Comunicazione Sociale

Il successo del Recovery fund dell’UE dipenderà da missioni audaci

Recovery Fund

Il piano storico del Recovery Fund è un punto di svolta per il blocco, ma i politici hanno bisogno di nuovi strumenti per dirigerlo.

Traduzione dell’articolo di Mariana Mazzucato per il Financial Time

Due settimane fa, il vertice del Consiglio europeo si è concluso con uno storico accordo su Recovery Fund. Rappresenta un punto di svolta per l’UE: per la prima volta, il blocco potrà contrarre prestiti per conto dei suoi Stati membri. La Commissione europea è ora pronta a raccogliere 750 miliardi di euro sui mercati dei capitali, da distribuire attraverso 390 miliardi di euro di sovvenzioni agli Stati membri e 360 miliardi di euro di prestiti. Questo denaro è destinato al solo scopo di affrontare le conseguenze della pandemia Covid-19.

Garantire l’accordo dei 27 Stati membri non è stato facile e il risultato è lungi dall’essere perfetto, ma le vere sfide devono ancora venire. La commissione deve ora resistere alle pressioni per tornare a fare affari come al solito. Deve trovare il modo per trasformare l’economia europea, rendendola più verde, più inclusiva e più resiliente agli shock futuri. I rischi di non farlo sono enormi: la risposta alla crisi finanziaria del 2008 ha lasciato la zona euro frammentata e ha ostacolato la ripresa economica.

L’elemento più incoraggiante dell’accordo sul Recovery Fund è che, piuttosto che concentrarsi sulla riduzione del deficit (come dopo l’ultima crisi), questa volta la priorità è sugli investimenti strategici nel clima e nella digitalizzazione. Il Green Deal europeo annunciato alla fine dello scorso anno dovrebbe infatti essere la “bussola” e il “motore” della ripresa dell’UE. Sarà inoltre fondamentale sfruttare le innovazioni tecnologiche: le energie rinnovabili e i servizi digitali creeranno milioni di posti di lavoro.

Tuttavia, i mercati non raggiungeranno da soli questa preparazione per una transizione green e digitale. Una tale trasformazione richiederà alla Commissione di definire la direzione e allineare la politica dell’UE con quella degli Stati membri. Questo non significa microgestione ma significa allineare le politiche in modo che siano coerenti e promuovano il cambiamento trasformazionale.

Nel 2018 ho proposto un quadro politico “mission-oriented” al programma di innovazione Horizon dell’UE. Innovazione orientata alla missione significa fissare obiettivi attorno alle sfide esistenti e quindi promuovere la sperimentazione dal basso per affrontarle. Ciò incoraggia un pensiero ambizioso a lungo termine e nuove collaborazioni che portano all’innovazione intersettoriale. Ispirata da questo lavoro, la commissione ha scelto per il Recovery Fund cinque grandi missioni per inquadrare parte del programma di ricerca da 90 miliardi di euro per il 2021-27. Sono: vincere il cancro; resilienza e preparazione al cambiamento climatico; oceani e acque sani; città a impatto zero sul clima; salute e alimentazione del suolo.

Il modello di missione fornisce un solido quadro per realizzare la ripresa attraverso il Green Deal europeo e per coinvolgere i cittadini nel processo. Ma, per essere veramente efficaci, questi obiettivi devono essere presi al massimo livello – dal gabinetto del presidente della Commissione. Queste missioni devono anche far parte del progetto degli stati mentre allineano le loro strategie industriali e i loro processi di investimento e approvvigionamento.

All’interno della commissione, le finanze possono essere suddivise in fondi gestiti direttamente (spesi dalla commissione) e fondi a gestione condivisa (spesi dagli Stati membri). Se vogliamo seriamente reindirizzare la nostra ripresa e ottenere il massimo dai nostri soldi, i fondi precedenti dovrebbero essere coordinati e allineati attorno alle cinque missioni. La spesa di fondi a gestione concorrente implica una conversazione più impegnata e costruttiva con gli Stati membri. Queste conversazioni sono più efficaci e inclusive dell’imposizione di condizioni, come l’austerità fiscale o le riforme strutturali per la riduzione dei salari, che sono state utilizzate in passato ma possono essere controproducenti.

Un’altra leva fondamentale del Recovery Fund sarà il Gruppo Europeo per gli Investimenti, composto dalla Banca europea per gli investimenti, insieme al Fondo europeo per gli investimenti. Il GIE ha le competenze e le dimensioni per impostare la direzione nell’implementazione di strumenti finanziari di tipo azionario complementari a prestiti e garanzie. Questo è importante per le aziende che sono sempre più indebitate nella crisi.

Il finanziamento delle missioni stabilite dalla commissione richiederà una combinazione di strumenti finanziari per far fronte a vari tipi di rischio. La BEI deve essere meno avversa al rischio, mentre investe in competenze analitiche e informazioni di mercato per valutare investimenti orientati alle sfide sulla base di scenari futuri. Agirà anche come co-gestore del programma InvestEU insieme alle banche di investimento statali e agli istituti di promozione nazionali.

Il Recovery Fund, programma di ripresa dell’UE, ha un enorme potenziale per rinvigorire l’economia europea dopo le devastazioni della pandemia Covid-19. L’impostazione di missioni audaci al centro del piano di ripresa contribuirà notevolmente ad aiutare la Commissione e gli Stati membri dell’UE a passare da un approccio normale e verso un rinnovamento economico green e digitale a lungo termine.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
ottimismo militante
Ottimismo militante: uno stato d’animo che può aiutarci a trovare la speranza nei periodi bui
FabIcaro
Progetto FabIcaro: diario dei primi mesi di attività

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.