Comunicazione Sociale

Quanto è stimato il nostro pianeta? Ecco il vero valore della natura

pianeta

Traduzione dell’articolo di Alexia Semov, specialista, New Nature Economy Report, WEF e Rebecca King, Nature Funding Manager, per “La Tribune”

Il prodotto interno lordo (PIL) del pianeta è quadruplicato dal 1970, consentendo enormi progressi e facendo uscire miliardi di persone dalla povertà. Tuttavia, la produttività materiale, definita come PIL relativo agli input di materiali ed energia, è rimasta ferma dall’inizio del secolo, collegando qualsiasi aumento della crescita economica a un aumento equivalente dell’estrazione di risorse.

Un’economia globale del pianeta alimentata dal consumo non è sostenibile. Si stima che il 23% del PIL mondiale e il 16% dell’occupazione provengano dall’estrazione, produzione, fabbricazione e produzione di energia e materiali. Le nostre pratiche insostenibili si estendono anche alla produzione, all’approvvigionamento e al consumo di cibo. I terreni sani, ad esempio, sono alla base della nostra produzione alimentare. Ma con un terzo dei nostri terreni degradati, la sicurezza alimentare del pianeta è minacciata. L’agricoltura è responsabile di oltre l’80% della deforestazione e, allo stesso tempo, il 35% del cibo prodotto viene sprecato o perso. Le strutture economiche e sociali che abbiamo creato stanno spingendo i confini planetari verso punti critici. È tempo che cambino.

Tornare indietro nel tempo non sarà facile, ma governi, imprese, scienziati, società civile e cittadini devono unirsi per intraprendere subito un’azione di trasformazione.

Riconosci le disuguaglianze strutturali del nostro sistema

La Banca Mondiale stima che i benefici generati dallo sfruttamento di risorse non rinnovabili – combustibili fossili e minerali – così come dallo sfruttamento eccessivo delle foreste contribuiscono da soli al 2,5% della produzione economica globale, o 2,2 trilioni di dollari. Tuttavia, nei paesi a basso reddito, questa quota raggiunge il 10,7% del PIL, con alcuni paesi come la Repubblica del Congo che devono dedicare il 54,9% del loro PIL all’estrazione di queste risorse. Invece di impiegare queste entrate naturali per sviluppare istituzioni e capitale umano a lungo termine, si scopre spesso che sono collegate a conflitti crescenti, corruzione e democrazie deboli.

I paesi ad alto reddito consumano più di tredici volte l’impronta materiale dei paesi a basso reddito. Ad esempio, nell’Africa subsahariana, il 53% della popolazione non ha ancora accesso all’elettricità. Tuttavia, i paesi in via di sviluppo sostengono in modo sproporzionato i costi di utilizzo e sfruttamento delle risorse naturali del pianeta.

Per quanto riguarda il cambiamento climatico, sono le popolazioni emarginate e vulnerabili che beneficiano meno della grande accelerazione economica e che ne risentiranno maggiormente le conseguenze.

Paesi a basse emissioni di carbonio come il Ciad soffrono già di carenze alimentari, tempeste e inondazioni più frequenti e gravi che minacciano i mezzi di sussistenza di milioni di persone. L’ingiustizia climatica colpisce più duramente i paesi del Sud, ma colpisce anche le popolazioni emarginate nei paesi ad alto reddito. Durante l’uragano Katrina, più dell’80% delle case perse negli Stati Uniti erano di proprietà di neri svantaggiati.

Ma i governi e le imprese non riescono a misurare, registrare o rendere conto del capitale naturale o della giustizia sociale nei loro bilanci o bilanci.

Costruire un nuovo modello economico positivo per il pianeta e le persone

Gli attori progressisti in tutto il mondo hanno già iniziato ad agire verso l’obiettivo di “emissioni nette zero” e un’economia positiva per la natura che aiuterebbe a costruire società più eque e resilienti.

Per costruire questo nuovo modello economico, dobbiamo prima riconoscere e prendere in considerazione il nostro impatto e la nostra dipendenza dalle risorse e dai servizi della natura nel quadro più ampio dell’economia globale e dello sviluppo sostenibile. Iniziative come la Task Force for Nature-related Financial Disclosures (TNFD) e il Natural Capital Protocol mirano a sostenere questo primo elemento costitutivo e stanno già guadagnando terreno.

In secondo luogo, i governi e le imprese devono anche riconoscere l’enorme potenziale da investire nella natura anziché esaurirla. Il CEOs Action Group per il Green Deal europeo è un buon esempio di impegno del settore pubblico e privato per questo tipo di modello di crescita. Se i paesi e le imprese mettessero la natura al primo posto, potrebbero generare 10,1 trilioni di dollari di valore commerciale annuo e creare 395 milioni di posti di lavoro entro la fine del 2030.

Il Vietnam, ad esempio, ha investito 9 milioni di dollari per ripristinare le mangrovie lungo le coste di 166 comuni e le dighe, riducendo di oltre 15 milioni di dollari il costo dei danni causati da eventi estremi. Le comunità costiere in Vietnam hanno visto la loro resa per ettaro di prodotti dell’acquacoltura aumentare dal 210 al 789% a seguito degli investimenti nelle mangrovie.

Infine, per mantenere tale promessa, dobbiamo assicurarci che la transizione che stiamo compiendo sia giusta. Saranno necessari investimenti significativi, in particolare nelle comunità e nei paesi a basso e medio reddito, che spesso includono gli habitat più minacciati. Questi paesi stanno già sperimentando una forte contrazione della produzione poiché gli sforzi di soccorso e recupero dall’epidemia di COVID-19 richiedono un massiccio aumento della spesa.

Mantenere gli investimenti rispettosi della natura nel dimenticatoio in questi paesi richiederà modelli e strumenti di finanziamento innovativi, come il “debito contro natura”, oltre al sostegno dei governi dei paesi ad alto reddito. per aiutare le comunità vulnerabili nella loro transizione verso un futuro migliore.

Siamo in un momento critico per il futuro dell’umanità. È giunto il momento di affrontare l’emergenza ecologica in quanto tale e di mobilitare la solidarietà, il coraggio e la leadership necessari per realizzare questo cambiamento. Un percorso verso le emissioni nette zero, positivo per la natura, è l’unica opzione per la nostra sopravvivenza economica e planetaria.


Fonte originale dell’articolo

Immagine: Illustration by Freepik Stories

You may also like
Intelligenza emotiva
13 cose che le persone mentalmente forti non fanno
poveri
Distopia digitale: come gli algoritmi puniscono i poveri.

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.