Comunicazione Sociale

Buon Natale alla Banksy: le sue renne di Birmingham sono un miracolo artistico

Banksy
0

Traduzione dell’articolo di Jonathan Jones per The Guardian.

Piuttosto che sfruttare “i senzatetto”, questo dipinto incoraggia i clochard ad attirare l’attenzione sulla loro individualità.

Banksy è il nuovo Charles Dickens? La creazione natalizia dell’anonimo artista di strada combina un sentimento di allegria con uno di genuina compassione in un modo che farebbe fremere dappertutto l’autore vittoriano di “Canto di Natale”. Inoltre, la sua ultima opera d’arte è allo stesso tempo fantasiosa e incredibilmente vera – uno spuntino natalizio con dentro un botto di realtà.

La squadra di renne di Banksy dipinta su un muro nel quartiere dei gioielli di Birmingham, che trainano una panca che i senzatetto usano come letto, è giustamente popolare. In un video che sottolinea il suo messaggio, Banksy mostra un uomo chiamato Ryan che beve prima di posizionare una borsa come cuscino e si sdraia sulla panchina – per essere, nei sogni, sollevato in aria da quelle renne magiche mentre la colonna sonora suona ” Sarò a casa per Natale. Finora ha avuto quasi tre milioni di visualizzazioni su Instagram.

Ancora una volta Banksy raggiunge le parti che mancano ad altri artisti. Questo è un buon dipinto: le renne sono ben tridimensionali e abbastanza solide da far sì che il trompe l’oeil vada dalla panchina della strada nel paese delle meraviglie. Ma la cosa più intelligente di questa opera d’arte di buon respiro è che non raffigura “i senzatetto”. Associando le sue renne a una panchina vuota, consente ai senzatetto di rappresentarsi. Banksy non solo ha chiamato Ryan nel video, ma ha anche ringraziato la gente del posto che gli ha portato spontaneamente una bevanda calda, cioccolatini e accendino durante le riprese del breve video. Presumibilmente non tutti quelli che usano la panchina sono indigenti, quindi questa opera d’arte avrà altri significati – alcuni burloni hanno già aggiunto il naso rosso di Rudolf. Questa è arte di strada ed è un po’ meravigliosa. Ma nel consentire a Ryan e agli altri senza casa di attirare l’attenzione sulla propria realtà, Banksy evita la tendenza deprimente dell’arte di astrarre e derubarli dell’identità, o di indulgere in banalità, o di sfruttare una realtà disperata per effetto estetico.

Questo è purtroppo vero per alcune opere d’arte molto ben intenzionate. La serie di xilografie di Andrea Büttner intitolata Beggar, mostrata nel premio Turner 2017, è una pazzia di colpa borghese – ma invece di rappresentare persone specifiche, raffigura stereotipi eterni semplificati di supplica. Come molti, forse, non sopporta di guardare da vicino le traversine o i portabicchieri reali sulle porte. Inoltre, gli artisti che si concentrano su individui disperati hanno anche qualche sfortuna. Il video di Gillian Wearing del 1999 Drunk mostra un gruppo di alcolisti di strada che si recitano in uno studio sbiancato: la loro esatta situazione abitativa non viene registrata. Ma il video di Wearing è facile, trasformando la dura vita reale in intrattenimento della classe media.

Questo è ciò che Banksy evita brillantemente. Non per lui gli effetti shock delle fotografie dei senzatetto russi di Boris Mikhailov. I difensori di questo fotografo visivamente dotato affermano che esplora il “clandestino” della società con coraggio dostoevskiano – e che i suoi ritratti di senzatetto nel suo lavoro Case History 1997-98 hanno accuratamente diagnosticato la malattia della Russia post-sovietica. Ma il gusto di Mikhailov per le piaghe, le bocche senza denti e l’ubriachezza nuda trasforma i suoi soggetti in uno spettacolo.

Chiaramente non è facile rappresentare i senzatetto nell’arte. Forse è per questo che Andy Warhol non lo ha mai fatto, anche se è un artista a cui è veramente interessato. Dopo la morte di Warhol, è emerso che l’artista apparentemente ossessionato dalle celebrità lavorava regolarmente nelle cucine per zuppe di New York. Altri due artisti che sono noti per aiutare i senzatetto direttamente nel loro quartiere di Spitalfields sono Gilbert e George.

Come artista – discretamente religioso – il cattolico Warhol era erede di una tradizione artistica in cui i poveri e i senzatetto sono stati rappresentati con umanità e carattere. Due pellegrini o mendicanti che venerano la Vergine Maria nel dipinto di Caravaggio, la Madonna di Loreto, sono esplicitamente raffigurati come senzatetto: la Madonna si trova sulla soglia mentre si inginocchiano in strada. Possiamo vedere i piedi sporchi nudi dell’uomo. Nel suo capolavoro di Napoli I sette atti di misericordia, un mendicante di strada nudo riceve un mantello e un pellegrino senzatetto è al riparo.

Personaggi e umanità… Madonna di Loreto (1604 – 06) Caravaggio.
Fotografia: Adam Eastland Art + Architecture/Alamy Stock Photo

Non ci fu un grosso problema nella Spagna del 17 ° secolo, ma l’uomo sfilacciato nel dipinto di Velázquez, Il venditore d’acqua di Siviglia, è disperato e dignitoso mentre fa un lavoro umile e fa la sua parte nella comunità. Apparentemente il modello era un uomo noto come il corso di Siviglia che mostrava le sue croste e piaghe e vendeva acqua. Perché gli artisti del 17 ° secolo erano migliori di quelli del 21 ° secolo nel rappresentare i più poveri? Probabilmente perché i senzatetto, i poveri e l’accattonaggio erano più inclusi e abbracciati nella comunità di quanto lo siano oggi. Nei paesi cattolici l’elemosina e la carità erano imperativi religiosi fondamentali. E chiunque potrebbe diventare povero – come Rembrandt quando fallì. Oggi c’è un muro di stigmatizzazione tra i senzatetto e gli homed.

Ponti miracolosi di Natale di Banksy che si dividono, in quanto invita i senzatetto a usarlo e i loro vicini ad interagire con loro. È un’opera d’arte sensibile e lungimirante e un dono premuroso.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
formare
Formare per innovare. 7 consigli utili
felici
Essere generosi rende davvero più felici

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.