Comunicazione Sociale

L’inerzia contro obesità fa male allo sviluppo sostenibile.

obesità
0

Traduzione dall’articolo di Johanna Ralston per il World Economic Forum

Con poco più di 4.000 giorni rimasti per trasformare il nostro mondo e raggiungere gli obiettivi stabiliti nell’agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, c’è una possibilità molto reale che potremmo non riuscire a raggiungere un obiettivo cruciale che impatta su tutti gli altri, vale a dire l’obiettivo di sviluppo sostenibile 3: “Garantire una vita sana e promuovere il benessere per tutti a tutte le età”. Questo obiettivo è fondamentale per raggiungere tutti gli altri obiettivi economici, ambientali e sociali, poiché sono possibili solo con una popolazione umana prospera e sana.

Vi sono stati progressi significativi su molti obiettivi dell’SDG 3, ma l’obiettivo 3.4 – “ridurre di un terzo la mortalità prematura da malattie non trasmissibili (NCD) attraverso la prevenzione e il trattamento e promuovere la salute mentale e il benessere” – è molto in ritardo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le morti per NCD sono aumentate del 12,5% da 36 milioni nel 2010 a 40,5 milioni nel 2016.

L’aumento dell’obesità comprometterà il raggiungimento dell’SDG 3

Prevenire l’aumento della morte e della sofferenza prevenibili richiede un’azione decisiva sull’obesità. L’obesità è un fattore di rischio per le malattie non trasmissibili e una malattia a sé stante. È generalmente accettato che vi sia un’associazione significativa tra obesità e malattie cardiovascolari, che è la principale causa di morte in tutto il mondo. Allo stesso modo, il diabete di tipo 2 e numerose altre malattie sono spesso legate all’obesità.

I tassi di obesità sono quasi triplicati dal 1975 e oggi più di 650 milioni di persone in tutto il mondo vivono con l’obesità. La World Obesity Federation prevede che, se il progresso non viene controllato, il numero di persone con obesità potrebbe salire a 850 milioni entro il 2025, aumentando il numero di decessi correlati alla NCD e portando SDG 3.4 oltre i cinque anni prima della scadenza del 2030.

L’obesità non è una responsabilità individuale

Le persone con obesità, sia bambini che adulti, sono oggetto di pregiudizi e stigmatizzazioni che perpetuano esiti negativi per la salute delle persone colpite. Ad esempio, in Australia, due individui su tre con obesità riferiscono almeno una esperienza diretta o manifesta di stigmatismo nella loro vita quotidiana. Il pregiudizio del peso e lo stigma sono radicati nell’errata percezione che l’obesità sia il risultato di mancanza di volontà, pigrizia o ingordigia ed è responsabilità dell’individuo da solo. Un focus sulle abitudini personali impedisce alla società di agire per combattere la crescente prevalenza della malattia.

Queste percezioni errate influenzano molteplici aspetti della vita quotidiana per le persone con obesità e possono prevenirle in cerca di assistenza e comportare una mancanza di supporto da parte degli operatori sanitari. Un medico su due (50%) negli Stati Uniti considera i pazienti con obesità “scomodi, poco attraenti, brutti e non conformi”. Non trattare l’obesità come qualsiasi altra malattia si traduce in un circolo vizioso di inazione e aumenta il rischio di complicanze legate all’obesità.

Il circolo vizioso della stigmatizzazione e dei pregiudizi. Adattato da Rebecca M Puhl PhD

Diversi studi hanno mostrato che la predita di peso è associata ad un ridotto rischi di complicanze e ad un miglioramento generale della salute nelle persone con obesità. Tuttavia, ottenere una perdita di peso e mantenere un peso inferiore può essere difficile. Una volta ingrassato, i nostri corpi lavorano attivamente per assicurarci che continuiamo a farlo. La perdita di peso innesca una risposta ormonale che assicura un aumento dell’appetito e una riduzione del dispendio energetico. Questa risposta non diminuisce fino a diversi anni dopo la perdita di peso iniziale.

La crescente sfida dell’obesità infantile riflette il modo in cui pregiudizi e stigmatizzazioni impediscono alla società di affrontare i fattori determinanti che portano all’obesità. Oggi oltre 380 milioni di bambini e adolescenti di età inferiore ai 19 anni sono già in sovrappeso o sono obesi.

Continuare a dare la colpa all’individuo non è né giusto né accurato, e come società dobbiamo affrontare il fatto che, fino a quando non riconosciamo l’obesità come una malattia che richiede sia l’azione personale che quella sociale, vedremo aumentare i numeri di persone che vivono e muoiono a causa di NCD – spostandoci sempre più lontano dal raggiungimento degli SDG.

E’ una malattia complessa e progressiva causata da molteplici fattori, tra cui problemi fisiologici, psicologici, genetici, ambientali e socioeconomici.

Molti fattori influenzano l’equilibrio metabolico di una persona per tutta la vita

Affrontare l’obesità richiede una responsabilità sociale condivisa

Stiamo già pagando il prezzo della sua diffusione. Si stima che le conseguenze per la salute della condizione costeranno più di $ 850 miliardi nel solo 2018. Se non interveniamo, questa cifra salirà a 1,2 trilioni di dollari entro il 2025, minacciando di mettere gli SDG decisamente oltre la nostra portata.

Il cambiamento richiede un cambiamento nei nostri atteggiamenti verso le persone con obesità e una comprensione dei veri motori della malattia, che a sua volta necessita di un’ampia risposta sociale. Per affrontare con successo l’obesità, dobbiamo:

  1. Trattare le persone colpite con rispetto e dignità e dare loro un uguale diritto a cure amichevoli per i pazienti, agli stessi standard di coloro che vivono con altre gravi condizioni croniche.
  2. Impegnarsi con un’ampia coalizione di attori, tra cui responsabili delle politiche, persone con obesità, operatori sanitari e settore privato.
  3. Creare ambienti in cui la scelta facile sia la scelta salutare per il cibo, l’esercizio fisico e il trasporto.

Non c’è tempo da perdere. È necessaria un’azione audace e concertata per ridurre il peso – prima che il problema diventi troppo difficile da gestire.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
rifugiati
Questi paesi ospitano la più alta percentuale di rifugiati nel mondo
problemi mondiali
Come le città, non gli stati, possono risolvere i maggiori problemi mondiali

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.