Comunicazione Sociale

Come le città, non gli stati, possono risolvere i maggiori problemi mondiali

problemi mondiali
0

Traduzione dall’articolo di Robert Muggah e Reuben Abraham per il World Economic Forum

Le città, non gli stati nazionali, sono la forma dominante della civiltà umana nel XXI secolo. L’umanità è passata da una specie rurale a una prevalentemente urbana – l’homo urbanis – a una velocità incredibile. All’inizio del 1800, meno del 3% della popolazione mondiale viveva nelle città; oggi, più della metà della popolazione globale è urbana e entro il 2050, la proporzione salirà a tre quarti.

Ci sono migliaia di città di piccole e medie dimensioni con oltre 30 megalopoli e ampie aree metropolitane collegate – agglomerati urbani – con 15 milioni di abitanti o più. Eppure, nonostante queste enormi trasformazioni nel modo in cui le persone vivono e interagiscono, i nostri affari internazionali sono ancora in gran parte dettati dagli stati nazionali, non dalle città. Questo non è né giusto né sostenibile.

Le città stanno iniziando a mostrare i muscoli sul palcoscenico internazionale. Stanno già spodestando gli stati come nodi centrali dell’economia globale, generando quasi l’80% del PIL globale. Città come New York e Tokyo sono più grandi in termini di PIL di molti paesi del G-20.

Le regioni metropolitane e le zone economiche speciali collegano le città globali attraverso le catene di approvvigionamento transnazionali. Un numero crescente di mega-regioni, come quelle che collegano città in Messico e Stati Uniti, oltrepassano i confini. Nel processo, le città stanno forgiando collettivamente piani regionali comuni, partenariati commerciali e corridoi infrastrutturali.

La spettacolare ascesa delle città non è avvenuta per caso. Le città incanalano la creatività, connettono il capitale umano e, quando sono ben governate, guidano la crescita.

Le città devono farsi avanti politicamente

Le città rappresentano la speranza più realistica dell’umanità per la sopravvivenza collettiva, non da ultimo quando si tratta di invertire e mitigare i cambiamenti climatici e di rinnovare la democrazia. Molti sindaci illuminati e di mentalità aperta stanno intensificando anche se i politici nazionali fanno un passo indietro. Lavorando in collaborazione con le imprese e il mondo accademico, alcuni di essi stanno adottando solidi standard ambientali, accogliendo nuovi migranti e promuovendo in modo aggressivo la diversità e la tolleranza.

Ciò è in netto contrasto con un numero allarmante di leader nazionali che alimentano la xenofobia, il bigottismo e la polarizzazione. A peggiorare le cose, gli stati nazionali si stanno indebolendo: il flusso accelerato di idee, capitali e persone e l’impatto delle nuove tecnologie stanno corrodendo la loro autorità e legittimità.

Sebbene un numero crescente di grandi città stiano guadagnando terreno dal loro peso economico, la maggior parte di loro manca ancora di un vero potere politico. Questo è in una certa misura dal design. Fino a poco tempo fa, le città erano sistematicamente escluse dal processo decisionale internazionale. Le Nazioni Unite, ad esempio, lasciavano abitualmente le città fuori dai dibattiti sullo sviluppo urbano, la migrazione, la salute e la sicurezza. Così hanno la maggior parte dei paesi, anche su questioni critiche per le aree urbane.

Le città hanno anche lottato per ottenere crediti, prestiti e sovvenzioni da istituzioni finanziarie internazionali, tra cui la Banca mondiale. Nonostante le tendenze verso la devoluzione e il decentramento nel Nord America e nell’Europa occidentale, gli stati nazionali sono ancora riluttanti a cedere il potere reale alle autorità subnazionali. Di conseguenza, molte città non hanno l’autorità costituzionale e la discrezione legale per prendere decisioni cruciali.

