Comunicazione Sociale

Perché le credenze non scientifiche sono in aumento tra i millennial.

millennial

Non dobbiamo smettere di indagare o interrogarci sulle visioni lontane della realtà, dobbiamo solo farlo con una buona logica vecchio stile, anche i millennial.

Viviamo in un mondo strano e magnifico. Per tutto il tempo in cui la nostra specie ha vissuto sulla Terra, gli umani hanno guardato alle stelle e al mondo in cui abitano per avere risposte. Matematici babilonesi, astronomi Maya e la vasta ricerca scientifica e filosofica endemica della società greco-romana: queste erano solo alcune delle molte culture e civiltà che nel corso dei secoli hanno osato interrogarsi e conoscere il cosmo che li circonda. È grazie a questi giganti intellettuali, che hanno attraverso l’antichità e oltre, se sappiamo così tanto del mondo.

Isaac Newton ha detto: “Se ho visto più lontano, è perché stavo sulle spalle dei giganti.”

Questo è generalmente il modo in cui la nostra comprensione del mondo cresce, oltre la nostra prima debole comprensione di esso, in tutte le aree di indagine logica. Che si tratti di scienza, storia o filosofia, ci basiamo sulle conoscenze del nostro passato. Eppure, c’è sempre stata una corrente sotterranea di superstizione, pensiero illogico e ciarlataneria generale in atto che è pronta a intaccare ciò che abbiamo guadagnato.

Ora, abbiamo tutti diritto alla nostra giusta dose di idee strane; Lo stesso Newton era un alchimista e trascorse anni della sua vita cercando di decifrare il Libro delle Rivelazioni nella Bibbia. Ma non dimentichiamo, quest’uomo ha anche creato il calcolo e ci ha introdotto in un periodo di comprensione scientifica, che ha coniato la visione del mondo newtoniana prima che Albert Einstein lo usurpasse. Ma era anche semplicemente un prodotto del suo tempo, quindi possiamo scusarlo per qualsiasi errore di giudizio ecclesiale.

Oggi abbiamo l’intero patrimonio della conoscenza umana letteralmente a portata di mano. Si potrebbe pensare che questo apra la strada a una sorta di rinascita culturale che potrebbe eclissare i nostri antenati fiorentini del XV secolo. Ma non è proprio così.

Molti dei nostri millennial sono entrati in uno strano milieu non scientifico e irrazionale. L’astrologia sta prendendo piede come teoria della personalità; I terrapiattisti stanno effettivamente crescendo di numero, e non bisogna nemmeno allontanarsi così tanto dal predicatore locale all’angolo della strada per sentire le selvagge smentite dello sbarco sulla luna e altri esperti non qualificati che propagano assurde cospirazioni.

Allora, cosa ci ha portato in questo pasticcio e perché così tante persone – millennial e altre generazioni incluse – credono a queste sciocchezze? Cominciamo con le stelle.

L’astrologia sta trovando un pubblico crescente tra i millennial

L’astrologia come sistema di credenze esiste da migliaia di anni. Implica che la posizione delle stelle e dei pianeti al momento della nascita di qualcuno ne determini la personalità e il corso della vita. Gli astrologi dedicati al processo scrivono oroscopi e affermano di poter predire il tuo destino e rivelare la tua vera natura attraverso le carte zodiacali.

L’astrologia ha sempre attratto i movimenti giovanili ed è apparsa nella cultura giovanile dagli anni ’60 in poi. In un’epoca in cui le generazioni più giovani sono meno religiose, ma comunque considerate spirituali, non sorprende che l’astrologia sia tornata così popolare tra i millennial.

Stuart Vyse, psicologo e autore di Believing in Magic: The Psychology of Superstition , ha scritto sull’argomento dell’astrologia millenaria :

“L’ascesa di una generazione che non è tradizionalmente religiosa come le precedenti, ma che cerca ancora una sorta di soddisfazione spirituale, combinata con la sconfitta della politica liberale negli Stati Uniti e all’estero, ha creato un ambiente fertile per questa forma di superstizione e irragionevolezza.”

Vyse, citando uno studio finlandese che forniva questionari alle persone iscritte a corsi di educazione per adulti, spiega che coloro che si iscrivevano a corsi di astrologia erano più inclini ad aver recentemente vissuto più crisi nella loro vita.

Il suo punto di partenza da questo era che: “Quindi, sembra che quando le persone perdono l’equilibrio e sono scosse dal mondo, l’astrologia fornisce un senso di ordine e controllo”.

Sembra che in assenza di religione le persone siano più disposte a credere in altre idee non scientifiche e irragionevoli.

“Negli ultimi due anni, abbiamo davvero assistito a una riformulazione delle pratiche New Age, molto orientata verso un quoziente Millennial e giovane Gen X”, pensa Lucie Greene, direttrice mondiale del gruppo di innovazione di J. Walter Thompson, dice a The Atlantic.

Unreality‘, un rapporto sulle tendenze del 2016 del gruppo di innovazione J. Walter Thompson, ha rilevato che: “Le app di astrologia, le consultazioni psichiche su Skype e le letture dei tarocchi online per coloro che cercano una direzione sono in aumento, rispecchiando apparentemente un aumento della diagnosi di disturbi da ansia nelle giovani donne. La psicologa clinica Jessamy Hibberd afferma che il legame tra i due è dovuto all’incertezza sul futuro e al desiderio di un destino più diretto”.

L’astrologia è probabilmente una credenza sciocca e innocua. A parte i suoi scorpioni pazzi che si scontrano con un irascibile Ariete, è sicuro dire che l’astrologia non è un grosso problema. Piuttosto, è la mentalità di fondo che porta ai problemi. Carl Sagan ha affermato che “La scienza è più di un corpus di conoscenze. È un modo di pensare”, quindi, e questo è preoccupante, forse anche il ragionamento non scientifico è un modo di pensare.

