Comunicazione Sociale

5 cose che devi sapere sull’ acqua

acqua
0

Traduzione dall’articolo di Brett Walton per il World Economic Forum

Garantire forniture adeguate di acqua pulita in un clima che cambia è una delle sfide sociali, politiche, economiche e ambientali più urgenti del mondo. La Giornata mondiale dell’acqua, un evento annuale sponsorizzato dall’ONU, richiama l’attenzione su questi problemi e sui numerosi sforzi incentrati sulle soluzioni. Ecco cinque cose che devi sapere sull’acqua:

1. La maggior parte dell’acqua che usiamo va all’agricoltura

L’agricoltura esercita una pressione significativa sull’acqua dolce del mondo, rappresentando circa il 70% di tutti i prelievi di acqua. Questo numero può raggiungere oltre il 90% in paesi come il Pakistan dove l’agricoltura è più intensa. A meno che non vengano compiuti sforzi sostanziali per ridurre lo spreco alimentare e aumentare la produttività agricola degli agricoltori – per ottenere più “colture per goccia” – si prevede che le richieste di acqua nel settore agricolo aumenteranno nei prossimi anni per tenere il passo con la crescita della popolazione.

Coltivare cibo e fibre e allevare il bestiame mette in pericolo gli ecosistemi del mondo, che sono a rischio di degrado, inquinamento ed estrazione di acqua. In estuari, fiumi e laghi, le fioriture algali nocive, alimentate dall’uso crescente di fertilizzanti, rappresentano una minaccia globale. Stuoie di alghe tossiche – in un vortice di verdi, rossi e marroni – uccidono i pesci, allontanano i turisti, contaminano l’acqua potabile e deprimono i valori delle proprietà.

Grandi laghi e delta fluviali si sono ridotti dopo decenni di prelievi che superano i depositi. Il restringimento del lago d’Aral, ad un certo punto il quarto lago più grande del mondo, è dovuto all’irrigazione del cotone in Asia centrale. Gli ecosistemi palustri importanti sono in declino. Forse metà delle zone umide del mondo sono state riempite e il tasso di perdita è accelerato negli ultimi decenni.

2. L’adattamento al cambiamento climatico significa rispondere ai cambiamenti nella distribuzione e nella qualità dell’acqua

Il cambiamento climatico influenza la disponibilità e la qualità delle risorse idriche. Su un pianeta più caldo, eventi meteorologici estremi e irregolari come inondazioni e siccità stanno diventando più frequenti. Una ragione è che un’atmosfera più calda trattiene più umidità. Si prevede che i modelli di precipitazioni esistenti si radicheranno. Le aree asciutte diventeranno più asciutte e le zone umide diventeranno più umide.

Anche la qualità dell’acqua sta cambiando. Le temperature più calde del fiume e del lago riducono l’ossigeno disciolto e rendono gli habitat più letali ai pesci. Le acque di riscaldamento sono anche gli incubatori più prolifici di alghe nocive, che sono tossici per la vita acquatica e per gli esseri umani.

I sistemi artificiali che catturano, immagazzinano, spostano e trattano l’acqua non sono stati progettati tenendo conto di questa variabilità. Il manto nevoso si restringerà e si scioglierà prima. Adeguarsi a un clima che cambia significa investire in infrastrutture idriche più resistenti, dal drenaggio urbano allo stoccaggio dell’acqua.

acqua

3. L’acqua è una fonte crescente di conflitto e un bersaglio in guerra

Dai conflitti in Medio Oriente alle proteste in Africa e in Asia, l’acqua svolge un ruolo sempre più importante nei disordini civili e nei conflitti armati. Più spesso, le nazioni e le regioni si compromettono per risolvere le difficili dispute sulla gestione dell’acqua. Il trattato delle acque dell’Indo, che divide gli affluenti del fiume Indo tra l’India e il Pakistan, è un esempio lodato che è durato per quasi sei decenni.

