Comunicazione Sociale

16 giorni di attivismo contro la violenza di genere

violenza

La campagna UNiTE by 2030 per porre fine alla violenza contro le donne del Segretario generale delle Nazioni Unite segna i 16 giorni di attivismo contro la violenza di genere (dal 25 novembre al 10 dicembre 2020) con il tema globale ” Orange the World: Fund, Respond, Prevent, Collect! “.

La campagna di UN Women Generation Equality sta amplificando la richiesta di un’azione globale per le lacune di finanziamento, garantire servizi essenziali per le sopravvissute alla violenza durante la crisi COVID-19, porre l’attenzione alla prevenzione, e la raccolta di dati che possono migliorare i servizi salvavita per le donne e ragazze. La campagna fa parte degli sforzi delle donne delle Nazioni Unite per Pechino + 25 e si sta preparando per lanciare nuove azioni coraggiose e impegni per porre fine alla violenza contro le donne al Forum sull’uguaglianza delle generazioni in Messico e Francia nel 2021.

Quest’anno è come nessun altro. Anche prima che il COVID-19 colpisse, la violenza contro donne e ragazze aveva raggiunto proporzioni pandemiche. A livello globale, nell’ultimo anno 243 milioni di donne e ragazze hanno subito abusi da parte di un partner intimo. Nel frattempo, meno del 40% delle donne che subiscono violenza lo denuncia o cerca aiuto.

Poiché i paesi hanno implementato misure di blocco per fermare la diffusione del coronavirus, la violenza contro le donne, in particolare la violenza domestica, si è intensificata: in alcuni paesi, le chiamate ai numeri di emergenza sono aumentate di cinque volte. In altri, le denunce formali di violenza domestica sono diminuite poiché i sopravvissuti trovano più difficile cercare aiuto e accedere al supporto attraverso i canali regolari. La chiusura delle scuole e le tensioni economiche hanno lasciato le donne e le ragazze più povere, senza scuola e senza lavoro e più vulnerabili allo sfruttamento, agli abusi, ai matrimoni forzati e alle molestie.

Nell’aprile 2020, mentre la pandemia si è diffusa in tutto il mondo, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha indetto la campagna “pace in casa” e 146 Stati membri hanno risposto con la loro forte dichiarazione di impegno. Negli ultimi mesi 135 paesi hanno rafforzato le azioni e le risorse per affrontare la violenza contro le donne come parte della risposta a COVID-19. Tuttavia, è necessario molto di più.

Oggi, sebbene le voci di attivisti e sopravvissuti abbiano raggiunto un crescendo che non può essere messo a tacere o ignorato, porre fine alla violenza contro le donne richiederà maggiori investimenti, leadership e azione. Non può essere messo da parte; deve far parte della risposta nazionale di ogni paese, specialmente durante la crisi del COVID-19 in corso.

Per i 16 giorni di attivismo, UN Women ha consegnato il microfono a sopravvissute, attiviste e partner delle Nazioni Unite sul campo, per raccontare la storia di ciò che è accaduto dopo il COVID-19. Leggi e condividi storie, lasciati ispirare dagli attivisti che fanno la differenza ogni singolo giorno e scopri come puoi agire.

Fatti e cifre: porre fine alla violenza contro le donne

La disponibilità di dati sulla violenza contro le donne e le ragazze è aumentata in modo significativo negli ultimi anni ei dati sulla prevalenza della violenza da partner intimi sono ora disponibili per almeno 106 paesi. Visita la nostra pagina di ricerca e dati per ulteriori informazioni sul motivo per cui i dati sono fondamentali per il lavoro delle donne delle Nazioni Unite a sostegno delle donne e delle ragazze che subiscono violenza.

A livello globale, il 35% delle donne ha mai subito violenza fisica e / o sessuale da parte del partner intimo o violenza sessuale da parte di un non partner. Questa cifra non include le molestie sessuali. Alcuni studi nazionali mostrano che il numero può raggiungere il 70% delle donne e che i tassi di depressione, aborto e contrazione dell’HIV sono più alti nelle donne che hanno subito questo tipo di violenza rispetto alle donne che non l’hanno [1].

Le chiamate ai numeri di emergenza sono aumentate di cinque volte in alcuni paesi poiché i tassi di violenza da partner intimo segnalata aumentano a causa della pandemia COVID-19. La limitazione dei movimenti, l’isolamento sociale e l’insicurezza economica stanno aumentando la vulnerabilità delle donne alla violenza domestica in tutto il mondo [2].