Pensiero superstizioso e grandi cospirazioni

Sfidare lo status quo discutibile della storia e dell’indagine scientifica fa bene al progresso della conoscenza. Sfidare eventi storici fissi, indiscutibili, immutabili e osservabili – senza ombra di dubbio – fenomeni naturali è un esercizio di pura illusione.

Affermazioni e argomentazioni infondate sul fatto che non siamo mai sbarcati sulla luna e che la Terra è piatta sono spossanti per qualsiasi persona dalla mente razionale. Non c’è davvero più bisogno di difendersi da queste affermazioni ridicole. Uno studio del dottor David Robert Grimes mette si focalizza su ciò che si dovrebbe fare affinché queste e altre cospirazioni rimangano nascoste, tenendo conto dell’enorme numero di persone che sarebbero coinvolte se davvero esistessero.

Piuttosto che sprecare tempo prezioso a sfatare il tapis roulant delle cospirazioni, dobbiamo invece esaminare il motivo per cui queste opinioni vengono riprese in primo luogo.

Cospirazioni, carte d’amore astrologiche e simili derivano da un sentimento di impotenza o dal bisogno di sentire di avere una conoscenza speciale sugli altri. Lo psicologo Jan-Willem van Prooijen ha condotto una serie di studi che correlavano livelli di istruzione superiori e sentimenti di controllo inversamente con la credenza nelle cospirazioni.

Vale a dire, con l’aumento dei livelli di istruzione è arrivata la sensazione di avere un maggiore controllo che poi ha portato a una minore convinzione nelle cospirazioni o in altri tipi di pensiero superstizioso.

Van Prooijen prosegue affermando che:

“Insegnando ai bambini abilità di pensiero analitico insieme alla consapevolezza che i problemi sociali spesso non hanno soluzioni semplici, stimolando un senso di controllo e promuovendo la sensazione di essere un membro stimato della società, è probabile che l’istruzione installi gli strumenti mentali che sono necessari per avvicinarsi a teorie del complotto inverosimili con una buona dose di scetticismo”.

Una mancanza di azione che si aggancia al bisogno di stabilità

Una delle ragioni della pervasività di idee e teorie infondate è che servono per dare un senso a un mondo caotico. Le persone preferiscono credere di essere sfortunate o che un ordine segreto sia la ragione per cui non possono andare avanti nella vita.

A volte eventi tragici accadono senza una buona ragione. Stanno semplicemente uscendo dal caos che è la casualità. È psicologicamente molto più confortante credere che dietro tutto questo ci sia qualcuno o qualche cabala. Sfortunatamente, questo allontana molti aspiranti scettici dal risolvere problemi reali o persino cospirazioni politiche reali che si verificano.

Ecco un ottimo esempio.

Robert Anton Wilson era uno scrittore non convenzionale e provocatore della buon vecchia “Era dell’Acquario”, responsabile di aver riportare nella coscienza culturale una vecchia e defunta società segreta. Nella sua trilogia di “Illuminatus”, Wilson, che ha scritto in un modo dichiaratamente da guerriglia, ha giocato duramente con le regole della narrazione e della letteratura cospirativa generale.

Questo ha portato a una delle tante cospirazioni preferite dai millennial, gli Illuminati, una cabala segreta che non solo controlla le fila di centinaia di paesi disparati e governa il mondo, ma si prende anche il tempo per inserire alcuni riferimenti occulti nell’ultimo Super Bowl spettacolo del primo tempo.

Questo da solo illustra un punto pertinente sulla cospirazione e sul pensiero non scientifico. Wilson era un imbroglione quando si trattava di scrivere. Non molte persone si rendono conto che questa storia erudita e spesso ridicola era uno scherzo che si è evoluto nella grande cospirazione che è oggi tra i millennial.

Un consiglio, quando sei al limite dell’indagine, potresti trovarti in acque cospirative. Che si tratti di presunti messaggi dalle stelle o di una fazione insidiosa che trama la tua morte, bisogna stare attenti a non allontanarsi troppo nel territorio della carta stagnola.

Abbastanza ironicamente, l’etnobotanico e docente psichedelico, Terence Mckenna, che aveva la sua parte di idee ribelli, lo ha affermato in modo abbastanza eloquente quando ha detto:

“La teoria del complotto è una specie di fumetto epistemologico sulla realtà. Voglio dire, non è così semplice credere che le cose siano gestite da eminenze grigie, o non è confortante credere che dietro a tutto ci siano gli ebrei, o il partito comunista, o la Chiesa cattolica o i massoni. Credo che la verità della questione sia molto più terrificante, la vera verità che non osa parlare da sola è che nessuno ha il controllo.”

I nostri millennial potrebbero usare una buona dose del rasoio di Occam tra gli altri modi di pensare più robusti. La mancanza di azione e la mancanza di una solida formazione o di una comprensione della realtà su cui fare affidamento possono portarci fuori strada.

Non dobbiamo smettere di indagare o di interrogarci sulle visioni lontane della realtà, dobbiamo solo farlo con tatto e una buona logica vecchio stile.


Traduzione dell’articolo di Mike Colagrossi per Big Think.

Fonte originale dell’articolo

Immagine: Sole vettore creata da coolvector – it.freepik.com

You may also like
imprese sociali
La formazione nelle imprese sociali
tempo
Come trascorrono il tempo le persone in tutto il mondo e cosa ci dice questo sulle condizioni di vita?

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.