Questo deficit di potere politico è ancora più eclatante tra le città dei paesi a basso e medio reddito, in particolare l’Asia meridionale, l’Africa subsahariana e l’America latina. In molti mercati emergenti, il potere politico è intensamente concentrato nel governo federale con le autorità municipali nominate dall’esecutivo. Eppure sono precisamente queste città in rapida crescita che richiederanno maggiore autorità per agire localmente, non ultimo a causa della natura non regolamentata dell’urbanizzazione.

problemi mondiali

Si prevede che le popolazioni urbane in Asia e in Africa si gonfieranno di altri 2,5 miliardi entro il 2050, rispetto a solo 170 milioni nei paesi a reddito più elevato. Eppure molti leader della città in queste regioni sono effettivamente cifre senza una vera latitudine. A Mumbai, ad esempio, quasi nessuno conosce il sindaco o quello che fa dal momento che il vero potere è conferito all’ufficio del primo ministro dello stato del Maharashtra. Il primo ministro manca anche di incentivi politici per trasferire il potere a un sindaco eletto e ambizioso.

Il caso di Mumbai è istruttivo. Questa città tentacolare di 18,5 milioni di persone è un goliath economico con un PIL annuale di $ 310 miliardi. Mumbai da solo ha un’economia più grande del Pakistan o del Bangladesh. La città genera circa i due terzi della ricchezza del Maharashtra, ma registra solo il 20% degli elettori dello stato. Non sorprende che i politici nazionali e statali soffrano di un limitato dolore elettorale (e spesso vincono le elezioni) quando estrae le entrate da Mumbai e ridistribuiscono le risorse ad altre regioni.

Ma trasferire un maggior potere decisionale dallo stato al governo eletto della città è cruciale non solo per la sopravvivenza di Mumbai, ma anche per quella dello stato e della nazione. Ci sono alcuni modi in cui questo processo potrebbe essere accelerato, compresa una potente domanda dal basso verso l’alto da parte dei residenti di Mumbai per cambiare lo status quo; riconoscimento da parte dei politici che l’elettore urbano è un elettorato politico vitale; e, la via giudiziaria, dove la Corte suprema costringe una devoluzione del potere ai corpi urbani locali.

Reti interurbane in soccorso

Data la potenza economica delle città, è sorprendente che non esercitino più del loro potere di persuasione. Ma il cambiamento sta arrivando: un modo in cui le città stanno aumentando il loro potere politico nelle arene nazionali e globali è attraverso la creazione di coalizioni inter-città.

Negli ultimi decenni si è assistito a un’esplosione di reti urbane – oltre 300 alla fine – che riguardano tutto, dalla governance urbana al commercio, al clima e alla sicurezza. Circa 100 di loro sono internazionali e stanno aiutando le città ad amplificare le loro voci sulla scena internazionale.

Nel regno dei cambiamenti climatici, c’è la rete C40 Climate Cities Network, un gruppo di 80 città fondate 10 anni fa da tre sindaci (il londinese Ken Livingstone, il torontoniano David Miller e il newyorkese Michael Bloomberg). Il C40 aiuta le città a decarbonizzare, facilita le opportunità di scambiare le migliori pratiche e scavalca le vecchie tecnologie.

A partire dal 2018, la rete ha consentito a oltre 9.100 città che rappresentano 780 milioni di persone di concordare un patto globale per raggiungere, e idealmente superare, gli obiettivi dell’accordo di Parigi sul clima. Ci sono già 8.000 città che hanno creato centrali solari, più di 1.000 che fanno affidamento sull’energia idroelettrica e più di 300 che sono quasi interamente dipendenti dalle energie rinnovabili.

Per quanto riguarda la sicurezza pubblica, vi è il Forum Europeo per la Sicurezza Urbana (EFUS) e la rete Strong Cities Network, che lavorano entrambi per promuovere approcci basati sulla evidenza per la prevenzione della criminalità e la lotta contro la radicalizzazione e l’estremismo. Sta emergendo un’entusiasmante nuova politica di città potenziate in cui i leader metropolitani e gli abitanti delle città chiedono un seggio al tavolo decisionale.