Entro settembre 2020, 48 paesi avevano integrato la prevenzione e la risposta alla violenza contro donne e ragazze nei piani di risposta COVID-19 e 121 paesi avevano adottato misure per rafforzare i servizi per le donne sopravvissute alla violenza durante la crisi globale, ma sono urgentemente necessari maggiori sforzi [3].

137 donne vengono uccise ogni giorno da un membro della loro famiglia. Si stima che delle 87.000 donne intenzionalmente uccise nel 2017 a livello globale, più della metà (50.000) siano state uccise da partner intimi o familiari. Più di un terzo (30.000) delle donne uccise intenzionalmente nel 2017 sono state uccise dal loro attuale o ex partner intimo [4].

Meno del 40% delle donne che subiscono violenza cerca aiuto di qualsiasi tipo. Nella maggior parte dei paesi con dati disponibili su questo tema, tra le donne che cercano aiuto, la maggior parte guarda alla famiglia e agli amici e pochissime guarda alle istituzioni formali, come la polizia e i servizi sanitari. Meno del 10 per cento di coloro che cercano aiuto ha fatto ricorso alla polizia [5].

Almeno 155 paesi hanno approvato leggi sulla violenza domestica e 140 hanno leggi sulle molestie sessuali sul posto di lavoro. Tuttavia, anche quando esistono leggi, ciò non significa che siano sempre conformi agli standard e alle raccomandazioni internazionali, o che siano attuate e fatte rispettare [6].

Le donne adulte rappresentano quasi la metà (49%) di tutte le vittime della tratta di esseri umani individuate a livello globale. Le donne e le ragazze insieme rappresentano il 72%, con le ragazze che rappresentano più di tre su quattro bambini vittime della tratta. La maggior parte delle donne e delle ragazze è oggetto di tratta a scopo di sfruttamento sessuale [7].

Nel 2019, una donna su cinque, di età compresa tra 20 e 24 anni, si è sposata prima dei 18 anni . Negli ultimi dieci anni, il tasso globale di matrimoni precoci è diminuito, con l’Asia meridionale che ha registrato il calo maggiore durante questo periodo. Oggi, il rischio di matrimoni precoci è più alto nell’Africa subsahariana, dove più di una donna su tre, di età compresa tra 20 e 24 anni, si è sposata prima dei 18 anni. Il matrimonio precoce si traduce spesso in gravidanza precoce e isolamento sociale, interrompendo la scuola e aumenta il rischio di una ragazza di subire violenza domestica [8].

Almeno 200 milioni di donne e ragazze, di età compresa tra i 15 ei 49 anni, hanno subito mutilazioni genitali femminili in 31 paesi in cui si concentra la pratica. La metà di questi paesi si trova nell’Africa occidentale. Ci sono ancora paesi in cui le mutilazioni genitali femminili sono quasi universali, dove almeno 9 ragazze e donne di età compresa tra 15 e 49 anni sono state tagliate [9].

15 milioni di ragazze adolescenti in tutto il mondo, di età compresa tra 15 e 19 anni, hanno subito rapporti sessuali forzati. Nella stragrande maggioranza dei paesi, le ragazze adolescenti sono maggiormente a rischio di rapporti sessuali forzati (rapporti sessuali forzati o altri atti sessuali) da parte di un marito, partner o fidanzato attuale o precedente. Sulla base dei dati di 30 paesi, solo l’1% ha mai cercato un aiuto professionale [10].

La violenza di genere legata alla scuola è uno dei principali ostacoli alla scolarizzazione universale e al diritto all’istruzione per le ragazze. A livello globale, uno studente su tre, di età compresa tra 11 e 15 anni, è stato vittima di bullismo da parte dei suoi coetanei a scuola almeno una volta nell’ultimo mese, con ragazze e ragazzi che hanno la stessa probabilità di subire atti di bullismo. Mentre i ragazzi hanno maggiori probabilità di subire bullismo fisico rispetto alle ragazze, le ragazze hanno maggiori probabilità di subire bullismo psicologico e riferiscono di essere state prese in giro a causa dell’aspetto del loro viso o del loro corpo più frequentemente dei ragazzi [11].

