 1950, le donne avevano una media di 4,7 figli nella loro vita.

I ricercatori dell’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington hanno mostrato che il tasso di fertilità globale si è quasi dimezzato a 2,4 nel 2017 e il loro studio, pubblicato su Lancet, prevede che scenderà al di sotto di 1,7 entro il 2100.

Di conseguenza, i ricercatori si aspettano che il numero di persone sul pianeta raggiungerà il picco di 9,7 miliardi intorno al 2064, prima di scendere a 8,8 miliardi entro la fine del secolo.

“Questa è una cosa abbastanza grande; la maggior parte del mondo sta passando al declino naturale della popolazione”, ha detto alla BBC il ricercatore Prof Christopher Murray.

“Penso che sia incredibilmente difficile pensarci e riconoscere quanto sia grande questa cosa; è straordinario, dovremo riorganizzare le società”.

Perché i tassi di fertilità stanno diminuendo?

Non ha nulla a che fare con il numero di spermatozoi o le solite cose che vengono in mente quando si parla di fertilità.

Al contrario, è guidato da un maggior numero di donne nell’istruzione e nel lavoro, nonché da un maggiore accesso alla contraccezione, portando le donne a scegliere di avere meno figli.

In molti modi, il calo dei tassi di fertilità è una storia di successo.

Quali paesi saranno più colpiti?

Si prevede che la popolazione del Giappone scenderà da un picco di 128 milioni nel 2017 a meno di 53 milioni entro la fine del secolo.

Si prevede che l’Italia vedrà un altrettanto drammatico calo demografico da 61 milioni a 28 milioni nello stesso arco di tempo.

Sono due dei 23 paesi – che includono anche Spagna, Portogallo, Thailandia e Corea del Sud – che dovrebbero vedere la loro popolazione più che dimezzata.

“Questo è sbalorditivo”, mi ha detto il prof. Christopher Murray.

La Cina, attualmente la nazione più popolosa del mondo, dovrebbe raggiungere un picco di 1,4 miliardi in quattro anni prima di quasi dimezzarsi a 732 milioni entro il 2100. L’India prenderà il suo posto.

Si prevede che il Regno Unito raggiungerà il picco di 75 milioni nel 2063 e scenderà a 71 milioni entro il 2100.

Tuttavia, questo sarà un problema veramente globale, con 183 paesi su 195 che avranno un tasso di fertilità inferiore al livello di sostituzione.

Perché questo è un problema?

Potresti pensare che questo sia ottimo per l’ambiente. Una popolazione più piccola ridurrebbe le emissioni di carbonio e la deforestazione per i terreni agricoli.

“Ciò sarebbe vero tranne per la struttura dell’età invertita (più anziani che giovani) e tutte le conseguenze uniformemente negative di una struttura dell’età invertita”, afferma il prof. Murray.

I progetti di studio:

  • Il numero di bambini sotto i cinque anni scenderà da 681 milioni nel 2017 a 401 milioni nel 2100.
  • Il numero degli ultraottantenni salirà da 141 milioni nel 2017 a 866 milioni nel 2100.

Il professor Murray aggiunge: “Creerà un enorme cambiamento sociale. Mi preoccupa perché ho una figlia di otto anni e mi chiedo come sarà il mondo”.

Chi paga le tasse in un mondo enormemente invecchiato? Chi paga l’assistenza sanitaria per gli anziani? Chi si prende cura degli anziani? Le persone potranno ancora ritirarsi dal lavoro?

“Abbiamo bisogno di un atterraggio morbido”, sostiene il prof Murray.

Ci sono soluzioni?

I paesi, incluso il Regno Unito, hanno utilizzato la migrazione per aumentare la propria popolazione e compensare il calo dei tassi di fertilità.

Tuttavia, questa smette di essere la risposta una volta che la popolazione di quasi tutti i paesi si sta riducendo.

“Passeremo dal periodo in cui è una scelta di aprire le frontiere, o meno, alla concorrenza schietta per i migranti, poiché non ce ne sarà abbastanza”, sostiene il professor Murray.

Alcuni paesi hanno provato politiche come il congedo di maternità e paternità potenziato, assistenza all’infanzia gratuita, incentivi finanziari e diritti di lavoro aggiuntivi, ma non c’è una risposta chiara.

La Svezia ha trascinato il suo tasso di fertilità da 1,7 a 1,9, ma altri paesi che hanno compiuto sforzi significativi per affrontare il “fallimento del bambino” hanno lottato. Singapore ha ancora un tasso di fertilità di circa 1,3.

Il professor Murray dice: “Trovo che le persone se la ridano; non possono immaginare che possa essere vero, pensano che le donne decideranno semplicemente di avere più figli.

“Se non riesci [a trovare una soluzione], alla fine la specie scompare, ma mancano pochi secoli”.

I ricercatori mettono in guardia contro l’annullamento dei progressi nell’istruzione delle donne e nell’accesso alla contraccezione.

Il prof. Stein Emil Vollset ha affermato: “Rispondere al declino della popolazione diventerà probabilmente una preoccupazione politica primaria in molte nazioni, ma non deve compromettere gli sforzi per migliorare la salute riproduttiva delle donne o il progresso sui diritti delle donne”.

E l’Africa?

Si prevede che la popolazione dell’Africa subsahariana triplicherà le sue dimensioni fino a superare i tre miliardi di persone entro il 2100.

E lo studio dice che la Nigeria diventerà il secondo paese più grande del mondo, con una popolazione di 791 milioni di abitanti.

Il professor Murray dice: “Avremo molte più persone di discendenza africana in molti più paesi man mano che attraverseremo questo.

“Il riconoscimento globale delle sfide intorno al razzismo sarà tanto più critico se ci sono un gran numero di persone di origine africana in molti paesi”.

Perché 2.1 è la soglia del tasso di fertilità?

Potresti pensare che il numero dovrebbe essere 2,0: due genitori hanno due figli, quindi la popolazione rimane della stessa dimensione.

Ma anche con la migliore assistenza sanitaria, non tutti i bambini sopravvivono fino all’età adulta. Inoltre, i bambini hanno sempre più probabilità di essere maschi. Significa che la cifra di sostituzione è 2,1 nei paesi sviluppati.

Anche le nazioni con una mortalità infantile più elevata necessitano di un tasso di fertilità più elevato.

Cosa dicono gli esperti?

Il professor Ibrahim Abubakar, University College London (UCL), ha dichiarato: “Se queste previsioni sono accurate anche solo a metà, la migrazione diventerà una necessità per tutte le nazioni e non un’opzione.

“Per avere successo abbiamo bisogno di un ripensamento fondamentale della politica globale.

“La distribuzione della popolazione in età lavorativa sarà cruciale per stabilire se l’umanità prospera o appassisce”.


Traduzione dell’articolo di James Gallagher per la BBC

Fonte originale dell’articolo

You may also like
scelte
Fare scelte che migliorano il mondo
disabilità
Consentiamo alla disabilità di cambiare le nostre società in meglio

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.