Ma queste vecchie norme di cooperazione sono state testate dalla natura imprevedibile del cambiamento climatico, della crescita della popolazione e dei conflitti subnazionali. Drammatiche oscillazioni nell’approvvigionamento idrico stagionale, un problema spesso ignorato fino a quando una crisi emerge, minacciano la stabilità regionale, locale e globale influenzando la produzione agricola, la migrazione della popolazione e il benessere umano.

Le forniture idriche e le infrastrutture idriche possono essere utilizzate come armi da guerra e mirate all’azione militare. I militanti dello Stato islamico hanno preso il controllo della diga di Mosul in Iraq, nel 2014. L’anno successivo hanno bombardato condutture idriche e chiuso gli sbocchi di dighe in Siria che hanno soffocato il flusso dell’Eufrate per sei mesi.

acqua

4. Miliardi di persone non dispongono di acqua e servizi igienici sicuri e accessibili

Circa 2,1 miliardi di persone non dispongono di acqua potabile sicura, accessibile e accessibile e, secondo le Nazioni Unite, oltre 4,5 miliardi mancano di servizi igienici. Questa sporca acqua fa ammalare e uccide milioni di persone ogni anno da diarrea e altre malattie trasmesse dall’acqua.

Poiché le sostanze si dissolvono facilmente in essa, l’acqua, che è chiamata solvente universale, è spesso il luogo dove finiscono gli agenti inquinanti. Le falde acquifere, i fiumi e l’acqua del rubinetto possono contenere i marcatori chimici e batterici dei loro dintorni: piombo da tubi, solventi industriali da impianti di produzione, mercurio da miniere d’oro senza licenza, virus da rifiuti animali e nitrati e pesticidi dai campi agricoli.

5. Le acque sotterranee sono la più grande fonte al mondo di acqua dolce liquida. Ma è scarsamente compreso e drammaticamente sovrasfruttato

La quantità di acqua nelle falde acquifere, chiamata anche acque sotterranee, è più di 25 volte quella dell’acqua nei fiumi e nei laghi dell’intero pianeta.

Circa 2 miliardi di persone si affidano alle falde acquifere come fonte primaria di acqua potabile e quasi la metà dell’acqua utilizzata per irrigare i raccolti proviene dal sottosuolo.

Nonostante questa dipendenza, si conosce troppo poco della qualità e della quantità di acque sotterranee disponibili. Quell’ignoranza ha portato, in molti casi, a un uso eccessivo, e molte falde acquifere nei paesi del mondo del pane, che producono grandi quantità di grano e grano, si stanno esaurendo. I funzionari indiani, ad esempio, affermano che il paese affronta la sua peggiore crisi idrica, in gran parte a causa del restringimento delle falde acquifere che sono scese a centinaia di metri sottoterra.

Cosa viene dopo?

Il tema della Giornata mondiale dell’acqua 2019 è “Leaving No One Behind”(non lasciare nessuno indietro). Creare un mondo sicuro per l’acqua per i 7,5 miliardi di persone del pianeta sarà uno sforzo erculeo, reso più massacrante dalle prove del cambiamento climatico. Ma è possibile, e ci sono già passi in quella direzione.

La Cina sta investendo in spazi verdi urbani che renderanno le sue città “scroccone”, per assorbire le piogge e minimizzare le inondazioni. Filadelfia, Singapore e altri stanno anche investendo miliardi di dollari per ammorbidire il paesaggio duro della città. L’America’s Clean Water Act, in oltre quattro decenni, ha eliminato le sostanze inquinanti dai fiumi e contribuito a rivitalizzare il lungomare. A livello internazionale, sempre più imprenditori e funzionari governativi parlano del valore dell’acqua.

Le conversazioni e i finanziamenti e le politiche che ne derivano sono essenziali. Miliardi di persone contano su di loro.

Fonte originale dell’articolo

You may also like
generazioni
Nuove Generazioni 2017. Il bando di “Con i Bambini”
edifici
7 edifici abbandonati a cui è stata data una seconda vita

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.