Una donna su 10 nell’Unione europea riferisce di aver subito molestie informatiche dall’età di 15 anni. Ciò includeva la ricezione di e-mail o messaggi SMS sessualmente espliciti indesiderati e / o offensivi, oppure avanzamenti offensivi e / o inappropriati sui siti di social network. Il rischio è più alto tra le giovani donne di età compresa tra 18 e 29 anni [12].

In Medio Oriente e Nord Africa, il 40-60% delle donne ha subito molestie sessuali per strada. Nello studio multinazionale, le donne hanno affermato che le molestie erano principalmente commenti sessuali, stalking o follow, o fissazione o occhiatura. Tra il 31 e il 64 per cento degli uomini ha dichiarato di aver compiuto tali atti. Uomini più giovani, uomini con più istruzione e uomini che hanno subito violenza da bambini avevano maggiori probabilità di subire molestie sessuali di strada [13].

In cinque regioni, l’82% delle donne parlamentari ha riferito di aver subito una qualche forma di violenza psicologica mentre era in carica. Ciò includeva osservazioni, gesti e immagini di natura sessuale sessista o umiliante, minacce e mobbing. Le donne hanno citato i social media come il canale principale di questo tipo di violenza e quasi la metà (44%) ha riferito di aver ricevuto minacce di morte, stupro, aggressione o rapimento nei loro confronti o nelle loro famiglie. Il sessantacinque per cento era stato oggetto di osservazioni sessiste, principalmente da colleghi uomini in parlamento [14].


Traduzione dal sito dell’ UN Woman

Fonte originale dell’articolo


NOTE

[1] Organizzazione mondiale della sanità, Dipartimento di salute riproduttiva e ricerca, London School of Hygiene and Tropical Medicine, South African Medical Research Council (2013). Stime globali e regionali della violenza contro le donne: prevalenza ed effetti sulla salute della violenza da parte del partner intimo e della violenza sessuale senza partner, p.2. Per informazioni sui singoli paesi, consultare UN Women Global Database on Violence against Women.

[2] UN Women (2020). Intensificazione degli sforzi per eliminare tutte le forme di violenza contro le donne: Report of the Secretary-General (2020), p. 4.

[3] UN Women e UNDP (2020). COVID-19 Global Gender Response Tracker.

[4] Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (2019). Global Study on Homicide 2019, pag. 10.

[5] Affari economici e sociali delle Nazioni Unite (2015). The World’s Women 2015, Trends and Statistics, p. 159

[6] Gruppo della Banca mondiale (2020). Donne, impresa e legge 2020.

[7] UNODC (2018). Rapporto globale sulla tratta di persone 2018, pag. 25, 28.

[8] Nazioni Unite, dipartimento degli affari economici e sociali, divisione statistica (2020). Raggiungere l’uguaglianza di genere e responsabilizzare tutte le donne e le ragazze.

[9] Nazioni Unite, dipartimento degli affari economici e sociali, divisione statistica (2020). Raggiungere l’uguaglianza di genere e responsabilizzare tutte le donne e le ragazze.

[10] UNICEF (2017). Un volto familiare: la violenza nella vita di bambini e adolescenti, p. 73, 82.

[11] UNESCO (2019). Dietro i numeri: porre fine alla violenza scolastica e al bullismo, p.25-26; UNESCO (2018). Violenza scolastica e bullismo: situazione globale e tendenze, fattori trainanti e conseguenze, p. 4, 9; Education for All Global Monitoring Report (EFA GMR), UNESCO, United Nations Girls ‘Education Initiative (UNGEI) (2015). La violenza di genere legata alla scuola impedisce il raggiungimento di un’istruzione di qualità per tutti, Policy Paper 17; e UNGEI (2014). Fine Infografica sulla violenza di genere legata alla scuola (SRGBVB).

[12] Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali (2014). Violenza contro le donne: un’indagine a livello dell’UE, pag. 104.

[13] Promundo e UN Women (2017). Capire le mascolinità: risultati dell’indagine internazionale sugli uomini e l’uguaglianza di genere (IMMAGINI) – Medio Oriente e Nord Africa, p. 16.

[14] Unione interparlamentare (2016). Sessismo, molestie e violenza contro le donne parlamentari, pag. 3.

You may also like
Tra gioco e successo: il crowdfunding e le campagne sociali
rifugiati
Questi paesi ospitano la più alta percentuale di rifugiati nel mondo

Leave Your Comment

Your Comment*

Your Name*
Your Webpage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.