Le città sono in prima linea nella maggior parte delle minacce globali contemporanee, tra cui l’innalzamento del livello del mare, l’aumento dell’inquinamento atmosferico, l’inasprimento delle disuguaglianze, le migrazioni di massa e il terrorismo. I sindaci e gli abitanti delle città non possono permettersi di essere compiacenti sulla scia delle massicce inondazioni, delle mareggiate e della salinizzazione della terra.

Più fondamentalmente, le città, in particolare le grandi città globali, sono sempre state l’avanguardia dell’apertura, spingendo verso frontiere aperte, mercati, società e menti. La maggior parte dei moderni movimenti sociali progressisti ha origine nelle città proprio perché accettano istintivamente differenze, disaccordi e diversità. Rimodellano la governance democratica dal basso.

problemi mondiali

Ci sono anche segni di città che respingono il nazionalismo reazionario e il populismo che si sta diffondendo in tutto il mondo. Dal Brasile e dagli Stati Uniti all’Ungheria e alla Polonia, i politici nazionalisti stanno cercando di restringere i confini, limitare l’immigrazione e respingere la diversità.

Le città di grandi e medie dimensioni, in particolare nel Nord America e nell’Europa occidentale, stanno forgiando reti di solidarietà attraverso i confini nazionali e internazionali. Questi barlumi di soft power non sono astratti: implicano azioni pratiche che vanno dall’espansione degli investimenti nelle rinnovabili e alla riduzione della disuguaglianza; offrire rifugio ai nuovi arrivati, inclusi migranti e rifugiati.

Questa esplosione di reti urbane è promettente, ma ancora insufficiente per ridimensionare le città in modo soft per affrontare le sfide più urgenti del mondo. Nel 2016, un Global Parliament of Mayors è stato creato per aiutare le città a far valere la propria autorità politica e guidare l’innovazione metropolitana. Mentre solo al suo terzo anno, quest’anno riunì quasi 100 sindaci a Bristol, in alleanza con i 1.400 membri della Conferenza dei Sindaci degli Stati Uniti, per mobilitarsi per il cambiamento su questioni di migrazione, salute e sicurezza.

Il parlamento potrebbe rivelarsi una forza agile e flessibile in un’era in cui le strutture multilaterali esistenti stanno lottando per affrontare le minacce globali. Inoltre, potrebbe potenzialmente contribuire ad accelerare una maggiore devoluzione del potere in Asia e in Africa.

Le città e le loro reti stanno aiutando a ricollegare i circuiti degli affari globali. I sindaci stanno aumentando la diplomazia, non solo tra le città, ma anche con le istituzioni internazionali. In casi ideali, stanno lavorando con controparti regionali e nazionali. Laddove necessario, le città li stanno superando del tutto.

L’affermazione di una maggiore sovranità urbana e dei diritti delle città è fondamentale per un cambiamento progressivo. Mentre il 21 ° secolo dovrebbe appartenere alle città, la strada da percorrere è rocciosa e incerta. Non ci sono soluzioni facili ai nostri problemi più urgenti, molti dei quali si svolgeranno nelle città. Le sfide del governo della città, in particolare il conseguimento di una maggiore deconcentrazione, nei paesi in via di sviluppo sono particolarmente intrattabili e richiederanno un’incredibile ingegnosità da affrontare.

Il fatto che molte città e i loro residenti si stanno rimbosciando le maniche e che le cose siano finite – dove le nazioni hanno fallito – sono motivo di ottimismo. In futuro, speriamo che non siano tanto i presidenti e i primi ministri a definire i nostri destini, ma i nostri leader cittadini prossimi, responsabili e dotati di poteri.

 

Fonte originale dell’articolo

You may also like
FabIcaro
Progetto FabIcaro: diario dei primi mesi di attività
aree
Lavoro sociale nelle aree interne

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.