Comunicazione Sociale

Come la Finlandia sta combattendo contro le fake news – in classe

fake news
0

Traduzione dell’articolo di Emma Charlton per il World Economic Forum

La Finlandia ha un’arma efficace per combattere le fake news: l’istruzione.

La nazione nordica è in cima alla lista dei paesi europei ritenuti i più resistenti alla disinformazione, secondo l’indice di alfabetizzazione mediatica, compilato dall’Open Society Institute di Sofia.

La Danimarca è seconda, seguita da Paesi Bassi, Svezia ed Estonia. Macedonia, Turchia e Albania erano in fondo alla classifica.

I politici di tutto il mondo hanno espresso la necessità di combattere le fake news e, nel 2013, il Global Risks Report del World Economic Forum ha avvertito che “gli incendi digitali” potrebbero diffondere rapidamente informazioni false.

Mentre alcuni paesi, tra cui Germania e Francia, stanno legiferando per cercare di combattere le notizie false, altri dicono che potrebbero mettere a repentaglio la libertà di parola e sostenere che l’educazione e la consapevolezza sono soluzioni migliori. Il rapporto dell’Open Society Institute è d’accordo.

“L’istruzione di alta qualità e la presenza di persone sempre più istruite è un prerequisito per affrontare gli effetti negativi di notizie false e post-verità”, hanno scritto gli autori dell’Indice di Media Literacy. “Mentre alcuni regolamenti sono necessari, l’educazione sembra essere la migliore soluzione a tutto tondo”.

fake news
L’istruzione è al centro della strategia finlandese per combattere le fake news.

“Dobbiamo formare una nuova generazione di menti critiche”, ha dichiarato Jean-Pierre Bourguignon, presidente del Consiglio europeo della ricerca, all’ Annual Meeting of the New Champions del World Economic Forum in settembre. “Dobbiamo affrontare questo problema attraverso una migliore alfabetizzazione delle notizie, ed è compito dei nostri educatori e della società in generale insegnare ai bambini come usare il dubbio in modo intelligente e capire che l’incertezza può essere quantificata e misurata”.

Gli studi mostrano una relazione positiva tra il livello di istruzione e la resilienza alle notizie false, secondo il rapporto OSI, con più conoscenze e migliori capacità di pensiero critico che proteggono dalle informazioni fabbricate. Finlandia, Svezia e Paesi Bassi sono tra i paesi che insegnano l’alfabetizzazione digitale e il pensiero critico sulla disinformazione nei confronti degli scolari.

fake news
Immagine: Open Society Institute – Sofia

L’organizzazione finlandese di controllo dei fatti Faktabaari (FactBar) adatta i metodi professionali di controllo dei fatti per l’uso nelle scuole finlandesi e afferma che le buone capacità di ricerca e il pensiero critico sono fondamentali. Delinea tre aree di cui tenere conto: disinformazione (informazioni o errori difettosi), disinformazione, come falsi e malinformazioni, storie che intendono danneggiare.

fake news
Immagine: FactBar

Nelle recenti elezioni nazionali, la Finlandia ha esortato gli elettori a ragionare sulle fake news, con annunci pubblicitari commissionati dal governo che li incoraggiavano a scegliere in modo indipendente.

Alcune persone hanno messo in dubbio l’impatto reale delle notizie false. Uno studio accademico ha concluso che la sua influenza è spesso sopravvalutata e ha affermato che non ci sono prove credibili che le fake news abbiano cambiato l’esito delle elezioni americane del 2016. “Incoraggiante, troviamo una considerevole diminuzione nella proporzione di americani che sono stati esposti a siti Web di fake news”, dal 2016, afferma il rapporto. “Sebbene la tendenza al consumo totale di notizie false come parte delle informazioni delle persone sia meno chiara. I nostri dati indicano anche che il consumo di questi siti continua ad essere concentrato in un piccolo sottogruppo di americani con forti preferenze per i media ideologici, specialmente quelli che si informano su siti più conservatori”.

Fonte originale dell’articolo.

You may also like
cambiamento
Gruppi per il cambiamento: un decalogo
obesità
L’inerzia contro obesità fa male allo sviluppo sostenibile.

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.